alpadesa
  
Flash news:   Secondo contagio ad Atripalda, il sindaco: “invito l’intera comunità ad osservare le misure per la prevenzione e il contrasto al covid-19” Coronavirus, contagiato ad Atripalda anche un parente della signora romena Nuovo caso di Coronavirus ad Atripalda, il sindaco: “la donna straniera sottoposta ad isolamento” Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda: in isolamento persona rientrata dall’estero Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi) “Cinema al Parco”, mercoledì al via la terza edizione estiva a Parco delle Acacie Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Piazza Umberto I, gruppo di bambini aggrediti: 12enne finisce in ospedale Al via la XXVIII edizione del Festival “I Luoghi della Musica”: stasera si parte dal Chiostro di S. Maria della Purità di Atripalda

Dramma casa a contrada Alvanite, il consigliere del Pdl Vincenzo Moschella chiede la risoluzione della questione

Pubblicato in data: 30/12/2012 alle ore:09:00 • Categoria: Pdl, Politica

contrada-alvaniteDavvero increscioso è il dramma vissuto quotidianamente dalla famiglia Troncone residente in via Madre Teresa di Calcutta, ex Contrada Alvanite. La difficile situazione denunciata in una lettera aperta al Sindaco e pubblicata sulle pagine di un noto settimanale locale, evidenzia una problematicità che va oltre il limite della sopportazione e del buon senso. E’ impensabile in una società civile alle porte del 2013 immaginare, un nucleo familiare di ben sei persone in un alloggio di 55 mq, quando l’art. 2 lett. c della legge regionale n.18/1997 recante la disciplina per l’assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica, ne prevede l’assegnazione di uno non inferiore a 85 mq per un nucleo di sei persone. Una tale vicenda di carattere sociale dai connotati paradossali non può passare così inosservata, dunque personalmente interesserò della questione il Presidente della Provincia, i Sub Commissari dell’IACP e il Prefetto, ed insieme al gruppo consiliare al Comune di Atripalda interrogheremo il Primo Cittadino sulle iniziative e le risoluzioni che intende adottare al riguardo. Non solo, ma in seno al prossimo consiglio comunale chiederò espressamente al delegato al patrimonio e al comandante dei vigili urbani ulteriori verifiche nella suddetta Contrada, al fine di avere una panoramica più dettagliata e completa circa la situazione complessiva degli alloggi popolari. Alla famiglia Troncone, in attesa di una rapida e definitiva risoluzione esprimo tutta la mia solidarietà e quella del gruppo consiliare PDL.

Vincenzo Moschella
Consigliere Comunale PDL

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Sosta selvaggia in città, la nuova denuncia del consigliere del Pdl Vincenzo Moschella

Atripalda in tema di viabilità e traffico certamente non brilla, non a caso già dalle prime ore del mattino la Read more

Degrado in città, la denuncia del consigliere del Pdl Vincenzo Moschella. Foto

Non è la prima volta che mi rivolgo ai quotidiani per denunciare lo stato di abbandono e degrado delle periferie, Read more

Un anno di Amministrazione Spagnuolo, Moschella (Pdl): “Triste epilogo di esperienza conclusa”

Quello di venerdì scorso è stato il triste epilogo di un'esperienza amministrativa ormai conclusa. L'amministrazione Spagnuolo insediatasi poco più di Read more

Degrado ed abbandono in Contrada Ischia e Largo Fiumitello, nota del consigliere del Pdl Vincenzo Moschella

Televisori, materassi, caldaie, scaldabagni, ante, vetro, plastica, sanitari, mobili vari, etc. etc. insomma un vero e proprio mercatino dell'usato a Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *