alpadesa
  
domenica 17 gennaio 2021
Flash news:   Arriva la proroga ad Atripalda per la presentazione della domanda per l’accesso ai voucher alimentari Sorveglianza rafforzata: il prefetto Spena blinda Atripalda e Solofra dopo gli attentati intimidatori con le bombe carta Coronavirus, da lunedì 18 gennaio in presenza anche la terza classe della Primaria Attentato intimidatorio, pressing sul sindaco delle opposizioni. Landi: ”il tavolo in Prefettura doveva chiederlo lui” Bomba carta in città, Idea Atripalda: “cultura e comunicazione come antidoto alle violenze” Molestie al prete di Atripalda: condannati gli autori Nuovi parcometri ad Atripalda, l’opposizione “Noi Atripalda” boccia il bando: «un spreco per la città» Coronavirus, un nuovo contagio ad Atripalda Bomba carta alla Formaggeria, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo: “atto vile, bisogna lavorare in sinergia. L’Amministrazione dia vita ad iniziative culturali forti” La formaggeria riapre a 24 ore dal raid, Luca: “Siamo forti, andiamo avanti come se nulla fosse”

Senza stipendio e futuro a “La Casa di Adele”, l’appello dei lavoratori

Pubblicato in data: 10/2/2013 alle ore:17:14 • Categoria: Attualità

casa-di-adeleNonostante il già avvenuto interessamento dei mezzi d’informazione nella fine del 2012 sull’incresciosa situazione della comunità terapeutica residenziale “La Casa di Adele”, con notevole rammarico alcuni dipendenti si sentono costretti a fare appello pubblico a tutti coloro che possono e vogliono, ad intervenire in qualsiasi modo per sollevare le sorti angosciose di tutti i lavoratori coinvolti: sia quelli ancora in forze alla comunità e sia quelli che loro malgrado non hanno potuto più esserne parte.
I dipendenti de “La Casa di Adele” dopo aver ricevuto nel dicembre 2012 il pagamento della mensilità di maggio 2012 e della tredicesima, oltre a lamentare nuovamente il raggiungimento del mancato pagamento di OTTO mensilità, denunciano di non aver ricevuto ALCUNA GARANZIA per il futuro prospettandosi semplicemente un incremento delle mensilità insolute, peraltro di questi dipendenti due sono coniugi e per tal motivo si può dire che un’altra famiglia entra a far parte a pieno titolo dell’ormai grande schiera di nuovi poveri a causa dei mancati pagamenti delle spettanze e senza poter far conto su alcun tipo di ammortizzatore sociale.
La realtà lavorativa in cui i lavoratori adempiono con professionalità la propria opera al servizio dell’utenza già sofferente e svantaggiata, e che anche per questo non merita alcunché a suo discapito, è soggetta ad un partenariato tra tre istituzioni pubbliche l’ASL di Avellino, il Comune di Atripalda, il Consorzio dei servizi sociali A6 ed un soggetto privato le ACLI Project Onlus appartenenti alle ACLI di Avellino. Per primi a questi appena citati quindi, si chiede pubblicamente di trovare il modo di far sopravvivere le famiglie dei lavoratori afferenti a “La Casa di Adele” nel frattempo che riescano a trovare un accordo sul futuro della comunità, che da 10 anni offre ed ha offerto con soddisfacenti risultati la propria opera riabilitativa a persone che altrimenti difficilmente avrebbero ricevuto la stessa assistenza dai servizi oggi esistenti sul territorio.


dipendenti della Casa di Adele

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

4 risposte a “Senza stipendio e futuro a “La Casa di Adele”, l’appello dei lavoratori”

  1. ciao amore ciao ha detto:

    Piena solidarietà alla “Casa di Adele”, ai suoi ospiti ed a coloro che ivi prestano servizio.

  2. Scassacocchio ha detto:

    Vuoi vedere che adesso interverrà il Comune attraverso il Consigliere delegato alle Politiche Sociali a cui il problema era sfuggito o non interessava per niente?

  3. Luca ha detto:

    Mi sembra che la struttura sia molto e seriamente impegnata, a differenza dell’asl che resta un carrozzone politico infruttuoso e mediocre. La casa di Adele, invece, si adopera per le persone che nessuno vuole nemmeno guardare, alleviando le sofferenze ed i disagi delle famiglie. E noi che facciamo? Li facciamo chiudere e li teniamo 10 mesi senza stipendio.

  4. emilio ha detto:

    Occorre riflettere su quanto accaduto. L’ASL non paga lo stipendio a chi si adopera veramente ad assistere i pazienti della CASA DI ADELE,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *