alpadesa
  
domenica 17 novembre 2019
Flash news:   Maltempo, rimosse dai Vigili del Fuoco lamiere pericolanti dal tetto del campanile della chiesa di Santa Maria delle Grazie. Foto Natale 2019, aggiudicata la gara per le luminarie installate dal Comune ma i commercianti restano divisi. L’assessore Musto:«Uno sforzo non da poco per l’Amministrazione» Progetto “risanamento ambientale dei corpi iderici superficiali delle aree interne”, riunione all’Utc per gli interventi a contrada Fellitto e piazza Sparavigna Bando di vendita del Centro Servizi alle Pmi di Atripalda: lunedì la pubblicazione con prezzo a base d’asta di 2.715.000 euro Al via il cronoprogramma per l’accorpamento del mercato settimanale di Atripalda a parco delle Acacie: si assegnano le postazioni Ordigno bellico ritrovato ad Avellino: la bomba verrà fatta brillare in una cava di Atripalda L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi

Tenta di impiccarsi nel bagno di casa in largo Annunziata, salvato dai Vigili urbani, Carabinieri e caschi rossi

Pubblicato in data: 17/2/2013 alle ore:17:15 • Categoria: CronacaStampa Articolo

piazza-garibaldiTenta di impiccarsi nel bagno di casa, ma viene salvato salvato dai Vigili del Fuoco e dalle forze dell’ordine.
E’ quanto accaduto nel primo pomeriggio di oggi ad Atripalda, in largo Annunziata, dove un giovane del luogo, G.I. le sue iniziali, 42enne pregiudicato e sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno, ha tentato di farla finita al termine dell’ennesimo e acceso litigio con la madre convivente. Il giovane è stato più volte ricoverato in passato in ambito psichiatrico per anomalie comportamentali e stati di agitazione conseguenti all’abuso di sostanze alcoliche e stupefacenti. Assalito da un momento di follia, si è barricato in bagno e si è procurato dei tagli sulle braccia. L’intenzione era quella di farla finita impiccandosi con un sottile cavo elettrico al braccio della doccia che non ha retto chiaramente al peso. Il tempestivo intervento della mamma che si è accorta di quanto stesse accadendo, lanciando così l’allarme, è riuscito ad evitare il peggio.

Sul posto i Carabinieri della locale stazione, i Vigili del Fuoco del Comando provinciale, la Polizia Municipale ed un’ambulanza del 118.
I Caschi rossi hanno sfondato la porta del bagno e salvato in tempo il giovane poi trasferito poi presso il reparto di Psichiatria dell’ospedale Landolfi di Solofra dato che, in passato, aveva già compiuto simili gesti, l’ultimo il 26 maggio 2012, e, quindi, l’accaduto, considerata anche la lievità delle ferite procuratesi, non sembra riconducibile a un vero tentativo di suicidio, ma a una scenata autolesionistica.
Attimi di tensione e paura tra i numerosi residenti che appena due giorni fa avevano assistito ad un altro episodio di cronaca nera con l’accoltellamento del fabbro.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Tenta di impiccarsi nel bagno di casa in largo Annunziata, salvato dai Vigili urbani, Carabinieri e caschi rossi”

  1. Nappo Carmela ha detto:

    Ciao mi dispiace per quello che è sucesso qeste persone devono essere aiutate dai piscologi solo chi è dentro puo capire. spero che non succeda mai piu’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *