alpadesa
  
Flash news:   Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi) “Cinema al Parco”, mercoledì al via la terza edizione estiva a Parco delle Acacie Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Piazza Umberto I, gruppo di bambini aggrediti: 12enne finisce in ospedale Al via la XXVIII edizione del Festival “I Luoghi della Musica”: stasera si parte dal Chiostro di S. Maria della Purità di Atripalda La Misericordia di Atripalda si aggiudica la gestione dell’edificio comunale dell’ex Volto Santo. Il presidente Aquino: “momento di crescita e di svolta per noi” Riparazioni alla centrale idrica di Cassano Irpino: 102 comuni senza acqua da domani Alvanite, dopo le nuove polemiche interviene l’assessore al Patrimonio Del Mauro: «Il quartiere sconta almeno quindici anni di mancata manutenzione che certamente non si può imputare a quest’amministrazione. Noi stiamo facendo il possibile, ma non sono case con la scadenza, questa è una barzelletta» “Atripalda ricomincia a correre”, lettera d’amore alla città del decano dei commercianti Pasquale Pennella

Dipendenti senza stipendio a «La Casa di Adele», domani tavolo in Prefettura

Pubblicato in data: 13/3/2013 alle ore:22:30 • Categoria: Attualità

prefettura-av  circolo stampaDipendenti senza stipendio alla comunità terapeutica residenziale «La Casa di Adele» di Atripalda, domani pomeriggio tavolo in Prefettura.
Il prefetto Guidato ha raccolto nei giorni scorsi la richiesta proveniente dai dipendenti della struttura sanitaria atripaldese e convocato per domani, alle ore 17, un incontro in Prefettura ad Avellino. Oltre alle organizzazioni sindacali saranno presenti i rappresentanti dell’Asl di Avellino, del Consorzio Piano di Zona Sociale A6, delle Acli Project Onlus e del Comune di Atripalda con il delegato ai Servizi Sociali, Dimitri Musto. I lavoratori, tutti dipendenti di Acli Project Onlus, non percepiscono infatti lo stipendio da 10 mesi, e hanno proclamato lo stato di agitazione chiedendo un intervento al Prefetto affinché convocasse tutti i partner della struttura per verificare i percorsi possibili per un buon esito della vicenda. Ad oggi infatti tutti i tentativi bonari svolti dal sindacato e dai lavoratori sono stati vani, pertanto non è stata lasciata altra strada alle Organizzazioni Sindacali che rappresentano i lavoratori che quella del confronto istituzionale con il Prefetto.
La struttura, destinata a pazienti con disagio psichico, è sita in via Serino. Nata da un partenariato tra pubblico e privato, vede coinvolte le Acli Project Onlus di Avellino con l’ASL di Avellino ed il Consorzio dei servizi sociali A6. Dure le accuse rivolte con diverse note stampa. I lavoratori, in protesta da settimane, chiedono garanzie di salvaguarda dei posti di lavoro e sulle mensilità future e pregresse.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Taglio del nastro per il progetto sperimentale “Orti Sociali” a contrada Alvanite. FOTO

Inaugurato questo pomeriggio a contrada Alvanite il progetto sperimentale "Orti Sociali" promosso dal Consorzio dei Servizi Sociali A6 e dal Read more

Fondi regionali per le politiche sociali, il delegato Dimitri Musto plaude al vicegovernatore Giuseppe De Mita

Il delegato alle Politiche sociali del comune di Atripalda, Dimitri Musto plaude all'iniziativa che si è avuta ieri in Giunta Read more

Udc, l’onorevole Giuseppe De Mita su adesione del consigliere Musto: “così si recupera dimensione umana”

"La scelta di Dimitri Musto, consigliere comunale di Atripalda, di aderire al gruppo consiliare dell'Unione di Centro, al di là Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *