alpadesa
  
Flash news:   Oggi 24 gennaio si festeggia San Francesco di Sales patrono dei giornalisti Incidente sotto la galleria del Monte Pergola: due feriti A Catania lupi sconfitti per 3-1 “Alvanite Quartiere Laboratorio”, l’Amministrazione affida incarico professionale per adeguare il progetto alla variata normativa energetica Vittoria in trasferta per la Scandone: battuta per 71-82 la Stella Azzurra Roma Autovelox, psicosi tra gli automobilisti per le nuove postazioni lungo il Raccordo mentre sulla Variante il Comune incassa altre sconfitte dal Giudice di Pace Aggiudicato l’appalto dei lavori per l’ampliamento del ponte delle Filande lungo il torrente Fenestrelle ad Atripalda: progetto anti alluvioni Avellino: raggiunto l’accordo con il centrocampista Nicolas Izzillo Calcio, goleada con l’Intercampania Si completa il restyling di Parco delle Acacie ad Atripalda con un secondo lotto di lavori. Antonacci: «Tempi brevi in vista dell’accorpamento del mercato»

Neonato morto durante il parto, la Procura dispone l’autopsia. Carabinieri sequestrano la cartella clinica della madre

Pubblicato in data: 20/3/2013 alle ore:08:43 • Categoria: CronacaStampa Articolo

stazione-carabinieri-atripaldaSarà l’autopsia sul corpicino del neonato morto ieri mattina durante il parto in un clinica privata a chiarire le cause della morte e ad accertare se sia stata solo una tragica fatalità con il piccolo nato già morto, o se vi sia stato un errore umano o delle negligenze e responsabilità da parte del personale sanitario durante il parto naturale che abbiano potuto provocarne la morte del piccolo.
Toccherà così alla magistratura chiarire il caso visto che la famiglia del neonato ha presentato denuncia presso la locale stazione dei carabinieri, facendo scattare l’indagine.
Il fascicolo e le indagini sono state affidate ai Carabinieri della stazione di Atripalda, diretti dal comandante Costantino Cucciniello.
I militari giunti sul posto hanno proceduto a sequestrare la cartella clinica della giovane madre e altro materiale sanitario legato al tragico episodio. Una tragedia sulla quale gli inquirenti ora vogliono capirci bene. L’indagine è coordinata dal sostituto procuratore, dottor Roberto Patscot, che ha disposto nel pomeriggio di ieri il sequestro della salma, che sarà sottoposta nelle prossime ore ad autopsia da parte di un consulente medico nominato dalla Procura di Avellino. La magistratura infatti è intenzionata a capire come si siano svolti i fatti e se la tragedia poteva essere prevista o era inevitabile.
L’equipe medica del reparto di ostetricia e ginecologia della nota casa di cura privata agli inquirenti che indagano sul drammatico fatto ha confermato che il neonato sarebbe venuto alla luce già morto, soffocato dal cordone ombelicale. Per loro una tragica fatalità che non convince affatto però i genitori che hanno aggredito verbalmente e fisicamente il ginecologo. Alcuni di loro infatti avrebbero sentito il neonato vagire subito dopo essere stato messo al mondo. Una testimonianza che andrebbe in contrasto con quanto dichiarato dal ginecologo per il quale invece il neonato sarebbe nato già morto. Un dramma o un errore umano sul quale ora vuole vederci chiaro la Procura della Repubblica di Avellino che ha aperto l’inchiesta.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 risposte a “Neonato morto durante il parto, la Procura dispone l’autopsia. Carabinieri sequestrano la cartella clinica della madre”

  1. ciao amore ciao ha detto:

    In italia la verità non esiste…………

  2. nati' ha detto:

    sempre la tragica fatalità ,mi auguro che si faccia chiarezza lo merita la famiglia e il piccolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *