alpadesa
  
Flash news:   Movida e rischio assembramento ad Atripalda, il titolare del “BeviamociSu” annulla le serate estive. Sandro Lauri: «non mi va di passare come quello che mette a rischio la città ma altrove è peggio» Giallo in Comune, rubato il portafogli di un’impiegata Riapre al pubblico, dopo mesi di chiusura, il parco archeologico Abellinum ad Atripalda Us Avellino, esonerato mister Ezio Capuano Furti ad Atripalda, lettera aperta al comandante generale dei Carabinieri della Campania: “perché avete deciso di depotenziare la Caserma Eugenio Losco?” “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi Ripartono dopo mesi i lavori di rinaturalizzazione del fiume Sabato. Foto Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Inaugurata ad Atripalda la sede dell’Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia Rubano nella notte le gomme e lasciano due auto sui mattoni in piazza Cassese: i residenti chiedono la videosorveglianza. Foto

Clinica Santa Rita, minacce di morte al presidente Walter Taccone con una lettera anonima ed intimidatoria. Scontro con la Cgil sul pagamento degli stipendi

Pubblicato in data: 31/3/2013 alle ore:12:00 • Categoria: Cronaca

walter-tacconeUna lettera anonima ma con un messaggio chiaro ed inquietante di minacce di morte. Destinatario il presidente del Cda della Clinica “Santa Rita” di Artipalda, Walter Taccone. Della missiva, recapitata lo scorso 15 marzo a casa del professore, si è saputo solo ieri. Nel contenuto minacce di morte contro di lui ed il figlio che vive all’estero, in Belgio. Nel testo si fa riferimento proprio alla vertenza stipendi dei dipendenti della clinica atripaldese al centro di un nuovo braccio di ferro tra la dirigenza della casa di cura privata e la Cgil che ne accusa il mancato pagamento. «Se una persona mi chiedesse la copia dei bonifici avrebbe la conferma di quando sono stati fatti. Che poi la banca impiega un giorno per accreditare i soldi sul conto questo è un problema della banca e non nostro – dichiara il presidente del Cda della clinica Walter Taccone, intervistato telefonicamente dal Tg di IrpiniaTv -. Il giorno 19 marzo sono stato alla legione Carabinieri di Avellino per consegnare una lettera anonima con minacce personali alla mia famiglia e anche ai miei figli, e ad un figlio che ho all’estero. Ho presentato esposto denuncia. Sono stato molto accorto a portarla, in modo da non lasciare impronte sulla busta della lettera. L’ho plastificata in maniera molto corretta in quanto esperto e l’ho consegnata ai carabinieri che ora stanno svolgendo delle indagini». Taccone rivela anche il contenuto della missiva minatoria: «C’era scritto che alcuni dipendenti erano pagati ed altri no. E quindi nella mia denuncia ho detto ai carabinieri di indagare evidentemente su chi non aveva avuto ancora lo stipendio. In questo modo ho circoscritto notevolmente la mia denuncia-querela». Il presidente del Cda replica duramente anche alla Cgil: «Visto che sono stato chiamato in causa pesantemente e la cosa mi dà fastidio – conclude – alla Cgil farò un rendiconto di chi sono i loro iscritti e di come si comportano nell’ambito della casa di cura. Farò vedere, paradossalmente, quanti del loro sindacato vanno in malattia una continuazione. Quanta gente, una volta che abbiamo fatti dei turni di accorpamento dei reparti, il sindacato non può ritenere che io paghi lo stipendio se il reparto è chiuso a chi non viene a far niente. Gli chiedo, non forzatamente invece, di mettersi in ferie d’ufficio e questa è una cosa che io posso fare, per motivi organizzativi. Ma puntualmente queste persone il giorno dopo sono malate».
clinica_santa ritaDichiarazioni che certamente inaspriscono lo scontro proprio sulla questione pagamento stipendi, dopo le accuse lanciate verso la proprietà ieri dal segretario della Cgil Marco D’Acunto sul mancato pagamento degli stipendi di gennaio per i medici e di febbraio per medici ed infermieri. Un duro attacco del sindacato contro il Cda della clinica a difesa dei dipendenti che sarebbero senza stipendi da mesi. Ma per Taccone sono stati pagati ed i ritardi sono dovuti alla banche. E con un comunicato stampa, chiarisce :«Le tredicesime per tutto il personale, ad eccezione delle sole unità mediche e similari, sono state pagate già dal lontano 19 dicembre 2012 per la quasi totalità del personale non medico e, per una piccolissima parte, il 22 febbraio 2013 – si legge nella nota aziendale -. Gli stipendi delle mensilità di tutto il personale, relative ai mesi di gennaio sono state regolarmente pagate nei giorni 26 febbraio 2013 per la quasi totalità del personale e 26 marzo 2013 per la restante parte, mentre quelle relative al mese di febbraio il 27 marzo 2013 per tutto il personale». Per quanto riguarda invece la mensilità di marzo vengono remunerati entro il 20 del mese successivo, come da accordi sindacali per sincronizzarsi con i tempi degli accrediti dell’Asl

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Calcio, gravissimo lutto in casa Avellino: è scomparsa la mamma del presidente Taccone

Gravissimo lutto in casa A.S. Avellino: è scomparsa Carmela Giordano, mamma del presidente prof. Walter Taccone. La società tutta, dirigenti, dipendenti, Read more

Casa di Cura Santa Rita, al via il reparto di Chirurgia plastica e medicina estetica. Il presidente Taccone: “occasione di crescita per l’azienda”

Da questa mattina presso la Casa di Cura Santa Rita è operativo il nuovo reparto di Chirurgia Plastica e Medicina Read more

Bagno di folla per l’arrivo dei calciatori biancoverdi nella Dogana dei Grani. Fotoservizio e Video

Bagno di folla ieri sera in città per l'arrivo della squadra dell'As Avellino 1912 nella Dogana dei Grani di piazza Read more

Omicidio Speranza, il Gip convalida l’arresto del marito Naccarelli: «Litigavamo da mesi. Era divenuta una situazione insostenibile. Non ce la facevo più»

«Litigavamo da mesi. Era divenuta una situazione insostenibile. Non ce la facevo più. Lei era malata e tutto era diventato Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

5 risposte a “Clinica Santa Rita, minacce di morte al presidente Walter Taccone con una lettera anonima ed intimidatoria. Scontro con la Cgil sul pagamento degli stipendi”

  1. Nappo Carmela ha detto:

    Queste cose non si devno fare, sono solo vigliaccate. Spero che intervenga la procura per poter scoprire chi è stato a fare queste minacce al signor taccone

  2. antonello ha detto:

    come al solito chi e’ che non lavora e si assenta continuamente dal lavoro, sono sempre i soliti i sindacalisti e i sindacalizzati della cgil!!!! bravi bravi proteggete sempre chi non vuole fare niente!!!!!!!!!!!!!

  3. Geni ha detto:

    Questo Taccone è lo stesso che aveva offerto 120.000 euro per il logo dell’Avellino? Invece di fare lo splendido, si preoccupi di pagare gli stipendi ai dipendenti della clinica.

  4. follia ha detto:

    qua veramente si sta impazzendo… una cosa sono gli stipendi, che per carità sono giustissimi, anzi, ci mancherebbe altro, un altra è la minaccia di morte per il dottore ed i suoi familiari…
    geni che c’entra il logo con la clinica? qua veramente oltre ad essere dei provinciali, siamo anche dei folli… stiamo parlando di minacce di morte?!? mah… senza parole!!!

  5. Antonio ha detto:

    DOTT. TACCONE : I DIPENDENTI CHE NON SERVONO ? MANDALI A CASA , ANDASSERO A LAVORARE ALLA CGIL ! E’ ORA DI FINIRLA CON QUESTI CHE NON VOGLIONO LAVORARE E CHE CAMPANO IN UN MONDO TUTTO LORO ! LA CLINICA S.RITA è PRIVATA ! LICENZIA CHI NON TIENE VOGLIA DI FATICARE , BASTA !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *