alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, si avvicina il contagio zero in Campania: uno solo il positivo oggi. In irpinia nessun contagio Coronavirus, oggi finisce il lockdown in Italia: 71 le vittime registrate nelle ultime 24 ore Parte lo screening epidemiologico per titolari e dipendenti delle attività commerciali di Atripalda, il sindaco: “il costo del primo test per ogni negozio è a carico del Comune, per gli altri prezzi agevolati” Coronavirus, su 198 tamponi nessun caso positivo in Irpinia oggi Coronavirus, 399 i guariti in Irpinia e 49 i comuni Covid Free Coronavirus, raddoppiano i casi di contagio (+318) ma scendono i decessi a 55 Festa della Repubblica, lettera di Idea Atripalda al Presidente Mattarella Il Comune di Atripalda torna a soccombere dinanzi al Giudice di Pace di Avellino, l’avvocato Aquino: «L’autovelox va posto in lockdown» Coronavirus, un nuovo caso in Irpinia: è di Casalbore Coronavirus, meno di 200 nuovi contagi e altre 60 vittime in un giorno

Costringevano ragazzina 13enne a chiedere l’elemosina davanti le chiese di Atripalda e Avellino, arrestati i due suoceri rumeni di Mercogliano

Pubblicato in data: 3/4/2013 alle ore:12:03 • Categoria: Cronaca

elemosinaCostringevano ragazzina a chiedere l’elemosina. I Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino hanno tratto in arresto a Monteforte Irpino due coniugi residenti a Mercogliano, entrambi 38enni di origine rumena, per riduzione in schiavitù di minori. La specifica operazione è stata portata a termine dai militari della Compagnia di Baiano e, in particolare, da quelli della stazione di Monteforte Irpino, i quali, attraverso mirate attività di osservazione e pedinamento, sono riusciti ad acquisire gravi indizi di colpevolezza sul conto dei due rumeni, ritenuti responsabili, in concorso tra loro, di riduzione in schiavitù di minori.

Il GIP del Tribunale di Napoli, concordando con le risultanze investigative e su conforme richiesta del Sost. Proc., dott. Gianfranco Scarfò, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere sul conto dei predetti coniugi. La storia é quella di una ragazzina (che ora ha tredici anni) di nazionalità rumena costretta da persone diverse dai suoi genitori a chiedere l’elemosina a Mercogliano, Avellino ed Atripalda, dalla mattina alla sera in strada o vicino ai luoghi di culto, da sola e in ogni condizione climatica. I coniugi vantavano su di lei una sorta di diritto di “proprietà” perché avevano corrisposto alla famiglia di origine una somma di danaro per poterla trattenere presso la loro abitazione ed avviarla all’accattonaggio.
Quando la minore, che poi ha anche concepito all’età di dodici anni un bimbo con il figlio di tale coppia, si rifiutava di andare a chiedere l’elemosina, veniva picchiata a volte anche con un bastone di legno. La minore e il figlio di pochi mesi sono stati affidati ad una struttura protetta. Gli arrestati, invece, sono stati tradotti nel carcere di Avellino a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Tenta la vendita fittizia di uno smartphone: scoperto e denunciato 30enne atripaldese

L’attività dell’Arma finalizzata alla prevenzione e repressione dell’odioso fenomeno delle truffe, continua in maniera incessante. Grazie anche all’azione di contrasto Read more

Il tenente colonnello Di Pietro nuovo Comandante provinciale dei Carabinieri

Da domani Avellino avrà un nuovo Comandante Provinciale dei Carabinieri. È il Tenente Colonnello Franco Antonio Maria Di Pietro che Read more

Celebrato il 201° anniversario di fondazione dell’Arma dei Carabinieri

Nel pieno rispetto degli indirizzi emanati dall’Autorità di Governo in tema di celebrazione dell’Annuale di Fondazione delle singole Forze Armate, Read more

Rapinarono e picchiarono tabaccaio di via Aversa, si aprono le porte del carcere: 3 anni da scontare per gli autori

I Carabinieri delle Compagnie di Avellino e Baiano, nel corso di un’attività congiunta, hanno tratto in arresto tre uomini, due Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *