alpadesa
  
Flash news:   Ordinanza per regolamentare l’accensione dei fuochi per smaltire i residui vegetali: ecco le prescrizioni da seguire. Multe in caso di inosservanza Lavori abusivi eseguiti in fondo archeologico di Atripalda, due persone denunciate dai Carabinieri Forestale Atripalda Volley, partenza lanciata: battuta 3 a 1 la Sacs a Napoli Giovedì 31 ottobre IX edizione del Premio giornalistico “Mimmo Castellano” Lesioni e cornicioni a rischio crollo, intervento dei Vigili del Fuoco con Utc e Polizia municipale a Palazzo Piarulli ad Atripalda.FOTO Inchiesta scuole, il sindaco relaziona per quasi un’ora dinanzi al Consiglio di Istituto della “De Amicis-Masi”. La ds Carbone: «Siamo fiduciosi del lavoro svolto dalla Procura e attendiamo gli esiti». FOTO Domani al Parco Avventura percorso di Neuroeducazione ed Educazione Emozionale Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto

“Alla vicina fabbrica” tra crisi e occupazione nei versi di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 8/3/2013 alle ore:20:41 • Categoria: CulturaStampa Articolo

dipinto-fabbricaAlla vicina fabbrica

Col sonno impastato negli occhi,
il collo nelle spalle chiuso di bavero,
alzato contro il freddo della notte,
ché è ancora inverno, timbro
al cartellino una presenza, viavai
nei corridoi e ai capannoni,
chi lascia, chi prende, la brace
di vita degli altiforni tra tonfi
di magli e l’urlo febbrile di caldaie
mentre sfavilla di scintille la colata.
Non abbiamo mai certezza di sveglia
noi, a cui suona la chiamata anzi tempo,
quando la famiglia dorme e s’accosta
l’uscio col palmo della mano,
con cautela, ché sappiamo quanto
è buono il sonno che continua,
e non vogliano destare alcuno.
“Fatica, pigliami, vienimi addosso!”
spiazzo a parole la crisi che morde,
aspetta dietro l’angolo coi tagli
alla vicina fabbrica, scompiglio la vita,
esorcizzo, ringhio, mostro gli artigli.
Suona la sveglia, m’affanno.
Sono già per strada, in ritardo,
col sonno impastato negli occhi.

Gabriele De Masi

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a ““Alla vicina fabbrica” tra crisi e occupazione nei versi di Gabriele De Masi”

  1. Antonello ha detto:

    Il prof De Masi non solo riesce a trasmettere un’esperienza, ma suggerisce una prospettiva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *