alpadesa
  
Flash news:   Riparte il “Farmer Market” ad Atripalda: ieri mattina primo appuntamento dopo mesi di stop. L’assessore Musto: “mercatino in sicurezza”. Foto Coronavirus, sono due i contagiati in Irpinia: sono di Ariano. I contagiati salgono a 532 Coronavirus, forte calo delle vittime registrate nelle 24 ore: 50 in tutto Giovani e Movida, l’appello del governatore De Luca: “Bisogna abituarsi all’idea che nulla tornerà come prima” Stamattina torna il “Farmer Market” e nel pomeriggio flash mob di commercianti e amministrazione in piazza Umberto per rilanciare il settore ad Atripalda Coronavirus, scende il numero di positivi in Campania: solo 5 oggi. Nessun contagio in Irpinia Coronavirus, incremento dei contagi a +669 casi e 119 morti in un giorno Anniversario strage di Capaci, Idea Atripalda: “Sono morti invano? Dipende da noi” Parco delle Acacie, non si spengono le polemiche sulla bitumazione aree interne. IDEA Atripalda: “asfaltare un parco è come asfaltare il mare“. Foto Coronavirus, Santa Rita senza processione nei versi di Gabriele De Masi

ArtEuropa, la mostra “Olio d’artista” al Palazzetto dell’Arte di Foggia

Pubblicato in data: 16/2/2013 alle ore:10:02 • Categoria: Cultura

locandina-olio-dartistaPiù di 100 opere di artisti, pugliesi e non, in una mostra insolita intitolata “Olio d’artista”. L’iniziativa -curata da Francesco Sannicandro, direttore artistico dell’Associazione GOLEM onlus- sarà inaugurata il 16 febbraio, alle 18,30, al Palazzetto dell’Arte di Foggia e chiuderà i battenti il 3 marzo prossimo. La rassegna è stata promossa ed organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Foggia. Gli artisti che esporranno nella Sala Grigia della struttura di via Galliani hanno utilizzato lattine di alluminio o bottiglie di vetro che generalmente servono al confezionamento dell’olio come base per realizzare delle opere d’arte che vanno dal concettuale alla figurazione, alla pop-art e così via. Una manipolazione e valorizzazione estetico-simbolica, dunque, di materiale povero e d’uso comune, “riciclato” sulla base dell’ispirazione dell’artista, che gli conferisce nobiltà d’espressione.I visitatori percorreranno un itinerario alla scoperta della pluralità di significati, valori, credenze, di cui la pianta dell’olivo e il suo frutto sono portatori fin dall’antichità e che l’estro creativo, l’abilità manipolatrice e la sensibilità propri degli artisti hanno trasfuso in opere suggestive di grande singolarità e di indubbio impatto visivo. Merito degli autori di questa collettiva è quello di sottrarre l’olio alla sua prosaica e umile familiarità quotidiana per restituirgli la sua innata bellezza e unicità, che sfugge sistematicamente all’occhio assuefatto alla sua presenza in cucina, avviando una riflessione interiore sul nostro rapporto con l’olivo, simbolo della nostra terra e parte integrante della nostra identità culturale.
Artisti in mostra:
Dario Agrimi, Franco Altobelli, Pippo Altomare, Enzo Angiuoni, Caterina Arcuri, Maria Antonietta Bagliato, Giuseppe Bellini, Alessandro Boezio, Giuliano Caneva, Alfio Cangiani, Vito Capone, Gaetano Cariello, Michele Carmellino, Miki Carone, Giovanni Carpignano, Stefania Carrieri, Maria Grazia Carriero, Pierluca Cetera, Daniela Chonna, Antonio Cicchelli, Daniela Corbascio, Vincenzo Corcelli, Mariagrazia Costa, Vito Cotugno, Flavia D’Alessandro, Chiara Dellerba, Franco Dellerba, Danilo Demitri, Giulio Demitri, Angioletta Denitto, Teo De Palma, Paolo Desario, Rosa Didonna, Antonio Di Michele, Antonio Di Rosa, Piero Di Terlizzi, Patrizia D’orazio, Rita Faure, Silvia Ferrante, Angela Ferrara, Luigi Filograno, Raffaele Fiorella, Giuseppe Fioriello, Carlo Fusca, Francesco Gabriele, Ignazio Gadaleta, Letizia Gatti, Giulio Giancaspro, Gianmaria Giannetti, Claudia Giannulli, Francesco Granito, Claudio Grenzi, Enzo Guaricci, Edoardo Iaccheo, Carmela Iacovelli, Vito Intini, Iginio Iurilli, Beppe Labianca, Nicola Liberatore, Federica lisi, Giuseppe Lisi, Oronzo Liuzzi, Angela Lomele, Christian loretti, Rosa Lorusso, Salvatore Lovaglio, Paolo Lunanova, Nelli Maffia, Matteo Manduzio, Maria Martinelli, Michele Martucci, Mimmo Marullo, Jara Marzulli, Sarah Masciale, Vincenzo Mascoli, Franco Menolascina, Mauro Antonio Mezzina, Pierpaolo Miccolis, Magda Milano, Gianpiero Milella, Enzo Morelli, Giovanni Morgese, Massimo Nardi, Antonio Noia, Maria Teresa Padula, Alessandro Palmigiani, Pippo Patruno, Stefania Pellegrini, Guido Pensato, Luca Piffero, Rosanna Pucciarelli, Angela Rapio, Enzo Ruggero, Massimo Ruiu, danilo Rutigliano, Francesco Sannicandro, Rosemarie Sansonetti, Roberto Sibilano, Lino Sivilli, Elena Agnese Sorrentino, Arianna Spizzico,Anna Maria Suppa, Beppe Sylos Labini, Cosimo damiano Tondo, Pierfrancesco Uva, Franco Valente, Angela Varvara, Claudia Venuto, Michele Zaza.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Dalla libertà vigilata alla casa lavoro: due anni al trentenne autore di centinaia di truffe online

I Carabinieri della Stazione di Atripalda hanno dato esecuzione ad un provvedimento emesso dal Tribunale di Avellino nei confronti di Read more

Censimento amianto, “Noi Atripalda” interroga l’ente su esito e provvedimenti da adottare

I consiglieri comunali del gruppo Noi Atripalda, Domenico Landi, Francesco Mazzariello, Maria Picariello, Fabiola Scioscia e Paolo Spagnuolo hanno presentato interrogazione Read more

Detiene illegalmente fucile e munizioni: nei guai 65enne atripaldese

  I Carabinieri della Compagnia di Avellino, nell’ambito dei servizi finalizzati al controllo del rispetto della normativa in materia di Read more

Festa dei Musei, sabato e domenica visite al Parco di Abellinum e ai giardini di Palazzo Caracciolo

Torna questo fine settimana, sabato 20 e domenica 21 maggio, la festa che celebra il patrimonio culturale italiano, con eventi e Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *