alpadesa
  
domenica 16 giugno 2019
Flash news:   Abellinum Pride, marcia arcobaleno di festa e denuncia: sfilano in duemila. Il sindaco di Atripalda: «un passo in avanti per abbattere i muri della solitudine e dell’indifferenza». FOTOSERVIZIO Abellinum Pride, le madrine Eva Grimaldi e Imma Battaglia: «ci vuole coraggio in provincia, siamo qui per far progredire il nostro Paese dove manca una legge contro l’omofobia». FOTO Atripalda Volleyball, a lavoro per programmare la prossima stagione di serie B Scontro in Consiglio sul Rendiconto 2018 in rosso, sindaco nel mirino dell’opposizione. Mazzariello: “rimetta la delega sul Bilancio” e Landi: “ennessima diffida prefettizia che danneggia l’immagine dell’Ente mentre primo cittadino e assessore Urciuoli nei comuni di dipendenza lavorano per non prenderne”. FOTO Cambio di denominazione societaria: da Calcio Avellino SSD a.r.l a Unione Sportiva Avellino 1912 s.r.l. Alla festa di Sant’Antonio appare un topo in piazza Umberto. FOTO Tanti fedeli ieri alla processione di Sant’Antonio dopo l’omelia del parroco “barricadero” Don Fabio. Stasera sul palco bottari e il comico Giuffrida. FOTO Chiudono negozi per la crisi e protestano i residenti, piazza Cassese a rischio desertificazione Consegnate le onorificenze al Merito della Repubblica, anche Atripalda premiata Così non va – Buche, dislivelli e asfalto colabrodo in via Scandone, via Di Ruggiero e via Capozzi. FOTO

Teatro Gesualdo, Moni Ovadia ad Avellino per la Giornata della Memoria

Pubblicato in data: 23/1/2013 alle ore:08:43 • Categoria: CulturaStampa Articolo

moni-ovadia-3L’umorismo dissacrante della cultura Yiddish. Le barzellette pungenti della tradizione ebraica. Le melodie zigane e le sonorità klezmer per celebrare la Giornata della Memoria. Contro ogni forma di razzismo, al Teatro “Carlo Gesualdo” di Avellino, arriva Moni Ovadia.

Il Teatro comunale di Avellino, in collaborazione con il Teatro Pubblico Campano, celebra la Giornata della Memoria dedicata al ricordo delle vittime della Shoah e delle migliaia di Sinti e Rom sterminati nei campi di concentramento nazisti, con il nuovo spettacolo di Moni Ovadia “Senza Confini. Ebrei e Zingari”, in scena venerdì 25 gennaio alle 21 e in replica per le scuole sabato 26 alle 10.30.

“Senza Confini. Ebrei e Zingari” e il concerto-spettacolo contro ogni forma di razzismo che lo scrittore, attore, drammaturgo e compositore Moni Ovadia e la sua Stage Orchestra, hanno deciso di portare ad Avellino per il secondo appuntamento del fortunatissimo cartellone di Teatro Civile del “Carlo Gesualdo”.

Una due giorni rivolta non solo al pubblico adulto ma anche ai giovani studenti delle scuole della provincia di Avellino per non dimenticare l’orrore e la violenza vissuti dal popolo ebraico e dalle minoranze zingare durante il secondo conflitto mondiale.

«Il Teatro “Carlo Gesualdo” dimostra di essere sempre più sensibile ai temi dell’attualità e dell’impegno civile – spiega il presidente dell’Istituzione Teatro comunale Luca Cipriano – Per questa ragione abbiamo pensato di celebrare la Giornata della Memoria nel ricordo delle vittime delle atrocità naziste con un attore, scrittore e drammaturgo del calibro di Moni Ovadia, ambasciatore universale dell’amore tra i popoli e paladino della dignità dell’essere umano. Un momento di grande riflessione all’insegna del grande teatro civile che da diverse stagioni compone il variegato cartellone del “Carlo Gesualdo».

“Senza Confini. Ebrei e Zingari” sarà un melting pot di emozioni. L’amore per la battuta, il sarcasmo, la poetica e le storielle della tradizione giudaica si fonderanno in un unico grande spettacolo accompagnato dalle musiche che attraversano i popoli e i territori dell’Europa dell’Est, creando un mix originale e coinvolgente, appunto, senza confini.

Le storie e i canti di Rom, Sinti ed Ebrei vogliono mettere in risalto la comune vocazione delle genti in esilio che proviene dal passato e che vuole essere un piccolo contributo contro ogni forma di razzismo nella convinzione che il teatro civile possa e debba scardinare conformismi e meschine convenienze per proclamare a gran voce la non negoziabilità della libertà e della dignità di ogni essere umano.
I biglietti per assistere allo spettacolo di Moni Ovadia sono ancora disponibili presso i botteghini di piazza Castello, aperti fino a venerdì 25 gennaio dalle 9 alle 13 e dalle 17 alle 20.
Per assicurarsi un posto in prima fila basterà acquistare il biglietto in Platea a 22 euro. Altrimenti si può scegliere di sedersi comodamente in Galleria con soli 15 euro.
Per maggiori informazioni, telefonare al numero 0825.771620

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *