alpadesa
  
domenica 20 ottobre 2019
Flash news:   Lesioni e cornicioni a rischio crollo, intervento dei Vigili del Fuoco con Utc e Polizia municipale a Palazzo Piarulli ad Atripalda.FOTO Inchiesta scuole, il sindaco relaziona per quasi un’ora dinanzi al Consiglio di Istituto della “De Amicis-Masi”. La ds Carbone: «Siamo fiduciosi del lavoro svolto dalla Procura e attendiamo gli esiti». FOTO Domani al Parco Avventura percorso di Neuroeducazione ed Educazione Emozionale Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Scandone sconfitta nel derby casalingo con la Virtus Salerno. Foto

Crisi Partito Democratico, Sel: “Atripalda ha anticipato un anno fa quello che accade ora a livello nazionale. Noi pronti al dialogo con chi nel Pd è contro Berlusconi”

Pubblicato in data: 26/4/2013 alle ore:09:13 • Categoria: Politica, Sinistra Ecologia e LibertàStampa Articolo

logo-selAtripalda da sempre anticipa, in politica, quello che poi accade su scala nazionale. Questa volta, con addirittura un anno di anticipo, abbiamo vissuto ad Atripalda il suicidio politico del PD locale, per poi assistere in questi giorni all’auto-affondamento del malconcio barcone del PD nazionale in occasione dell’elezione del Presidente della Repubblica. Le modalità sono state in fondo le stesse in entrambi i casi: un gruppo di potere interno che ha fatto di tutto per perseguire un proprio disegno (qui da noi l’inciucio con l’UDC, a Roma con il PDL), a qualunque prezzo. Anche la conseguenza è la stessa: rendere il PD politicamente ininfluente.
Noi siamo stati leali ad un disegno antitetico a qualunque inciucio con forze di retroguardia, che ad Atripalda hanno le sembianze di De Mita e dei novelli Montiani e in Italia naturalmente quelle di Berlusconi e Monti.
L’aver buttato a mare la candidatura di Prodi e il non aver preso nemmeno in considerazione la candidatura di Rodotà è un segno chiaro che nel PD ha preso il sopravvento chi non ha mai creduto nella coalizione di centrosinistra, considerandola, al più, il veicolo migliore, in quel momento, per vincere le elezioni, salvo poi riproporre facce e metodi di sempre.
Noi sappiamo che nel PD c’è dell’altro. C’è lealtà e voglia di cambiamento di cui si fanno interpreti soprattutto quei giovani che conservano un’autonomia di pensiero perché non compromessi con l’apparato. Vogliamo incontrarci subito con chi, nel PD, non vuole arrendersi alle ambiguità che da vent’anni fanno vincere Berlusconi.
Non ci rassegneremo mai all’incubo di una Repubblica presidenziale con a capo Silvio Berlusconi.

SEL di Atripalda

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a “Crisi Partito Democratico, Sel: “Atripalda ha anticipato un anno fa quello che accade ora a livello nazionale. Noi pronti al dialogo con chi nel Pd è contro Berlusconi””

  1. Geni ha detto:

    Per fare politica Bisognerebbe avere cultura di governo, ma a voi manca del tutto.
    Il signor Berlusconi ha preso gli stessi voti del PD e dei grillini, e se si vuole (e si deve) governare il paese bisogna dialogare con loro. Dandosi un minimo di agibilità politica e di azione di governo, con la riforma elettorale, interventi sul lavoro e sull’economia. Voi continuate a blaterare a fare sterili posizionamenti di principio. Qua ed ora conta il governo del paese, di cui c’è assoluto bisogno.

  2. ciao amore ciao ha detto:

    Bisogna pensare alla politica come “servizio” da rendere alla cittadinanza e non altro!!!!!

  3. cittadino ha detto:

    i commenti spaventano più della realtà…il pd ha raggiunto il colmo e gli elettori peggio…vanno dove va il vento…altro che cambiamento qua si parla di restaurazione peggio della democrazia cristiana potevano arrivarci solo loro e tentano anche di giustificarsi..e le giovani generazioni del pd visto che vanno tanto di moda sono ancora più liberisti e di destra pensateci un pò…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *