alpadesa
  
Flash news:   Ripartono dopo mesi i lavori di rinaturalizzazione del fiume Sabato. Foto Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Inaugurata ad Atripalda la sede dell’Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia Rubano nella notte le gomme e lasciano due auto sui mattoni in piazza Cassese: i residenti chiedono la videosorveglianza. Foto Irpiniambiente, riparato il guasto allo Stir: da stasera riprende la raccolta dell’indifferenziato Regionali Campania, presentati i candidati di Europa Verde: per l’Irpinia c’è l’ex vicesindaco Luigi Tuccia Cadono calcinacci ad Alvanite, i giovani del quartiere si recano in Comune dal sindaco: “giornata molto intensa e costruttiva ma siamo stanchi di 40 anni di chiacchiere” Forte pioggia e allagamenti in via Appia: città bloccata Sinistra Italiana Atripalda lancia l’allarme: «Chiudono le banche, altro che Città dei Mercanti» Buon compleanno al “vulcano” Antonio De Vinco

Falò di San Sabino, il Comune diffonde le disposizioni dell’Arpac per la sicurezza: no a legna trattata e fumo denso

Pubblicato in data: 1/2/2013 alle ore:19:12 • Categoria: Attualità, Comune

falò san sabino 2012In occasione della prossima festività di San Sabino, in onore del quale la sera del giorno 8 febbraio, per tradizione vengono accesi falò in aree pubbliche e private, il Sindaco al cospetto di informazioni artatemente false fornite da chi vuol far apparire l’amministrazione comunale contraria addirittura alla festività del Santo Patrono, rende noto che le prescrizioni imposte dipendono da una nota dell’Arpac. Più precisamente il Dipartimento di Avellino in data 14 gennaio in riscontro ad una richiesta di chiarimenti formulata dal Comune di Solofra in previsione dell’accensione dei falò di Sant’ Antonio Abate, ha precisato che “sotto il profilo ambientale la combustione di materiali legnosi libera sostanze inquinanti…..” per cui “occorre utilizzare nei falò legna non trattata con prodotti fitosanitari o verniciata e che non sia materiale di risulta, anche se proveniente da attività agricola. Le accensioni dovranno essere effettuate in condizioni di sicurezza tali da non costituire pericolo, danno o molestia alle persone e quindi procedere all’immediato spegnimento, nel caso in cui il fuoco acceso dovesse produrre fumo in quantità eccessiva“. Il sindaco auspica che con la collaborazione dei cittadini, la tradizione si incrementi e rappresenti anche quest’anno momento di aggregazione e di recupero delle origini della comunità atripaldese.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Falò di San Sabino, Progetto Italia: “Se cose fatte bene, vantaggi per tutti”

"Anche quest'anno, la sera dell'8 febbraio, la tradizione dei "focaroni" di San Sabino si è ripetuta, certamente non senza polemiche, Read more

Così non va – Ceneri dei falò non ancora rimosse e smaltite. Foto

Residui dei falò di San Sabino ancora presenti in piazza Umberto e in piazza Vittorio Veneto ed in altre zone Read more

Falò di San Sabino, la nota di Raffaele La Sala (Piazza Grande): “Salva la tradizione anche se in tono minore”

La tradizione ha resistito, nonostante l'Arpac, le ordinanze della legna vergine e degli avanzi di potatura. In tono minore. Speriamo Read more

La tradizione che si rinnova sotto la neve, acceso l’unico falò in piazza Umberto in onore del Santo Patrono Sabino. Fotoservizio

L'emergenza neve non ferma la fede la devozione verso San Sabino. La tradizione che si rinnova in piazza Umberto I Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

5 risposte a “Falò di San Sabino, il Comune diffonde le disposizioni dell’Arpac per la sicurezza: no a legna trattata e fumo denso”

  1. Ex atripaldese ha detto:

    È chi controlla

  2. aldo ha detto:

    Non solo chi controlla, ma i vigili dove sono?? questa sera ho fatto il giro di atripalda per cercarne uno da poter invitare a verificare multare e far togliere una auto abusiva sull’area risevata ai diversamente abili!!! ma dei vigili nemmeno l’ombra ed erano le 18,45 quindi in pieno movimento di traffico, ma la volete finire??? poi quando c’e’ la processione, il falo’ e qualche manifestazione stanno li in piazza con la machcina in bella mostra!!! voi della redazione non siete soliti segnalare queste cose perche pure voi siete soliti scrivere fotografare e verificare cio’ che vi fa comodo!!!

  3. Gerardo. ha detto:

    I carabinieri stanno esagerando

  4. vergogna ha detto:

    L’ARPAC?! Chiedete all’ARPAC cosa pensa della novolegno, o dello Stir o di Solofra. Quelli dell’arpac sono impresentabili.

  5. mario ha detto:

    x Aldo ma non vedi che sei fuori tema? si parla di altro e tu pensi al posto per disabili,ma xkè non potevi parcheggiare in altro posto? Non penso che sia necessario parcheggiare proprio lì …. o no.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *