alpadesa
  
Flash news:   Ordinanza per regolamentare l’accensione dei fuochi per smaltire i residui vegetali: ecco le prescrizioni da seguire. Multe in caso di inosservanza Lavori abusivi eseguiti in fondo archeologico di Atripalda, due persone denunciate dai Carabinieri Forestale Atripalda Volley, partenza lanciata: battuta 3 a 1 la Sacs a Napoli Giovedì 31 ottobre IX edizione del Premio giornalistico “Mimmo Castellano” Lesioni e cornicioni a rischio crollo, intervento dei Vigili del Fuoco con Utc e Polizia municipale a Palazzo Piarulli ad Atripalda.FOTO Inchiesta scuole, il sindaco relaziona per quasi un’ora dinanzi al Consiglio di Istituto della “De Amicis-Masi”. La ds Carbone: «Siamo fiduciosi del lavoro svolto dalla Procura e attendiamo gli esiti». FOTO Domani al Parco Avventura percorso di Neuroeducazione ed Educazione Emozionale Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto

Sidigas Hs Atripalda, Antonio Guerrera lascia a sorpresa la presidenza della società: “Deluso da troppe promesse mancate”

Pubblicato in data: 13/3/2013 alle ore:12:06 • Categoria: Sport, Pallavolo Atripalda, PallavoloStampa Articolo

guerreraMai e poi mai avrei immaginato il 30 dicembre 2012, dopo il trionfo nella Coppa Italia che tanto lustro ha reso all’Irpinia, di dover scrivere queste poche parole da indirizzare all’opinione pubblica.
Rassegno, con sofferenza, le mie dimissioni.
A spingermi sono amarezze e delusioni, più e più volte provate e accantonate nel corso dei mesi. Sentimenti che avrei potuto e dovuto forse, esternare con maggiore vigore proprio dopo l’esaltante vittoria tricolore. Tuttavia, ho preferito in quella circostanza limitarmi a lanciare un appello. Quindi, ho ascoltato pubblicamente e raccolto in privato le promesse solenni da parte di sponsor, politici, istituzioni locali e federazioni sportive, a stare vicino e sostenere il progetto Pallavolo Atripalda. La speranza che seguissero azioni concrete, purtroppo, si è rivelata vana. Ne prendo atto con profondo rammarico.
Oggi, alla vigilia di play off per la serie A1, con i risultati che confermano gli auspici di inizio anno, mi corre l’obbligo morale di non nascondere oltre ed esternare le difficoltà che la società, malvolentieri, è costretta ad affrontare. Lo devo a chi ha dimostrato di tenere realmente alle sorti della Pallavolo Atripalda sia in campo che fuori. All’allenatore, alla squadra, ai dirigenti, allo staff tecnico e ai collaboratori che con impegno quotidiano e professionalità hanno consentito il raggiungimento di tutti i traguardi; lo devo a quanti sottoscrivendo abbonamenti e acquistando il biglietto d’ingresso, ogni domenica sempre più numerosi, hanno dato fiducia al nostro operato; lo devo ai pochi amici veri e a agli sponsor che anche di recente hanno affiancato il loro marchio a quello del volley credendo nei valori che la pallavolo veicola, di rispetto e tenacia, di crescita e pace sociale.
A loro , soltanto a loro, mi rivolgo chiedendo umilmente venia. Sono costretto a non esporre oltremodo a sacrifici vitali la mia azienda e quanti in essi lavorano. Non posso più sobbarcarmi il peso di promesse firmate ma andate perdute in discorsi vuoti, appuntamenti sfumati, centinaia di mail, sms e telefonate inevase, corrispondenze mai corrisposte, servite solo ad alimentare la non più sostenibile stagnazione del problema, non posso più permettere a chicchessia di mortificare la mia dignità.
Pertanto, ho maturato e ponderato la decisione di rimettere nelle mani del Consiglio d’Amministrazione la carica di Presidente.
Sarà mia premura tenere prima della fine del campionato una conferenza stampa nella quale spiegare in dettaglio la travagliata vicenda.
Resterò fino ad allora in silenzio a soffrire e gioire per i risultati della “mia” squadra, che ho provveduto ad informare personalmente della decisione e a spronare a dare il massimo per i prossimi importanti impegni. Vi sarò quindi grato se riuscirete a tenerla lontana, non coinvolgendola oltre in tensioni, avendo con essa confronti relativi solo ed esclusivamente all’aspetto tecnico. Ho ricevuto dal gruppo rassicurazioni in tal senso, i “lupi del volley” non si faranno condizionare da queste parole abituati come sono a lottare in ogni circostanza.
Come loro combatto, non è una resa la mia, ma la cosa più giusta da fare per il bene della Pallavolo Atripalda.
Infine un grazie e un accorato invito. Il primo diretto ai tifosi: ai quali chiedo ancora il massimo sostegno; sono loro grato per quanto hanno fatto e stanno facendo, in particolare coloro che hanno dato vita al primo gruppo organizzato del Volley Atripalda Fan Club.
L’accorato invito è indirizzato alla forze imprenditoriali di questa provincia: la Pallavolo Atripalda sarà lieta di aprire porte e finestre, far entrare forze nuove e riconoscere onori e meriti a chi vorrà impegnarsi concretamente per tenere in vita una società che aggrega e dà spettacolo, offre ai giovani un’opportunità di crescita, porta in giro in Italia il buon nome della Provincia di Avellino.
Tanto dovevo per amore della verità e di questa squadra.
Forza Atripalda.

Antonio Guerrera

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

11 risposte a “Sidigas Hs Atripalda, Antonio Guerrera lascia a sorpresa la presidenza della società: “Deluso da troppe promesse mancate””

  1. peppino ha detto:

    caro tonino, mi dispiace sinceramente per questa tua decisione, ma se lo hai fatto è perché sei una persona seria e soprattutto onesta, purtroppo ti capisco perfettamente, comprendo appieno le tue parole che sono dettate dalla profonda amarezza che le promesse e le chiacchiere di gente che sa fare perfettamente il loro mestiere e cioè prendere in giro le persone perbene che si fanno un m………………….o tanto per portare fino in fondo i loro impegni!
    ti auguro un gran in bocca al lupo!!!!!!!!

  2. PAOLA. ha detto:

    CHI VUOLE ENTRARE A FARE SPORT LO SA BENISSIMO CHE DEVE RIMETTERCI QUALCOSA DI SOLDI.

  3. INDIGNATO ha detto:

    Ed è finita pure la Pallavolo, caspita com’è durata poco!

  4. stefano P. ha detto:

    SE NON E’ PIETTO VUOSTO LEVATIVI A MIEZZO………………

  5. Massimiliano del Mauro ha detto:

    Ad Antonio un caloroso ringraziamento per quanto ha fatto. Sappia il presidente che fino ad oggi il nome di Atripalda in Italia e nel mondo lo hanno portato solo pochissimi imprenditori, professionisti e politici. Con i successi ottenuti Tonino entra di diritto in quel ristrettissimo gruppo di persone che hanno portato la nostra città all’attenzione della nazione per fatti di cui potersi vantare. Grazie

    Massimiliano Del Mauro

  6. cittadino ha detto:

    DEL MAURO SICURAMENTE TU RIENTRI NEI PERSONAGGI CHE HANNO FATTO DANNI AD ATRIPALDA…………..

  7. pennette al sugo ha detto:

    Ma non pagava tutto la SIDIGAS?
    I soldi della sponsorizzazione potevano bastare a fare un buon campionato, invece inizia il solito pianto greco dei dirigenti che prima spendono troppo e poi si lamentano che non hanno i soldi. Invece del lamento, sarebbe utile capire quanto ha dato la sidigas in 2 anni e come hanno speso i soldi.
    Pubblicare un bilancio, con trasparenza, sarebbe la cosa migliore da fare.

  8. Alba86 ha detto:

    Inizio dicendo alle varie persone che scrivono cose “insensate e inutilmente inutili” che devono pensare più di una volta e poi scrivere.
    Io non sono qui a difendere nessuno ma devo dire che se il presidente Guerrera ha fatto una scelta così importante un motivo ci sarà e credo che prima o poi sarà lui a spiegare a tutti noi questa scelta.
    Nessuno sa effettivamente quello che è successo e tutti i sacrifici fatti fino ad ora da lui e da tutte le persone che sono accanto fin da quando è nata la SSD PALLAVOLO ATRIPALDA SRL ed oltre.
    Mi spiace vedere e leggere commenti così tanto pieni di voglia di scrivere solo cattiverie.
    Nella vita nessuno è “santo” ma non ci soffermiamo solo alle apparenze.

    Cordialmente saluto

  9. Bromuro ha detto:

    Massimiliano del Mauro si spinge ad un elogio pubblico del candidato Guerrera, nel tentativo (puerile, per usare un eufemismo) di creare una vicinanza politica con una persona potenzialmente utile alle prossime elezioni. I politici sulle questioni sportive dovrebbero tacere.

  10. Lupovolley ha detto:

    Se non era per il Presidente Guerrera saremmo falliti due anni fa e manco l’avremmo giocata la Coppa Italia.
    Senza nulla togliere al basket e augurando sempre il meglio alla Scandone, quest’anno sono state fatte tre squadre di pallacanestro, di pallavolo nemmeno una. A buon intenditor….

  11. massimiliano ha detto:

    State solo a denigrare. Se non è pietto di Guerrera non è manco ò vuosto! Miserabili e denigratori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *