alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, si avvicina il contagio zero in Campania: uno solo il positivo oggi. In irpinia nessun contagio Coronavirus, oggi finisce il lockdown in Italia: 71 le vittime registrate nelle ultime 24 ore Parte lo screening epidemiologico per titolari e dipendenti delle attività commerciali di Atripalda, il sindaco: “il costo del primo test per ogni negozio è a carico del Comune, per gli altri prezzi agevolati” Coronavirus, su 198 tamponi nessun caso positivo in Irpinia oggi Coronavirus, 399 i guariti in Irpinia e 49 i comuni Covid Free Coronavirus, raddoppiano i casi di contagio (+318) ma scendono i decessi a 55 Festa della Repubblica, lettera di Idea Atripalda al Presidente Mattarella Il Comune di Atripalda torna a soccombere dinanzi al Giudice di Pace di Avellino, l’avvocato Aquino: «L’autovelox va posto in lockdown» Coronavirus, un nuovo caso in Irpinia: è di Casalbore Coronavirus, meno di 200 nuovi contagi e altre 60 vittime in un giorno

Teatro, parte “Gesualdo Danza” sulle note di Stravinskij e le coreografie di Ismael Ivo

Pubblicato in data: 19/4/2013 alle ore:16:44 • Categoria: Cultura

sacre-du-printemps-1Cent’anni fa “Le sacre du printemps” rivoluzionò la musica e la danza, scandalizzando la comunità internazionale per la violenza pagana del “rituale di Primavera”.

Domenica 21 aprile alle 18.30, le musiche immortali di Igor Stravinskij rivivranno sul palcoscenico del Teatro “Carlo Gesualdo” di Avellino con le coreografie originali e la regia del direttore a Venezia della Biennale Danza, il brasiliano Ismael Ivo, per il cartellone “Gesualdo Danza 2013”, la prima rassegna di danza contemporanea del Teatro comunale di Avellino

La stagione della danza contemporanea del Teatro “Carlo Gesualdo” di Avellino, nata in collaborazione con l’Accademia Nazionale di Danza di Roma, il Circuito Campano della Danza e il Teatro pubblico Campano, aprirà i battenti domenica pomeriggio alle 18.30 con un eccezionale appuntamento che ha fatto da spartiacque nella storia della danza contemporanea.

Il brasiliano Ismael Ivo porterà sul palco del “Gesualdo” il balletto più famoso della danza contemporanea messo in scena per la prima volta nel 1913 al Théâtre des Champs-Elysées su libretto musicale di Igor Stravinskij e coreografie di Vaclav Nizinskij, rivisitandolo personalmente in una produzione targata Fondazione Campania dei Festival, Les Danseurs Napolitains e Fondazione Paestum Festival.

“Le sacre du printemps” ovvero la “sagra” o “il rituale di primavera” inscena un sacrificio umano di stampo pagano. Nella Russia antica una fanciulla, l’Eletta, viene incitata a danzare fino allo sfinimento, sino addirittura alla sua morte, sacrificio umano, appunto, per propiziare la terra in attesa del ritorno della Primavera.

Risalendo oltre la civiltà dell’uomo moderno, distruggendo l’ordine delle forme tradizionali, Stravinskij intese ricreare un mondo barbarico e primitivo, in un clima rituale pagano che sfocia in una rissa demoniaca resa ancora più vibrante da una musica tellurica e sconvolgente che animerà le coreografie originali del grande Ismael Ivo.

«A 100 anni esatti dal debutto parigino “Le sacre du Printemps riporta la grande danza ad Avellino – spiega Mario Castro De Stefano, direttore del Circuito campano della Danza – Lo spettacolo coincide con l’apertura del Corso di Laurea triennale in Coreografia che rappresenta per il panorama campano e direi internazionale motivo di grande prestigio. Viene riproposto ad Avellino lo spettacolo che il grande Ismael Ivo pensò nel 2010 per il debutto nazionale nella zona archeologica di Paestum per il Napoli Teatro Festival, la più importante manifestazione che si fa in Campania. Un appuntamento che nasce per valorizzare la grande formazione e la qualità dei danzatori campani».

“Le sacre du printemps” è stato un vero e proprio spartiacque che nel corso del XX secolo è stato banco di prova di tutti i più grandi coreografi, dalla nostra Pina Baush a Wayne McGregor, da Kenneth MacMillan a Maurice Bejart.

La sagra di Primavera, per la regia e le coreografie originali di Ismael Ivo porterà sul palco del “Carlo Gesualdo” 14 danzatori campani che volteggeranno su un tappeto di oltre mezzo milione di petali di rose che pioveranno dal soffitto del Teatro comunale di Avellino sulle loro teste.

In occasione dell’apertura della prima rassegna di danza contemporanea del Teatro “Carlo Gesauldo” di Avellino, il coreografo brasiliano Ismael Ivo, incontrerà la stampa sabato, 20 aprile alle ore 15.

Il costo del biglietto per assistere al balletto “Le sacre du printemps” di Ismael Ivo è di 18 euro (posto unico numerato).
Sono previsti sconti per gli under 30 che potranno prenotare un posto a teatro a solo 12 euro.
Per maggiori informazioni e per conoscere le promozioni attive telefonare al numero 0825.771620

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Teatro, il Gesualdo chiude la stagione con 51mila spettatori

Ventitre spettacoli, 533 artisti in scena, 2411 abbonati, 51.000 spettatori. I numeri fatti registrare dal Teatro "Gesualdo" nella stagione appena Read more

Pierfrancesco Favino al Teatro Gesualdo con “Servo per due”

E' uno degli spettacoli rivelazione di questa stagione teatrale. Si ride, si canta, il pubblico è chiamato a partecipare in Read more

Teatro Gesualdo, arrivano i comici di Made in Sud per l’ultimo spettacolo del 2013

Sono i personaggi televisivi del momento. Hanno sdoganato la comicità partenopea e meridionale in tutto lo stivale direttamente dagli schermi Read more

Per Siani è sold out: nuova data per sabato pomeriggio. Continua vendita altri spettacoli di ReD

Grandissimo successo per lo spettacolo di Alessandro Siani che aprirà la rassegna "ReD - Risate e Danza" il prossimo 5 Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *