alpadesa
  
Flash news:   Furti ad Atripalda, lettera aperta al comandante generale dei Carabinieri della Campania: “perché avete deciso di depotenziare la Caserma Eugenio Losco?” “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi Ripartono dopo mesi i lavori di rinaturalizzazione del fiume Sabato. Foto Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Inaugurata ad Atripalda la sede dell’Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia Rubano nella notte le gomme e lasciano due auto sui mattoni in piazza Cassese: i residenti chiedono la videosorveglianza. Foto Irpiniambiente, riparato il guasto allo Stir: da stasera riprende la raccolta dell’indifferenziato Regionali Campania, presentati i candidati di Europa Verde: per l’Irpinia c’è l’ex vicesindaco Luigi Tuccia Cadono calcinacci ad Alvanite, i giovani del quartiere si recano in Comune dal sindaco: “giornata molto intensa e costruttiva ma siamo stanchi di 40 anni di chiacchiere” Forte pioggia e allagamenti in via Appia: città bloccata

Taglio del nastro per il progetto sperimentale “Orti Sociali” a contrada Alvanite. FOTO

Pubblicato in data: 22/4/2013 alle ore:22:52 • Categoria: Attualità

orti-sociali2Inaugurato questo pomeriggio a contrada Alvanite il progetto sperimentale “Orti Sociali” promosso dal Consorzio dei Servizi Sociali A6 e dal Comune di Atripalda. Un progetto di respiro europeo che vede la realizzazione di orti sociali come luogo ideale dove intrecciare scambi con la natura, l’ambiente e la comunità.
Il comune di Atripalda ha messo a disposizione sei aree a rischio di degrado in contrada Alvanite che, grazie al progetto, sono state allestite ad orto sociale ed affidate a sei anziani che li coltiveranno.
Al taglio del nastro di oggi, con la consegna della prime piante, il sindaco Paolo Spagnuolo, il delegato ai Servizi sociali Dimitri Musto, il delegato al Bilancio Domenico Landi e la dottoressa Antonella Spina per il Consorzio A6.
orti-sociali1

Gli obiettivi principali sono assicurare la realizzazione di politiche integrate di inclusione sociale rivolte alle fasce deboli attraverso la sperimentazione di progetti innovativi; destinare alcune aree di proprietà pubblica alla coltivazione di ortaggi, erbe aromatiche, fiori, con scopo di autoconsumo, così da incentivare l’attività ortocolturale nelle aree urbane, al fine di valorizzare i connotati sociali,culturali e ambientali; realizzare la riqualificazione urbana attraverso interventi di inclusione sociale, affidando il recupero delle aree degradate o incolte a soggetti vulnerabili o a rischio di esclusione sociale; creare una rete regionale degli orti di città in grado di assicurare l’inclusione sociale di soggetti svantaggiati attraverso l’auto produzione delle varietà agricole, educazione alimentare e ambientale, sviluppo della pratica del baratto tra i conduttori, recupero delle colture della tradizione, sviluppo dell’agricoltura biologica, promozione di nuove forme di socialità, formazione nelle tecniche orticole biologiche e all’ortoterapia, riabilitazione psico.  Partner del progetto: L’ADA (Associazione diritti Anziani) di Avellino, La Coldiretti, la Legambiente e l’associazione G.A.I.A..sociale, fisica e motoria.
orti-sociali3

Una finalità sociale quella degli orti sociali – tiene  a sottolineare il delegato alle Politiche sociali, Dimitri Musto -. Ai sei anziani coinvolti nel progetto verranno destinate ad uso gratuito i sei terreni allestiti e verrà dato loro tutto l’occorrente per curare gli orticelli che diventeranno punto di riferimento per diverse iniziative di socializzazione“.
Per il sindaco Paolo Spagnuolo: “Con questo progetto si invita la città ad essere più attiva, diffondendo una nuova filosofia nell’adottare parti del proprio territorio con maggiore rispetto. una cittadinanza attiva che rispetti il territorio. Con questo progetto si vuole creare anche le condizioni affinché i cittadini rivalutino l’autoconsumo e l’autoproduzione. M anche luogo di aggregazione tra generazioni“. A chiusura del progetto  prevista la premiazione dell’orto più bello.
orti-sociali7 orti-sociale4orti-sociali6orti-sociale5

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Medaglia di bronzo a Parigi, il maestro D’Alessandro ringrazia l’Amministrazione per il riconoscimento in Comune

Il Maestro D'Alessandro premiato dal Sindaco, avvocato Paolo Spagnuolo, dall'Assessore Antonio Prezioso e dal consigliere comunale, il Signor Pascarosa, presente Read more

Seconda edizione “Premio Elio Parziale”, cerimonia conclusiva con i sette vincitori. Il sindaco: «L’intera comunità atripaldese ha bisogno di esempi positivi». Fotoservizio

«L’intera comunità atripaldese ha bisogno di esempi positivi ed Elio Parziale, uomo onesto, dedito al lavoro, che ha assunto il Read more

Atripalda in rosa ospita per il secondo anno consecutivo la Carovana del Giro d’Italia. FOTO

Atripalda si è tinta di rosa per ospitare per il secondo anno consecutivo la Carovana del Giro d’Italia. Tra palloncini, Read more

Atripalda candida il parco archeologico di Abellinum a polo culturale dell’Area Vasta. FOTO

Atripalda candida il parco archeologico di Abellinum come attrattore del polo culturale nell’ambito dell’Area Vasta di Avellino. Lo fa alla Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

10 risposte a “Taglio del nastro per il progetto sperimentale “Orti Sociali” a contrada Alvanite. FOTO”

  1. Amaro Irpino ha detto:

    Più manifesti che gente. Chissà se gli amministratori hanno spiegato a qualcuno dei presenti che il suolo degli orti è e resta di proprietà del Comune: quindi di tutti.

  2. a nana zoppa e cattiva ha detto:

    ottima idea , un modo per incentivare il tempo libero e la buona volontà di persone desiderose di fare qualcosa .

  3. franco de siano ha detto:

    la proprietà resta dal comune…ma almeno si tenta di preservare questi fondi da erbacce e pattume vario. non vi sta mai bene niente!! allora si raddoppia….e al prossimo giro…..presentazione del concorso ZAPPA D’ORO e ROSMARINO D’ARGENTO

  4. vrenna ha detto:

    uahhhhhhhhhhh mimmo landi sta sempe miezzo. che c’azzeccava co sta cosa?

  5. Antonio C. ha detto:

    Caro vrenna probabilmente non centrava nulla Mimmo Landi ma almeno ha avuto la creanza da buon assessore di presentarsi tra il popolo quello che non fanno gli altri come qualche assessore.ad Atripalda che si fa fa,tenete sempre da dire poi vi lamentate che il paese e morto voi lo affossate proprio con tutte queste critiche.

  6. gennaro ha detto:

    questa è buona idea. Finalmente.
    Forse è la prima.
    Speriamo che non sia solo uno slogan ma ci sia vero impegno e coinvolgimento.
    Mi permetto di far notare che il terreno doveva essere arato e non lo era e quindi le piantine non si possono piantare. Resta una messa in scena, senza costrutto o diventa una cosa seria e sentita?
    Chissa…. vedremo nel mese di luglio

  7. limone ha detto:

    BRAVI FINALMENTE AVETE CAPITO COSA DOVETE FARE,OTTIMA INIZIATIVA.

  8. Iole ha detto:

    Ma lo sapete di chi e’ stato il progetto? Informatevi!! Il sindaco e i 4 si pigliano i meriti e chi ha sudato per farlo approvare sto progetto ….

  9. vrenna ha detto:

    caro Antonioc probabilmente sono stati più bravi a capire che ormai la gente si è stancata di vedere solo protagonismo e nessun costrutto; pensi che il paese riviva in virtù di queste cose che poi non ha certo fatto il Comune ma il Consorzio A6.

  10. Marco ha detto:

    E’ possibile sapere, in modo trasparente, come e a chi sono stati assegnati i 6 lotti? Bella iniziativa, ma speriamo che non venga favorito qualche amico o parente di chicchessia mentre chi potrebbe averne bisogno resta fuori. C’è stato un bando? Un’assegnazione in base a criteri oggettivi, quali il reddito, o solo a simpatia????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *