alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, si avvicina il contagio zero in Campania: uno solo il positivo oggi. In irpinia nessun contagio Coronavirus, oggi finisce il lockdown in Italia: 71 le vittime registrate nelle ultime 24 ore Parte lo screening epidemiologico per titolari e dipendenti delle attività commerciali di Atripalda, il sindaco: “il costo del primo test per ogni negozio è a carico del Comune, per gli altri prezzi agevolati” Coronavirus, su 198 tamponi nessun caso positivo in Irpinia oggi Coronavirus, 399 i guariti in Irpinia e 49 i comuni Covid Free Coronavirus, raddoppiano i casi di contagio (+318) ma scendono i decessi a 55 Festa della Repubblica, lettera di Idea Atripalda al Presidente Mattarella Il Comune di Atripalda torna a soccombere dinanzi al Giudice di Pace di Avellino, l’avvocato Aquino: «L’autovelox va posto in lockdown» Coronavirus, un nuovo caso in Irpinia: è di Casalbore Coronavirus, meno di 200 nuovi contagi e altre 60 vittime in un giorno

“Nel silenzio della politica, il silenzio della ragione” nota del capogruppo Raffaele La Sala (Piazza Grande)

Pubblicato in data: 27/4/2013 alle ore:16:16 • Categoria: Lista "Piazza Grande", Politica

la-salaMentre l’esperienza sindacale di Spagnuolo Paolo già mostra sbreghi ed incrinature, segni inequivocabili di un decadimento precoce, neppure dalla ‘politica’ (con la p minuscola) che dovrebbe sostenerne la già precaria maggioranza, giungono segnali confortanti.
Vediamo. Si va dai silenzi della Xenus, che da quasi un anno, in attesa del ministeriale finanziamento, ci tiene sulla corda sul filo del dissesto, per ora rinviato solo per ragioni contabili; alla pantomima della monnezza (che ancora non ha dispiegato tutti i suoi effetti); ai regolamenti ‘promessi’; alle rivoluzioni organizzative annunciate e più volte spiaggiate da veti e ripensamenti; all’assetto stesso della giunta (nella quale la giovannad’arco Concetta Tomasetti vive la sua esperienza amministrativa da emarginata di fatto -persino nella non necessaria specifica di assessore ‘esterno’, delle camicie di giunta- nella scomoda posizione di chi sa di essere oggetto di esplicite manovre di… riequilibrio e manderebbe volentieri qualcuno a… quel paese). Tutto questo (e molto altro) nella afasia dei partiti, megafoni senza idee e senza voce di una pubblica opinione rassegnata e delusa. Che ne è, per esempio, dei piedìni? e delle loro numerose e confliggenti anime morte? dov’è Alberta e dov’è Valentina vestita di nuovo? E Nancy e Salvatore? e Federico (che certifica pubblicamente il proprio fallimento, mentre prende atto delle genuflessioni del suo gruppo consiliare)? e persino i renziani di Tony, approdo tardivo e salvifico di lunghi e tormentati percorsi politici? Tuccia no: Tuccia ogni tanto si fa sentire, nelle stanze che contano alza ogni tanto la voce, batte i pugni…, tratta per sé, per Aquino delle pari opportunità e contro Aquino dell’ufficio tecnico, per Parziale…, persino per Pacia, ma comincia a non crederci più nemmeno lui e colleziona -insieme a qualche risultato ‘concreto’- solo brutte figure e riposizionamenti tattici (come sul ptcp e sul puc in salamoia). Gli udiccini…invece tacciono, nella inutilmente pensosa attesa dei malinconici umori di Peppino. Con la doppia opzione di lotta e di governo, pronti a trincerarsi dietro presunti unanimismi e sussurrati distinguo, in balìa delle mutevoli alleanze del capoluogo.
E Spagnuolo? dove va Spagnuolo? Dopo l’annuncio (non confermato e non smentito) di una sua cooptazione nel provvisorio direttorio di Scelta Civica, si registra il ritorno di fiamma montezemoliano con il varo di una singolare iniziativa di incerto Futuro.
Intanto mi viene casualmente annunciato, nel tardo pomeriggio di ieri, l’invio alle ore 15 passate di venerdì -ad uffici chiusi e per mail non certificata- di ben 19 allegati al consuntivo 2012: una procedura assai discutibile, contraria ad ogni norma regolamentale, oltre che al buon senso. Mentre confermo che, fino ad ora, non ho ricevuto nessuna mail, considero che i silenzi della Xenus lanciano ombre sinistre sulla ‘sostanza’ di strumenti contabili, già attenzionati dalla Corte dei Conti (alla quale pure si dovrà dire qualcosa nella relazione trimestrale); e sulla stessa alienazione della ex scuola rurale di Contrada S. Gregorio, realizzata attraverso un percorso che definire tortuoso è solo un garbato eufemismo (tra permute fatte e ritirate, piani di rientro pluriennali, affidamenti e riaffidamenti… Insomma un guazzabuglio, in un’ebbrezza di atti amministrativi qua e là confliggenti. Ne parleremo nel consiglio comunale di martedì. Intanto… (pensando al commissariato Prezioso… ed alle sue alleanze avellinesi) leviamo in alto i calici: prosit, anzi… prodest.

Raffaele La Sala
capogruppo consiliare “Piazza Grande”

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
“Deserto…e La bufera e altro…”, note di Lello La Sala sul Consiglio rinviato e bufera al Comune

Consiglio comunale rinviato per mancanza del numero legale e bufera sul Comune per il blitz della polizia che ha indagato Read more

“Una città allo sbando, tra giuristi ed urbanisti…”, nota di Lello La Sala (Piazza Grande)

E insomma tanto tuonò... e la pioggia finalmente è arrivata (e pure peggiore di quella meteorologica). Una vera e propria Read more

Vendita Centro Servizi, nota dell’ex capogruppo La Sala: “chiarire modalità e garanzie della cessione”

A quanto pare il trasferimento alla Xenus del Centro Servizi di via San Lorenzo sarebbe cosa fatta, per quanto la... Read more

“Le urgenze…di Spagnuolo & friends”, nota del capogruppo La Sala sul Consiglio comunale del 27 dicembre

E così (con il consiglio semiclandestino del 27 dicembre) si chiude ad Atripalda l'anno amministrativo, con i soliti silenzi imbarazzati, Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a ““Nel silenzio della politica, il silenzio della ragione” nota del capogruppo Raffaele La Sala (Piazza Grande)”

  1. Geni ha detto:

    Professò,
    Nun si capisce nienti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *