alpadesa
  
Flash news:   Ordinanza per regolamentare l’accensione dei fuochi per smaltire i residui vegetali: ecco le prescrizioni da seguire. Multe in caso di inosservanza Lavori abusivi eseguiti in fondo archeologico di Atripalda, due persone denunciate dai Carabinieri Forestale Atripalda Volley, partenza lanciata: battuta 3 a 1 la Sacs a Napoli Giovedì 31 ottobre IX edizione del Premio giornalistico “Mimmo Castellano” Lesioni e cornicioni a rischio crollo, intervento dei Vigili del Fuoco con Utc e Polizia municipale a Palazzo Piarulli ad Atripalda.FOTO Inchiesta scuole, il sindaco relaziona per quasi un’ora dinanzi al Consiglio di Istituto della “De Amicis-Masi”. La ds Carbone: «Siamo fiduciosi del lavoro svolto dalla Procura e attendiamo gli esiti». FOTO Domani al Parco Avventura percorso di Neuroeducazione ed Educazione Emozionale Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto

Tentata rapina al Banco di Napoli, solo tanta paura per i tre dipendenti ed alcuni clienti. Trafugato un portafogli e cellulari. Indaga la Squadra mobile di Avellino

Pubblicato in data: 20/3/2013 alle ore:23:30 • Categoria: CronacaStampa Articolo

banco-di-napoli-via-pianodardineFanno irruzione nel Banco di Napoli di via Pianodardine ma restano a mani vuote e vengono messi in fuga dall’arrivo della Polizia.
E’ quanto accaduto oggi intorno all’ora di pranzo nel nucleo industriale dove due malviventi hanno cercato di assaltare una banca senza sapere però che l’apertura della cassaforte era a tempo e non gestita dai dipendenti della filiale.
Attimi di paura si sono vissuti intorno alle ore 12.44 quando è partito il blitz durato una decina di minuti che ha lasciato tensione tra i dipendenti ed i clienti presenti a quell’ora nello sportello bancario che non dispone di vigilanza esterna.
Poco prima della pausa pranzo infatti due uomini, uno più giovane ed un altro più anziano, di cui uno dei due con il volto quasi coperto, armati di un coltellino, hanno fatto irruzione all’interno degli uffici minacciando il direttore ed i due dipendenti affinché gli consegnassero il denaro contenuto in cassa. Per entrare sono riusciti anche ad ingannare un dipendente facendosi aprire da dentro il metal detector d’ingresso di cui dispone l’istituto di credito.
I due malviventi, vestiti in modo pesante e senza un particolare accento, sono entrati uno alla volta: il primo a volto scoperto ha fatto finta di essere un normale cliente ed è riuscito a farsi aprire la porta blindata. Poi il più giovane con il volto travisato ha puntato il taglierino intimando al direttore e agli altri due impiegati di vuotare le casse. Il responsabile della filiale ha cercato subito di spiegare che non aveva il controllo della cassaforte che presenta invece di un’apertura a tempo.
Resisi conto che era proprio così, i due delinquenti alquanto innervositi si sono fatti consegnare il portafogli dal direttore, i cellulari dei dipendenti e alcuni spiccioli dagli sportelli. Fortunatamente hanno ignorato i clienti presenti in quel momento. Poi sono fuggiti via a bordo di un’Alfa 146.
A metterli in fuga l’arrivo della Polizia allertata da chi aveva notato dall’esterno il fare sospetto dei due rapinatori. Sul posto subito le volanti della Squadra mobile della Questura di Avellino che hanno avviato le indagini per risalire agli autori. Le ricerche sono immediatamente scattate con posti di blocco, ma finora nessuno ha dato esito positivo. La Polizia scientifica ha effettuato anche dei rilievi sulle impronte lasciate dai due ladri. Al vaglio degli inquirenti anche le immagini registrate dalle telecamere a circuito chiuso di cui dispone la filiale.
L’istituto di credito di via Pianodardine non è la prima volta che finisce nel mirino dei ladri. Già in passato è stato preferito quasi certamente per l’ubicazione periferica ma centrale nel nucleo industriale del capoluogo, tra grandi attività commerciali ed industrie che utilizzano la cassa continua dell’istituto. Inoltre la vicinanza a numerose vie di fuga come l’autostrada, la variante ed il raccordo autostradale lo rendono molto più appetibile rispetto ad altri istituti di credito ubicati nel centro città.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *