alpadesa
  
Flash news:   Il Consorzio A5 acquista nove defibrillatori per i servizi per la prima infanzia Intervento straordinario al campanile della chiesa di Santa Maria delle Grazie e per infiltrazioni nella chiesa madre Italia Viva: il nuovo partito di Renzi anche ad Atripalda. Si lavora a portare in città l’ex premier con il nuovo anno. Foto “Aquile Randagie”, gli scout che dissero no al fascismo: giovedì confronto ad Atripalda Trasloco volante ad Atripalda, i mobili vengono lanciati direttamente giù dal balcone in via Ferrovia. Foto Incidente ieri tra un’auto e un motorino in via San Lorenzo ad Atripalda: ferito un postino A Parco delle Acacie domenica convegno per dire “No” alla violenza sulle donne “World Philosofy Day 2019“, gli studenti del liceo “De Caprariis” di Atripalda a confronto con il vescovo Aiello. Foto Davide Rondoni stasera e domani ad Atripalda omaggia Giacomo Leopardi per i 200 anni de “L’Infinito” La Casertana piega l’Avellino: quarta sconfitta in campionato

Il Teatro Gesualdo scende in campo per la Città della Scienza

Pubblicato in data: 7/3/2013 alle ore:12:36 • Categoria: Attualità, CulturaStampa Articolo

citta-della-scienzaA pochi giorni dal barbaro incendio che ha letteralmente distrutto Città della Scienza a Napoli, il Teatro “Carlo Gesualdo” di Avellino si mobilita per contribuire, seppur simbolicamente, alla rinascita di uno dei poli scientifici più importanti del Mezzogiorno.

Il Teatro comunale irpino con il prossimo spettacolo della rassegna per ragazzi «Scuole a Teatro», organizzata in sinergia con l’associazione culturale Mister Punch, contribuirà con il 10% dell’incasso alla rinascita di Città della Scienza.
Un gesto simbolico che vuole infondere speranza in una regione troppo spesso mortificata da avvenimenti criminosi come quello che ha distrutto il polo museale di Bagnoli, simbolo dell’effervescenza culturale e della rinascita di tutta la Campania.

Il Teatro “Carlo Gesualdo” di Avellino pertanto aderisce alla campagna di sensibilizzazione lanciata sulla pagina Twitter di Città della Scienza destinando il 10% del ricavato dello spettacolo «Dedalo e Icaro i guardiani del labirinto», scritto e diretto da Renata Coluccini del Teatro del Sole di Varese, in programma domani, venerdì 8 marzo alle ore 10 presso il Teatro “Carlo Gesualdo” di Avellino.

Il ricavato verrà versato direttamente sul conto corrente intestato alla Fondazione Idis Città della Scienza. Codice IBAN IT 41 X 0101003497100000003256.

Non sarà certo il nostro piccolo contributo economico a risolvere il problema, ma vogliamo lanciare un messaggio simbolico, rafforzare l’idea che se muore la cultura finiamo, in fondo, per morire un po’ tutti, che quell’incendio è uno schiaffo alla Campania e al Sud che progetta, immagina, investe nell’innovazione e nella legalità. Bisogna riscoprire la capacità di indignarsi, e ritrovare la voglia di reagire, ognuno come può” commenta il presidente del Teatro Gesualdo Luca Cipriano. “Le scene raccapriccianti che abbiamo visto a Napoli hanno segnato la sensibilità di tutti noi operatori dell’infanzia – spiega Espedito Giacco di Mister Punch – Quello a Città della Scienza è stato un attentato alla cultura dell’infanzia rivolto a tutte quelle persone che per 365 giorni all’anno e a 360 gradi lavorano con e per i bambini. Città della Scienza non è soltanto un patrimonio di Napoli e del Sud ma di tutta l’Italia e deve tornare a funzionare e a far sognare tutti i bambini che vogliono un mondo migliore. Per questo abbiamo deciso di contribuire alla ricostruzione con un gesto simbolico ma carico di speranza”.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *