alpadesa
  
domenica 31 maggio 2020
Flash news:   «Atripalda la città dei Mercanti», presentato ieri in Comune il video pormozionale. Il sindaco: “ripartiamo uniti accogliendo le persone che vengono da fuori in tutta sicurezza”. FOTO “Oggi è il tuo nome, auguri Antonello” dallo zio Gabriele De Masi Coronavirus, su 190 tamponi effettuati in Irpinia un solo caso positivo: è di Prata P.U. Coronavirus, calano i contagi (+416) ma i morti salgono a 111 «Atripalda riparte, riparti da Atripalda»: questa mattina al Comune conferenza stampa per rilanciare il Commercio in città. VIDEO Coronavirus, due i positivi di oggi in Irpinia: Avellino e Gesualdo Coronavirus, in Campania niente alcolici da asporto dopo le 22: bar chiusi all’una Coronavirus, sono 87 le vittime registrate nelle ultime 24 ore: Lombardia maglia nera per i contagi Il Covid Hospital del “Moscati” si svuota: resta solo un paziente positivo ricoverato in Malattie Infettive Fontana, strade, tomba funeraria romana nel degrado ad Atripalda: scatta la denuncia sui social. Foto

Appello del volley Atripalda Fan Club: “Stiamo morendo. Ora basta! Vogliamo risorgere”

Pubblicato in data: 23/3/2013 alle ore:15:58 • Categoria: Pallavolo, Pallavolo Atripalda, Sport

inaugurazione-fan-club2I tifosi si mobilitano per cercare di sensibilizzare l’ambiente e i cittadini per salvare la Pallavolo Atripalda. Dopo le dure denunce del vice presidente della società, Antonio Rapolla, è il fan club a scendere in campo con una lettera aperta che spera di scuotere le coscienze: “in queste ore stiamo assistendo impotenti al funerale della Pallavolo Atripalda. Ormai, non è rimasto nessuno neppure a vegliare la salma. Come tifosi e come cittadini non possiamo permettere che ciò accada. Non rimarremo a guardare. Mobilitandoci e chiedendo aiuto in poche ore stiamo organizzando un pullman per Matera, non lasceremo la squadra da sola. Chiediamo che altri facciano lo stesso. Lo sponsor Sidigas non può mortificare Atripalda, non può mortificare una cittadina che dà tanto a quest’azienda. Un vecchio detto dice che San Sabino Patrono è amante dei forestieri… faccia tutto il possibile per farsi amare. Non meritiamo questo trattamento. Non può il Comune lavarsene le mani, andiamo incontro ad una fine ingloriosa, dopo la gloria e il vanto che la Coppa Italia ha portato ad Atripalda. La Pallavolo…una delle poche cose belle che è rimasta a rappresentare la nostra Città. Siamo amareggiati. Solidali con il Presidente Guerrera, unico combattente per questa causa. Siamo determinati a smuovere le acque per quanto ci compete. Domani saremo a Matera, ci sono ancora posti disponibili per il pullman che partirà alle 14.00 (per informazioni347.83.60.928). Che Pasqua sia di risurrezione, noi non vogliamo morire”.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Novolegno, lettera aperta dei lavoratori

La lettera aperta dei lavoratori della Novolegno indirizzata al Ministro dello Sviluppo Economico On. Stefano Patuanelli Al Prefetto di Avellino Read more

Abbruciamento residui vegetali, l’assessore all’Ambiente Prezioso scrive agli onorevoli irpini: “occorre proposta di legge che salvaguardi i coltivatori”

Lettera aperta dell'assessore all'Ambiente Antonio Prezioso agli assessori regionali irpini Rosetta d'Amelio,  Antonia Ruggiero, Pietro Foglia, Sergio Nappi e Ettore Zecchino. Dopo Read more

Scippo Abellinum, lettera aperta al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Ill. mo Signor Presidente, ci rivolgiamo a Lei quale garante della Costituzione che, all'art. Read more

Scippo Antica Abellinum, lettera aperta di Francesco Barra al Procuratore della Repubblica Di Popolo: “Sequestrate quell’area”

Egregio Sig. Procuratore della Repubblica, Vorrà scusarmi se scelgo proprio Lei come interlo­cutore, ma, oltre a conoscere la Sua capacità Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *