alpadesa
  
domenica 20 ottobre 2019
Flash news:   Lesioni e cornicioni a rischio crollo, intervento dei Vigili del Fuoco con Utc e Polizia municipale a Palazzo Piarulli ad Atripalda.FOTO Inchiesta scuole, il sindaco relaziona per quasi un’ora dinanzi al Consiglio di Istituto della “De Amicis-Masi”. La ds Carbone: «Siamo fiduciosi del lavoro svolto dalla Procura e attendiamo gli esiti». FOTO Domani al Parco Avventura percorso di Neuroeducazione ed Educazione Emozionale Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Scandone sconfitta nel derby casalingo con la Virtus Salerno. Foto

Così non va – Caos del giovedì in via Appia, le lamentele di un residente

Pubblicato in data: 14/4/2013 alle ore:10:51 • Categoria: Così non vaStampa Articolo

mercatoRiceviamo e pubblichiamo la segnalazione di un residente di via Appia.

Parlo a nome di tutti i residenti delle due traverse di via Appia, (già I traversa e II traversa, ora Via Alfonso Dinacci e via Vincenzo Vitale) interessate il giovedì dal traffico veicolare dovuto al mercato.
Mi domando: ma perché, se la gente non riesce a capire che non si può arrivare con la propria automobile fin DENTRO al mercato, chi di dovere non provveda a chiudere o a gestire al meglio il traffico veicolare di suddette traverse “vigilando” e “tutelando l’ordine”?!
Sicuramente un po’ di spazio c’è ma non è di certo un parcheggio ampio e che possa accogliere l’utenza del mercato. Quel poco spazio che c’è serve innanzitutto a favorire la circolazione (ivi, oltretutto, esistono depositi di/ed attività commerciali che in quei giorni diventano impossibilitate a svolgere la propria attività efficientemente essendo inibite al carico e scarico neanche con mezzi leggeri).
Quella zona è un BUCO, ci si infilano tutti, parcheggiano in modo selvaggio, si fermano nel mezzo delle stradine bloccando il normale flusso e spesso bloccando i veicoli dei residenti che non possono uscire dai parcheggi, creano intasamenti, inquinamento acustico, danni alle vetture dei residenti (perchè nell’infilarsi in piccoli spazi urtano, graffiano o danneggiano gli specchietti e non solo) e di conseguenza disagi, malumori e liti.
Leggevo stamane un articolo che elogiava il lavoro dei Vigili relativamente ai “lavori di potatura” dei Platani su via Appia. Premesso che a prescindere non sono d’accordo sull’elogiare chi fa il proprio dovere (il minimo indispensabile dato che quando i lavori erano all’altezza della Santa Rita, chi arrivava alla Farmacia, svoltava nella traversa cercando di raggirare l’ostacolo per raggiungere la clinica e non avendo ricevuto indicaziona ALCUNA, girovagava intorno ai palazzi), colgo l’occasione per esprimere il disagio di tutti coloro che vivono il Giovedì in maniera TRAGICA, sfiorando la rissa ogni settimana, ritrovandosi bloccato, assalito, aggredito, quasi sequestrato!
Ci tengo a precisare che a me il mercato non da affatto fastidio, anzi, benvenga. Il problema è il non gestire al meglio la situazione.
Basterebbe, per esempio, transennare le traverse e permetterne l’accesso ai soli residenti, mettere un divieto di sosta il giovedì “eccetto residenti” e dirigere il traffico in eccesso gestendo l’evento “eccezionale”.
In un paese civile ed efficiente, si parcheggia dove si può, si cammina a piedi, i mezzi pubblici si usano e funzionano e si cerca di veicolare il traffico evitando il CAOS o BLOCCHI alla circolazione.
Penso di non aver dettochissà quale follia.
Spero vivamente che qualcosa cambi, perché in alcune tribù vivono in maniera più civile di noi. Grazie dell’attenzione!!

un residente

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

10 risposte a “Così non va – Caos del giovedì in via Appia, le lamentele di un residente”

  1. libero ha detto:

    non hai fatto altro che dire cose esatte che solo l’amministrazione non riesce a capire,purtroppo sono insensibili a tutto quello che gli viene detto,è da quando è stato posizionato il mercato che glie lo stiamo dicendo,tutti,ma il problema non viene risolto,anzi peggiora,proprio non riesco a capire dove vogliono arrivare.

  2. peppiniello ha detto:

    Complimenti per il residente di Via Appia.
    Ma a chi lo dici???
    Ai Vigili il Sindaco gli ha fatto anche i complimenti per il lavoro svolto durante la potatura.
    Sarebbe tanto difficile mettere delle transenne?????

  3. gesualdo ha detto:

    bravo, cittadino di via appia.
    Nel paese che tu immagini, dovrebbero funzionare i vigili urbani.
    Ma ad Atripalda, fanno solo il servizio davanti alle scuole.

  4. Atripalda ha detto:

    PS: Chiedo scusa per le volgarità.. eventuali…(cit.)

  5. Rosa ha detto:

    Sono perfettamente d’accordo.Io personalmente ogni giovedì mattina resto bloccata e devo litigare per avere la “cortesia” di passare per andare a lavorare. Inoltre chi parcheggia in queste traverse non evita di buttare a terra cartacce ed “altro”, ma la pulizia del dopo mercato non prevede la loro pulizia. Abbiamo tanti doveri, ma i nostri diritti?

  6. stoucco ha detto:

    E’ vero sti vigili di atripalda non fanno mai nulla, se il mercato non va bene a via appia è colpa loro, se ce traffico è colpa loro, se il comune non ha soldi è colpa loro, se tagliano i platani è colpa loro, se è cambiata l’orbita lunare è colpa loro CONCORDO è SEPRE COLPA LORO BRAVIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

  7. Atripalda ha detto:

    @stuocco

    Carissimo, mi sa che la tua è una polemica sterile. elogiare i Vigili per aver fatto il loro lavoro è di per se SBAGLIATO, figuriamoci se IL LORO LAVORO viene svolto in maniera errata se non assente. Se ti senti toccato da questa lettera o dalle critiche dei tuoi compaesani, ricordati che le critiche servono a crescere ed a migliorarsi, quindi, nel caso in cui tu ti senta TOCCATO o conosca qualcuno che possa sentirsi OFFESO, ti/vi ricordo:

    Bollettino Ufficiale della Regione Campania n° 27 del 23 giugno 2003

    LEGGE REGIONALE N. 12 del 13 giugno 2003

    Articolo 11

    Funzioni di polizia locale

    1.Le province ed i comuni esercitano le funzioni proprie o delegate ai sensi della vigente legislazione nazionale e regionale, in particolare le funzioni di:
    a) polizia amministrativa;
    b) polizia giudiziaria ai sensi dell’articolo 57 del Codice dì procedura penale, rivestendo
    la qualifica di agente di polizia giudiziaria riferita agli operatori o di ufficiale di polizia giudiziaria riferita agli addetti al
    coordinamento e controllo ed al responsabile della struttura;
    c) polizia stradale ai sensi dell’articolo 12 del Codice della strada di cui al decreto legislativo del 30 aprile 1992, n 285;
    d) polizia tributaria limitatamente alle attività ispettive di vigilanza sull’osservanza delle disposizioni
    relative ai tributi locali;
    e) polizia ambientale ed ittico-venatoria;
    f) polizia annonaria e commerciale;
    g) polizia edilizia.

    LA VIGENTE LEGISLAZIONE NAZIONALE RECITA:

    Le funzioni della polizia municipale sono specificate dalla Legge Quadro (Legge 7 marzo 1986, n. 65), del d.P.R. 616/1977 relative alla materia «polizia locale urbana e rurale» che concernono le attività di polizia, svolta nell’ambito del territorio comunale e che, ai sensi del d.lgs. 31 marzo 1998, n. 112, non siano proprie delle competenti autorità statali attribuite dalla Costituzione e dalle leggi di attuazione.

    L’attività di vigilanza, prevenzione e repressione della polizia municipale, in ambito amministrativo, civile e penale, è sviluppata in modo peculiare essenzialmente nei seguenti settori:

    Polizia locale in riferimento alle leggi, ai regolamenti ed ordinanze del comune (circolare Ministero dell’Interno n.3/87 del 02 marzo 1987).

    Polizia giudiziaria, rivestendo la qualifica di agenti e ufficiali ai sensi dell’art.57 co. 3° del codice di procedura penale e ai sensi dell’art.5 co.1 lett.c L.07 marzo 1986 n.65 vedi anche circolare ministero dell’interno n.557/PAS/5845.10182.A(1) A del 28 giugno 2010 ed in riferimento all’interpretazione autentica vedi adunanza plenaria Consiglio di Stato Sezione I n.448/2001 del 16 maggio 2001 ed anche Cassazione, sez. II, n. 5771/2008.

    Funzione di polizia stradale nel territorio di appartenenza, come indicato dall’art.12 co.1 lett.f codice della strada.

    Polizia commerciale, attività produttive ed annonaria.

    Polizia edilizia, urbanistica e tutela ambientale.

    Sanità locale, con l’esecuzione, tra l’altro, in funzione di supporto al personale tecnico specialistico dell’amministrazione sanitaria, del A.S.O. e T.S.O..

    Polizia veterinaria.

    Polizia mortuaria.

    Polizia tributaria, con riferimento ai tributi imposti dall’ente locale.

    Vigilanza sull’igiene, ambiente, alimenti, bevande.

    Accertamenti e informazioni relativi alle attività istituzionali dell’ente locale, come gli accertamenti anagrafici.

    In alcune città, generalmente quelli delle grandi città, vi è l’istituzione di nuclei specializzati, come ad esempio quelli nella lotta al degrado urbano, nella tutela del trasporto pubblico locale, nella polizia tributaria in ordine ai tributi locali; inoltre in alcune comuni sono istituiti gruppi cinofili che affiancano altri operatori nelle loro specifiche iniziative.

    Quando sono in servizio, nell’ambito territoriale dell’ente di appartenenza, gli appartenenti alla polizia municipale rivestono la qualifica di:

    agenti o ufficiali di polizia giudiziaria nei limiti suindicati per competenza per materia, per territorio e nell’orario di lavoro (servizio);

    svolgono il servizio di polizia stradale, ai sensi dell’art. 12 co. I lett. f) codice della strada Decreto Legislativo n.285/1992 nel territorio di competenza (è opportuno ricordare che non esiste qualifica di polizia stradale ma è un servizio di polizia);

    agenti di pubblica sicurezza con funzioni ausiliarie ai sensi degli artt. 3 e 5 L.65/1986, nomina approvata dal Prefetto su istanza del Sindaco.

    La funzione di pubblica sicurezza è approvata ai sensi dell’art.14 tulps (licenza di polizia soggetta a controllo) che è funzionale ai compiti assegnati al singolo operatore di polizia municipale, non è una qualità di agente di ps come stabilito all’art.4-bis R.D. 635/1940, poiché i requisiti richiesti, la procedura di nomina e gli adempimenti di legge sono diversi.

    Gli agenti di ps dipendono dal questore e non dal sindaco come gli operatori di polizia municipale.

    Le funzioni di polizia giudiziaria sono svolte alle dipendenze dell’Autorità giudiziaria e in via generale secondo i limiti di servizio, materia e territorio stabiliti; possono essere distaccati presso le Sezioni di polizia giudiziaria di stanza nelle Procure della Repubblica limitatamente a specifiche competenze.

    Gli operatori di polizia municipale rivestono, nell’ambito del territorio di competenza indicato all’art.6 del Codice della strada la competenza generale in ordine all’espletamento del servizio di polizia stradale, ai sensi dell’art. 12 del C.d.s, nell’ambito del territorio urbano e sulle strade extraurbane di proprietà dell’ente da cui dipendono come definito all’art. 2 co. 9° del Codice della strada.

  8. Nappo Carmela ha detto:

    Ma i vigili sono dove c’è il mercato settimanale però devono lavorare non fare chiachere ok ciao

  9. dico la mia ha detto:

    Cari amici ricordo che una volta il mercato si faceva in piazza Umberto e dintorni.
    Qualcuno di voi si ricorda per caso se la stessa cosa lamentata per via Dinacci e via Vitale accadeva anche per la piazzetta intorno alla fontana luminosa?
    Ricorda anche che gli abitanti di via Fiume e suo prolungamento erano letteralmente segregati in casa il giovedì?
    Io ricordo anche che diverse volte ci sono state polemiche perchè l’ambulanza non è riuscita a soccorrere alcuni frequentatori della fiera ed ancor peggio una volta fu impedito ai vigili del fuoco di intervenire per un principio d’incendio.
    Ma vi rendete conto?
    Anch’io sono per il rispetto della tradizione della fiera del giovedì ma tutto si deve svolgere in sicurezza e senza alcun disagio per la popolazione.
    In quanto ai vigili poi posso solo dire che ora si risolverà tutto, c’è un elemento giovane in più che dirige il traffico, o forse mi sbaglio? Il sindaco e l’assessore alle finanze hanno già fatto intendere, prima dell’approvazione del bilancio, che non ci sono più soldi e cosa fanno? Assumono un nuovo impiegato quando quelli già presenti ogni mese rischiano lo stipendio!!!!!
    Sono sicuro che questa amministrazione non è diversa da qualsiasi altra così come non lo sarà quella futura se prima non si riesce a cadere completamente nella mer ….. aviglia totale.

  10. Atripalda ha detto:

    A breve ci saranno i cassonetti al posto dei parcheggi (per i residenti?) quindi direi che le traverse nel Giovedì sarà meglio chiuderle al traffico…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *