alpadesa
  
domenica 19 gennaio 2020
Flash news:   I residenti di Alvanite si incontrano per discutere sullo stato di fatto delle abitazioni e sul degrado della contrada di Atripalda Non si potrà più sostare di giorno e di notte in piazza Tempio Maggiore  ad Atripalda: firmata l’ordinanza del Comando di Polizia municipale Bertolo è un nuovo giocatore dell’Us Avellino “Guardando dentro e fuori di noi” il calendario testamento di Peppino Pennella La Co.Vi.So.C. sblocca il mercato dell’Avellino Calcio Truffa all’Inps, false assunzioni ed evasione: cinque arresti a Benevento. Indagati anche ad Atripalda Omicidio De Cristoforo, Luigi Viesto condannato a dieci anni di reclusione Inquinamento ad Atripalda, l’attivista del M5s Federico Giliberti chiede centraline fisse per monitorare la qualità dell’aria Dolore e lacrime nel giorno dell’addio al docente, scrittore e poeta Goffredo Napoletano Da domani attivi tre nuovi autovelox sul raccordo Avellino-Salerno: uno in territorio Atripalda

Atripalda Calcio, anche il match di Massa Lubrense sospeso per il maltempo

Pubblicato in data: 20/1/2013 alle ore:08:55 • Categoria: Sport, CalcioStampa Articolo

massa-lubrense nebbiaContinua ad essere perseguitata dalla condizioni meteo avverse l’Atripalda, costretta a rimandare anche l’appuntamento con il Massa Lubrense. In terra sorrentina, la partita dura soltanto un tempo (0-0) per effetto della nebbia impadronitasi del terreno di gioco durante l’intervallo. Già la prima frazione di gioco era stata caratterizzata dal forte vento che aveva condizionato non poco lo spettacolo in campo, poi il fitto banco di nebbia che ha accolto il rientro in campo delle due squadre, rispedite dopo pochi minuti sotto la doccia per il triplice fischio anticipato del signor Romaniello. Complice il vento a favore, i padroni di casa hanno fatto la partita sfiorando il gol in almeno cinque occasioni nel primo quarto d’ora. E’ stato un super Afeltra, in evidenza anche contro il Real Trentinara, a tenere salvare i suoi in quello che è stato un vero e proprio assedio alla porta biancoverde sin dai primi minuti. A provarci per primo è stato Cappiello al 3′ con una botta su calcio piazzato dal limite respinta dal numero uno sabatino. Poco dopo Di Leva in campo aperto si presenta in area, ma da buona posizione dà l’illusione del gol sul palo vicino. Al 6′ Cacace carica il sinistro dai venti metri ma Afeltra ancora una volta dice di no. Al 10′ l’occasione più limpida per i nerazzurri: Marino penetra in dribbling nei sedici metri e batte a rete trovando la terza risposta superlativa del portiere avversario, sugli scudi anche sul tentativo da fermo dalla trequarti di Di Leva al quarto d’ora esatto. Atripalda contratta, ma per nulla agevolata dalle folate di vento contrario. La contesa si spegne ben presto e l’arbitro la chiude definitivamente prima di riprendere il gioco. Il Massa Lubrense deve attendere per servire il riscatto. L’Atripalda ripiomba nell’incubo maltempo che già nella passata stagione ne ha frenato la corsa salvezza.

Massa Lubrense – Atripalda sospesa al 45′ p.t. sul risultato di 0-0

Massa Lubrense: Stinga, De Angelis, Cantilena, Cappiello, De Luca, Gargiulo R., Di Leva, Cestaro, Marino, Cacace, D’Esposito. A disp.: Fiorentino, Siniscalchi, De Simone, Terminiello, Gargiulo A., Balduccelli, Palomba. All.: Gargiulo.

Atripalda: Afeltra, Tirri, Tancredi, Perrino, Aresini, D’Andrea, Colella, Izzo F., Stravato, Izzo I., Barletta. A disp.: Picariello, Formato, Galluccio, D’Acierno, Trincone, Baratta. All.: Carullo.

Arbitro: Giuseppe Romaniello della sezione di Napoli.

Ammoniti: D’Andrea, Tirri (A).

Note: giornata fredda e ventilata.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *