alpadesa
  
Flash news:   Costituito l’ufficio di progettazione per l’intervento di sistemazione idraulica e idrogeologica del Vallone Testa ad Atripalda: 980mila euro a disposizione Coronavirus, in Irpinia secondo giorno consecutivo a contagio zero. I tamponi effettuati sono stati 298 Us Avellino, completato il passaggio delle quote Coronavirus, risalgono i contagi (+584) e le vittime (+117) in un giorno “Rossi-Doria, il riformatore che amava l’Irpinia”, il ricordo di Luigi Caputo del grande meridionalista Ciclismo, l’A.S.Civitas presenta il veterano Michele Venezia Lavori alla Biblioteca comunale e contrada Fellitto, si ampliano i cantieri ad Atripalda. Foto Coronavirus, nessun caso in Irpinia su 299 tamponi effettuati Coronavirus, quasi raddoppiati i guariti e le vittime in un giorno sono solo 78 Così non va – una fioriera cementata e vuota al posto di un paletto dissuasore in via Appia. Foto

Grammatica provvisoria della politica… tra Schumpeter ed il Gattopardo, la nota di Raffaele La Sala (Piazza Grande)

Pubblicato in data: 17/3/2013 alle ore:19:27 • Categoria: Lista "Piazza Grande", Politica

la-salaI mutamenti della politica si misurano anche in virtù di apparentemente casuali, ma convergenti, analogie grammaticali. Dagli aggettivi qualificativi dei partiti storici tra Otto e Novecento (liberale, socialista, comunista, popolare, fascista, radicale), al sostantivo post bellico, democrazia, variamente specificato (cristiana, del lavoro, proletaria), ai verbi (prevalentemente all’infinito), dall’extraparlamentare “Servire” (il popolo), al recentissimo “Fare per fermare il declino”, il passo non è stato né breve (né agevole). Poi fu la volta, sulle ceneri fumanti di un prima e un dopo di una repubblica pericolosamente immutabile, dei sostantivi casa/popolo (della libertà), lega (lombarda, veneta,ecc.), anche nelle varianti botaniche (e fu un tripudio di margherite, garofani e rose nel pugno). Ed oggi?
Non so se sarà confermata ma, nelle pieghe di una nomenclatura surreale e ‘poetica’ di movimenti e libere associazioni per il cambiamento (nessuno che dicesse quale ed in quale direzione…), sembra affermarsi l’uso dell’avverbio. “Se non ora quando”, “Adesso”, fino al misterioso e poi antifrastico “Davvero”… (di un finto Gianluca Festa, che non sa proprio dove guardare e guarda in tutte le direzioni come i padrepii ed i cristiincroce dell’iconografia popolare). Si affermasse la tendenza… segnalo che sono momentaneamente disponibili: “Ora (o mai più)”, “Forse domani”, il coraggioso “Sempre”, il prudente… “Eventualmente” e l’inossidabile “Perché” (mi raccomando l’accento) con o senza punto di domanda.
Intanto le stelle (variamente rappresentate nella forma e nel numero…) se ne stanno per ora a guardare e -se possono- danno pietosamente un aiutino al Senato, già segnate dai fremiti di prevedibili ‘casi’ di coscienza.
Dopo -immagino- verrà il tempo di pronomi, articoli, preposizioni (semplici e articolate), fino alle interiezioni. Che so… si potrebbe suggerire “gli uni” (evitandosolo l’equivoca assonanza del prefisso con), “Di a da…” (vagamente evocativo di parole dette e di dazioni o altre utilità…), mentre sconsiglierei il troppo inflazionato “dalla”, ovviamente senza riferimento alcuno all’indimenticabile Lucio di “Piazza Grande”), oppure ah!, boh, mah, eh (che -a vario titolo- interpretano le sfumature post ideologiche di esitazioni e frustrazioni diffuse).
Sono passati trentacinque anni (mi pare senza profitto) dal rapimento di Aldo Moro e dal feroce assassinio della sua scorta. Una vicenda che pesa (al di là delle postume beatificazioni) sulla storia politica italiana del ‘900 e ne segna il tragico e plumbeo epilogo. Poi fu la volta di nani e ballerine e di orgiastici riti senili, di luccicori senza speranza, di febbri sintomatiche, capitalizzate da leghisti, diprietristi, sfascisti, anch’essi come B&B (montisti e casinisti compresi) perfettamente a loro agio nel brodo primordiale di privilegi e immunità. Nessuna terapia seria… solo eccitanti e lassativi, infusi e decotti, al più uno sciroppo e dosi industriali di maloxemomendol. Forse sarà inevitabile tornare al voto (se non si sfalderanno prima le intransigenze a cinquestelle, per disvelarsi -sotto i silenzi supponenti di guru e paraguru- una… pensione con uso cucina-) . Non sono i soli, in questo tempo di ricorrenti speranze infrante, di ripetute eccitazioni collettive e paralisi ipnotiche, ad aspettare che si realizzi la teoria dell’economista Joseph Schumpeter, di una presunta distruzione creatrice, per quanto -naturalmente- applicabile alla politica. Vorrei augurarmi che alle palingenesi non creda quasi più nessuno, perché sotto gli annunci ripetuti di mutamenti -più o meno epocali- si cela spesso il vuoto del pensiero o la implacabile voracità di mediocri comparse, più aduse alla variante italica del gattopardismo.

Raffaele La Sala
capogruppo consiliare “Piazza Grande” – Atripalda

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Consiglio Comunale, colpo di scena nel finale: si dimette il capogruppo di minoranza Lello La Sala. Al suo posto subentrerà Nunzia Battista

Colpo di scena questa sera in chiusura del Consiglio Comunale di Atripalda. Il capogruppo di opposizione della lista "Piazza Grande", Read more

Consuntivo e Decreto Sviluppo: gli inciampi di Spagnuolo. La nota del consigliere La Sala

Il consuntivo dei miracoli approda nel pomeriggio di domani (lunedì 30 giugno) nell'aula consiliare. Un consuntivo sottoposto ad una generosa cura Read more

La nota del consigliere La Sala: “Pablopalda… una città alla sbando”

Forse solo da lunedì 26 agosto si potrà ritornare ad una, almeno apparente, ‘normalità’ amministrativa nella -una volta nobile- città Read more

“Atripalda. Storie e immagini dal ‘900”, venerdì premiazione del concorso

Venerdì 14 giugno alle ore 17,30, presso la sala Consiliare del Comune di Atripalda, verranno resi noti i vincitori delle Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a “Grammatica provvisoria della politica… tra Schumpeter ed il Gattopardo, la nota di Raffaele La Sala (Piazza Grande)”

  1. pippo ha detto:

    solito sermone e sciabolate una volta a destra e una volta a manca.
    libera la scena pure tu che son 40 che stai incollato alle sedie di dentro e di …. fuori!

  2. Procopio ha detto:

    non si capisce mai quello che vuoi dire!

  3. raffaele la sala ha detto:

    Si proponga, signor Pippo, metta in luce le sue qualità, suggerisca, rifletta… se no fa la fine di quel Pippo che “non lo sa, che quando passa… “. La trova su youtube. Grazie in ogni caso dell’attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *