alpadesa
  
Flash news:   Idea Atripalda raccoglie proposte e segnalazioni per migliorare la Città Gestione del personale a Palazzo di città, il gruppo consiliare d’opposizione Noi Atripalda all’attacco. Fabiola Scioscia: “incompetenza e superficialità” Domenico Airoma a capo della procura della Repubblica di Avellino Riapertura scuole in Campania, il Tar ordina: Primaria in classe da domani Stufa a Gpl prende fuoco ad Atripalda, i Vigili del fuoco evitano il peggio Vallone Testa e Fosso Orto di Preti, la Giunta Spagnuolo fissa gli impegni di spesa per i due progetti di riqualificazione e risanamento idrogeologico ad Atripalda Coronavirus, un nuovo contagiato ad Atripalda Il derby campano con la Cavese è dei lupi Biblioteca comunale ancora chiusa, “Idea Atripalda” incalza l’Amministrazione Spagnuolo Caccia ai contribuenti morosi di Imu, Tari e altre tasse comunali ad Atripalda

Pancotto nuovo coach della Scandone: “Felice di essere tornato, proiettato a Montegranaro”

Pubblicato in data: 18/1/2013 alle ore:14:25 • Categoria: Avellino Basket

cesare-pancottoE’ ufficiale: Cesare Pancotto torna alla guida della Scandone dopo tre anni. Esonerato Tucci, la scelta è caduta sul coach che ha lasciato un ottimo ricordo ad Avellino salvando la Scandone ed ottenendo un posto nelle Final Eight.
Questo il comunicato della società: “La S.S. Felice Scandone Sidigas Avellino infatti ha comunica che, lunedì 14 gennaio, Gianluca Tucci si è dimesso dall’incarico di capo allenatore della prima squadra, rimettendo il mandato nelle mani della società che ha accettato la richiesta. Alla luce del lavoro svolto con professionalità e passione e per il suo forte legame con il sodalizio bianco verde, la Società ha chiesto a Gianluca Tucci di restare nello staff tecnico della prima squadra, ricoprendo nuovamente il ruolo di assistente. Tale proposta è stata accettata dal coach irpino che, quindi, continuerà a fare parte del progetto biancoverde. S.S. Felice Scandone Sidigas Avellino ha deciso di affidare l’incarico di head coach a Cesare Pancotto, che si appresta così ad affrontare la sua seconda esperienza in Irpinia dopo il campionato 2009\2010 quando, alla guida dei biancoverdi, chiuse il campionato al nono posto. Marchigiano di Porto San Giorgio, classe 55, ha disputato oltre 900 partite da capo allenatore tra Serie A e Serie A2\LegaDue. Nella sua carriera ha vinto tre campionati di A2 con le panchine di Pistoia (1991-92), Siena (1993-94) e Trieste (1998-99)”.
Questa mattina la presentazione nella sala stampa del PalaDelMauro. “Non potevo rifiutare Avellino, quando sono stato chiamato mi sono inorgoglito. Era un dovere accettare la proposta della Scandone. Ringrazio chi mi ha voluto e spero di riuscire a tirare fuori questa squadra dall’incubo al più presto. Dobbiamo capire che il bene comune è la Scandone, è inutile guardarci indietro e pensare a ciò che è stato nel recente passato” . L’ex coach di Barcellona prosegue ancora: “Voglio far parlare il cuore e non la testa. Ho studiato da architetto e per fare una casa ci vogliono fondamenta solide. Mi prendo l’onere di portare fuori la Scandone da questo brutto momento“.
Per il presidente della società Sampietro: “Mi auguro che con il suo avvento ci sia un cambio di marcia, adesso è qui godiamocelo. E non pensiamo ai mesi trascorsi“.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *