alpadesa
  
Flash news:   Lesioni e cornicioni a rischio crollo, intervento dei Vigili del Fuoco con Utc e Polizia municipale a Palazzo Piarulli ad Atripalda.FOTO Inchiesta scuole, il sindaco relaziona per quasi un’ora dinanzi al Consiglio di Istituto della “De Amicis-Masi”. La ds Carbone: «Siamo fiduciosi del lavoro svolto dalla Procura e attendiamo gli esiti». FOTO Domani al Parco Avventura percorso di Neuroeducazione ed Educazione Emozionale Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Scandone sconfitta nel derby casalingo con la Virtus Salerno. Foto

Calcio, Atripalda travolta dal Massa Lubrense: 5-2

Pubblicato in data: 30/1/2013 alle ore:22:47 • Categoria: Sport, CalcioStampa Articolo

goal-reteNon riesce l’inversione di tendenza all’Atripalda, travolta dal Massa Lubrense nel recupero della diciottesima giornata. L’illusione biancoverde, regalata dalla rete di Modesto, è stata spazzata via da una ripresa thriller che nei suoi primi 5′ ha visto i padroni di casa colpire ben tre volte ammazzando così la partita. E’ prevalsa la voglia di riscatto della formazione di Gargiulo, che si mette alle spalle le tre sconfitte consecutive ed in tasca la salvezza. La sfida si presentava delicata per entrambe le squadre, a caccia di punti per tornare a sorridere. Ospiti a trazione anteriore col 4-3- 3 varato da Carullo, che ritrova Tirri e Isidoro Izzo, ma deve fare a meno di D’Andrea e Perrino. Gargiulo, invece, ripropone il 4-2-3-1 con il terzetto Iovino-Di Leva-Cacace alle spalle di Marino. L’Atripalda parte forte e al 9′ è già in vantaggio. Tiro-cross di Fabio Izzo dalla trequarti, la difesa massese si perde Modesto che si aggiusta la palla sul sinistro e deposita alle spalle di Stinga. “Cerulli” gelato e Massa Lubrense sorpreso. Lo svantaggio, però, non demoralizza Cacace e compagni che al 14′ e al 18′ ci provano con Cappiello su punizione e Di Leva da fuori ma la mira è leggermente imprecisa. La pressione nerazzurra aumenta e viene coronata al 20′, quando D’Esposito salta più alto di tutti su azione da corner ed insacca di testa per l’1-1. Il Massa Lubrense tiene saldamente il pallino del gioco e va vicino al sorpasso al 26′ con un pezzo di bravura di Marino: servizio di Di Leva in profondità, dribbling a rientrare sul destro e battuta a rete che Afeltra però mura in uscita disperata. Alla mezz’ora esatta si rivede l’Atripalda, imbottita di under anche per l’occasione: Barletta prende la mira ai trenta metri ma il suo tentativo termina alto. Al 38′ altra ghiotta opportunità per i padroni di casa, ma Cacace tutto solo davanti ad Afeltra si gira e spara clamorosamente sopra il montante. L’ultima palla-gol del primo tempo capita sul destro del baby atripaldese Barbaro, che appena dentro i sedici metri impatta di prima intenzione un suggerimento dalla sinistra di Stravato con sfera che  termina alta. Ripresa shock per gli uomini di Carullo, che al rientro dalla pausa capitolano tre volte. Al 2′ Iovino completa la rimonta con un tap-in sul salvataggio di Afeltra sul tocco sottomisura di Marino. L’Atripalda accusa il colpo e due giri di lancette dopo subisce il tris su rigore guadagnato e trasformato da un Di Leva scatenato. Il poker arriva un minuto dopo con Marino, abile a sorprendere la difesa avversaria su un lancio dalle retrovie. I sabatini imbarcano acqua da tutte le parti e al 7′ è la traversa a salvarli su un sinistro volante di D’Esposito. Al 16′ Afeltra ci mette una pezza, deviando in angolo un tiro a giro di Di Leva. Al 22′ l’Atripalda  accorcia le distanze grazie a De Feo che devia in rete un perfetto cross dalla sinistra di Barletta. Poco dopo arriva anche il secondo giallo per Iovino, che lascia il Massa Lubrense in dieci. L’Atripalda però non trova la forza per ridurre ulteriormente le  istanze, anzi Cacace sciupa ancora a porta sguarnita al 28′. E’ il preludio al pokerissimo, che giunge puntuale al 30′ quando Marino prende palla a centrocampo, percorre quaranta metri palla al piede e di forza batte Afeltra per il decimo sigillo stagionale. La partita finisce qui. L’Atripalda ci mette l’orgoglio, ma non le idee. Senza quelle la strada verso la salvezza è tutta in salita.

Massa Lubrense – Atripalda 5-2

Tabellino

Massa Lubrense: Stinga A., Cantilena (11′ s.t. Gargiulo A.), D’Esposito, Cappiello, De Luca, Gargiulo R., Iovino, Cestaro, Marino (34′ s.t. Stinga A.R.), Cacace, Di Leva (24 s.t. Terminiello).

A disp.: Fiorentino, Siniscalchi, De Angelis, Palomba.

All.: Gargiulo.

Atripalda: Afeltra, Marajo, Tancredi, Izzo F. (11′ s.t. De Feo), Aresini, Tirri, Modesto, Barbaro (24 s.t. Rusolo), Stravato, Izzo I., Barletta.

A disp.: Picariello, Baratta, Boccieri, Napoletano, Trincone.

All.: Carullo.

Arbitro: Giulio Di Nardo della sezione di Napoli.

Marcatori: 9′ p.t. Modesto (A), 20′ p.t. D’Esposito (ML), 2′ s.t. Iovino (ML), 4′ s.t. Di Leva rig. (ML), 5 s.t. Marino (ML), 22′ s.t. De Feo (A), 30 s.t. Marino (ML)

Ammoniti: Modesto (A), Iovino (ML), Afeltra (A), Tancredi (A).

Espulso: 24′ s.t. Iovino (ML) per somma di ammonizioni.

Note: presenti sugli spalti 150 spettatori circa.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *