alpadesa
  
Flash news:   L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Uccise la moglie con arnese da falegname, si impicca in cella a Torino 64enne originario di Atripalda Trova uno smartphone e chiede 30 euro per la restituzione: denunciato per tentata estorsione 60enne di Atripalda Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Laurea in Tecniche di Radiologia Medica: auguri alla dottoressa Angela Penza Natale 2019, Amministrazione in campo per le luminarie in centro città

Teatro Gesualdo, week end di risate con “Finché morte non vi separi” di Carlo Buccirosso

Pubblicato in data: 28/2/2013 alle ore:10:15 • Categoria: CulturaStampa Articolo

carlo-buccirosso-2Ancora grandi risate al Teatro “Carlo Gesualdo”. A grande richiesta torna sul palcoscenico avellinese il simpaticissimo Carlo Buccirosso che con il suo ultimo spettacolo “Finché morte non vi separi”, in scena sabato 2 marzo alle 21 e domenica 3 marzo alle 18.30, chiuderà la parte del Cartellone Red dedicata alla comicità partenopea, organizzato dal Teatro comunale di Avellino in sinergia con il Teatro Pubblico Campano.

Dopo i grandi successi di pubblico e di critica ottenuti al “Gesualdo” con “I compromessi sposi”, “Il miracolo di Don Ciccillo”, e “Napoletani a Broadway” torna ad Avellino Carlo Buccirosso con la sua affiatata compagnia teatrale, in una nuovissima commedia dai tratti esilaranti, ironici e, come
è ormai consuetudine dell’attore partenopeo, taglienti.

“Finche Morte Non Vi Separi”, pièce teatrale scritta e diretta proprio da Carlo Buccirosso, in scena sabato 2 e domenica 3 marzo, alterna una trascinante comicità a momenti di riflessione con l’intento di far sorridere e allo stesso tempo emozionare il pubblico in ottemperanza ai canoni dell’autentica commedia napoletana.

La storia si sviluppa in un piccolo paese di provincia, dove Don Guglielmo sta per celebrare il matrimonio dell’anno tra due giovani di famiglie benestanti e in vista: Saverio e Carolina. Qualcosa, però, non andrà per il verso giusto e innescherà una serie di eventi a catena. Spetterà al povero parroco, intralciato dalle indagini via internet di sua sorella Rosa e da quelle di uno stravagante sagrestano, tenere a bada le due famiglie e riportare sulla retta via Carolina e Saverio, promessi sposi, appunto finché morte non li separi.

Uno spettacolo in due atti che prova ad affinare il meccanismo dell’equivoco scatenante, leit motiv del teatro napoletano, con una sceneggiatura più originale dove la risata, ma anche il contatto diretto con la platea, chiamata ad alzarsi in piedi e a sedersi come durante una vera funzione religiosa, generano spunti di riflessione sulla società dei giorni nostri e sulla Chiesa a cui Buccirosso muove qualche critica.

I problemi generati dalla crisi economica e di valori, i difficili rapporti familiari, le odiose “chiacchiere” da bar, il matrimonio omosessuale e la sua legittimazione, sono solo alcune delle sottotracce che danno alla storia un sapore dolceamaro.

La scenografia sono state affidate alle cure di Gilda Cerullo, mentre i costumi sono frutto di Zaira De Vincentis. Al disegno delle luci ci sarà Francesco Adinolfi, mentre le musiche saranno di Bruno Lanza.

I biglietti per assistere al nuovo spettacolo di Carlo Buccirosso sono ancora disponibili presso i botteghini del Teatro “Carlo Gesualdo” di piazza Castello, aperti al pubblico dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20.
Per maggiori informazioni telefonare al numero 0825.771620

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *