alpadesa
  
sabato 23 novembre 2019
Flash news:   Torna il Consiglio comunale ad Atripalda, seduta venerdì 29 novembre. Ecco l’ordine del giorno “Festa dell’albero”: studenti, istituzioni e comunità montana insieme. Foto Maturità 2020, si cambia ancora: via le tre buste per l’orale e torna il tema di storia Condanna della Corte dei Conti per i tre ex dipendenti infedeli del Comune di Atripalda Il Consorzio A5 acquista nove defibrillatori per i servizi per la prima infanzia Laurea in Scienze della Comunicazione, auguri alla dottoressa Francesca Trezza Intervento straordinario al campanile della chiesa di Santa Maria delle Grazie e per infiltrazioni nella chiesa madre Italia Viva: il nuovo partito di Renzi anche ad Atripalda. Si lavora a portare in città l’ex premier con il nuovo anno. Foto “Aquile Randagie”, gli scout che dissero no al fascismo: giovedì confronto ad Atripalda Trasloco volante ad Atripalda, i mobili vengono lanciati direttamente giù dal balcone in via Ferrovia. Foto

Gestione rifiuti, Palazzo Caracciolo precisa: “Il Tar conferma il principio della provincializzazione, si tratta solo di un’ipotesi progettuale”

Pubblicato in data: 1/2/2013 alle ore:16:00 • Categoria: Attualità, ComuneStampa Articolo

provinciaSentenza Tar di Salerno, l’Ufficio di Presidenza della Provincia di Avellino, ha inviato il seguente Comunicato stampa:

Il Tar di Salerno, sezione Seconda, ha accolto il nuovo ricorso – dopo la sentenza favorevole di un altro appello presentato nei mesi scorsi – proposto contro la decisione del Comune di Montefusco che aveva affidato ad una ditta privata e non alla società provinciale IrpiniAmbiante SpA, il servizio di raccolta, smaltimento e trasporto dei rifiuti solidi urbani. Nell’ordinanza il Tar sancisce il principio della provincializzazione del ciclo dei rifiuti, anche in virtù del decreto legge, convertito in legge lo scorso gennaio, che dovrebbe assegnare dal prossimo 1 luglio la gestione ai Comuni.
Considerato che il ricorso, ad un primo esame, non appare manifestamente infondato anche a seguito del recente D.L. n. 95/2012; e che, comunque, nella comparazione degli opposti interessi, in questa fase di giudizio cautelare, appare prevalente l’interesse reclamato dalla ricorrente Provincia; il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania sezione staccata di Salerno (Sezione Seconda) accoglie la domanda cautelare“, recita l’ordinanza. Detta pronuncia, pervenuta all’indomani della pubblicazione del D.L. n. 1/2013 in materia di rifiuti, sottolinea ancora la legittimità e la obbligatorietà della provincializzazione del ciclo dei rifiuti urbani.
L’ordinanza emessa ieri fa seguito all’oramai consolidato indirizzo del Tar salernitano, il quale ha sempre accolto le istanze rivolte dalla Provincia di Avellino (assistita dagli avvocati Gennaro Galietta e Oscar Mercolino dell’Avvocatura Provinciale) e da IrpiniAmbiente S.p.A. (assistita dall’avvocato Giancarlo Viglione) nei confronti dei comuni dissidenti. Nella stessa giornata e sempre la sezione Seconda del Tar di Salerno (quindi gli stessi giudici), ha discusso il ricorso presentato dalla società IrpiniAmbiente S.p.A. e dalla Provincia di Avellino contro il Comune di Atripalda per l’annullamento della delibera comunale n.187/12 avente ad oggetto “indirizzi per la progettazione di un piano per la gestione del servizio integrato dei rifiuti con raccolta porta a porta“. Il Tar, non mettendo in discussione il principio della provincializzazione che viene ancora confermato, limita la sua decisione esclusivamente all’ipotesi progettuale. Infatti, la stessa memoria difensiva proposta dal Comune fa riferimento al fatto che si è di fronte solo ad un’iniziativa progettuale. “In altri termini – afferma l’avvocato Noemi Tsuno della Studio Legale Viglione – il Tar non ha sospeso la delibera sul solo presupposto che il Comune di Atripalda ha chiarito che non affiderà ad altri il servizio, ma che si tratta di una semplice ipotesi progettuale e come tale non lesiva“.
Nel rispetto dell’ordinanza del Tar il medesimo Comune di Atripalda, a seguito di tale attività progettuale, certamente non potrà affidare il servizio a soggetto diverso da Irpiniambiente S.p.A., senza incappare nei citati divieti della normativa vigente. Tale provvedimento, come detto, emesso in pari data da parte della medesima sezione, non può quindi ridimensionare o peggio ancora dare adito a strumentalizzazioni, in ordine all’importante principio sancito in detta materia dalla legge e dalla magistratura amministrativa.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Gestione rifiuti, Palazzo Caracciolo precisa: “Il Tar conferma il principio della provincializzazione, si tratta solo di un’ipotesi progettuale””

  1. Alberto Alvino ha detto:

    E’ evidente che non si è a conoscenza del deccreto legilslativo, da qualche giorno legge dello stato. emanato per sanare l’annoso problema CAMPANO.
    La verità che da luglio, a fronte di una gara d’appalto, i cittadini fruiranno di un servizio migliore con un risparmio da parte dell’Amministrazione di almeno 400. 000 € l’anno.
    Alberto Alvino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *