alpadesa
  
Flash news:   Sono 16.079 i nuovi contagi in Italia. Ad Atripalda i casi totali finora sono 16 Ordinanza coprifuoco Campania: operativa da venerdì 23 ottobre Coronavirus, 47 nuovi contagi in Irpinia Vandali di nuovo in azione nel centro storico, imbrattata Piazzetta degli Artisti ad Atripalda: lo sdegno sui social. Foto Coronavirus, contagio ancora in crescita: 39 i positivi in Irpinia su 760 tamponi effettuati Finisce in pareggio il derby campano tra Avellino e Juve Stabia La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva il Bilancio di previsione 2020-2022: ok al piano per ridurre i debiti Emergenza Coronavirus, da domani stop all’accesso dei visitatori alla Città ospedaliera e al plesso “Landolfi” Coronavirus, da venerdì scatta il coprifuoco alle 23. Lunedì riaprono le elementari Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda dei 28 casi irpini

Conferimento indiscriminato rifiuti, il Comune intensifica controlli e sanzioni

Pubblicato in data: 10/5/2013 alle ore:12:44 • Categoria: Comune

raccolta-porta-a-porta-atripalda1Con la partenza del “porta a porta”, sono anche aumentati i controlli effettuati dalla Polizia Municipale sul conferimento dei rifiuti e sull’indiscriminato abbandono degli stessi sul territorio comunale. Il tutto per contrastare e punire i responsabili del degrado, che in termini economici si ripercuote sulla tasche di tutti i cittadini.
Si è passati alla verifica dei sacchetti depositati, in modo da risalire attraverso qualche elemento presente tra i rifiuti, all’individuazione di coloro che non rispettano le regole con la conseguente applicazione delle sanzioni previste dall’ordinanza del commissario e dal decreto legislativo 152/2006. La cittadinanza è invitata a segnalare eventuali conferimenti anomali. Tutti insieme si può vincere questa battaglia di civiltà e di crescita per Atripalda.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

15 risposte a “Conferimento indiscriminato rifiuti, il Comune intensifica controlli e sanzioni”

  1. Angelo ha detto:

    Anche a via Appia sono arrivati i “famosi” cassonetti chiaramente hanno riempito l’androne ma adesso che apre il portone a quelli di Irpinia ambiente alle 06,00 di mattina?? Spero che qualcuno del comune risponda…e speriamo che ce la caviamo..

  2. quelli di atripalda ha detto:

    Mi preme segnalare che in Via Michele Capozzi (ex III Trav. Via Cesinali), una strada di transito per coloro che provengono dai Comuni di Cesinali, Aiello del Sabato, nei pressi della fermata dell’autobus, dal giorno che hanno rimosso i cassonetti pubblici, l’immondizia in terra aumenta sempre di più pur essendo stati tolti i cassonetti.
    Di sicuro non sono residenti della zona a depositarla in terra, dato che il quartiere effettua a regime la differenziata con il porta a porta.

  3. nati' ha detto:

    tutti insieme ha detto bene…allora cara amministrazione iniziate ad individuare chi butta di tutto e di più a contrada Ischia ,vicino al campetto…quella si che è una discarica a cielo aperto

  4. Antonio ha detto:

    bastava mettere i cassoni elettronici con conferimento a tessera magnetica! ma cosa volete, quà si pensa chissà a cosa quando si prendono incarichi ! TORNATEVENE A CASA VOSTRA , LI I DANNI LI PAGATE SOLO VOI !

  5. errico ha detto:

    Se avete notato, da un punto di vista di effettività, la raccolta differenziata è cominciata con la raccolta dell’indifferenziatto. Questa casualità esprime perfettamente la situazione che stiamo vivendo.

  6. Osservatore ha detto:

    Bisogna resistere per non ridere. Sembra quasi la scena dell’analisi della monnezza riportata nel libro e nel film di L. De Crescenzo <>. ”Dalle Alpi alle Piramidi, dall’Asia ai Pirenei, dammi la tua monnezza e ti dirò chi sei”. Si pensa alla verifica del contenuto dei sacchetti depositati e non si vede, o non si vuol vedere, che sul prato in p.zza Umberto I sono stati collocati cinque bidoni, che altrettanti sono in bella mostra nella parte centrale dinanzi a una proprietà privata, che anche durante il giorno dinanzi alla farmacia vi è una montagna di cartoni interi, che all’estremità opposta sono stati collocati, i bidoni, sotto un cornicione pericolante. Evidentemente per qualcuno ben si adattano al contesto della piazza. La situazione è comica e seria allo stesso tempo, manca solo che sia dato qualche incarico tecnico o delle indennità per : analisti della monnezza.

  7. franco de siano ha detto:

    UNA TRAGICOMMEDIA IN SALSA ATRIPALDESE…UNA VERGOGNA SENZA EGUALI….LA MONNEZZA NEI PORTONI! PROSSIMO STEP: TENERLA SOTTO IL LETTO E UTILIZZARLA COME AEROSOL….P.S.SOLUZIONE ? SUBITO CASSONETTI DIVERSIFICATI PER RIFIUTO NEGLI STESSI PUNTI DOVE ERANO UBICATI I PRECEDENTI. QUANTO STA SUCCEDENDO IN QUESTO PAESE E’ DA STRISCIA LA NOTIZIA!

  8. Bix ha detto:

    Ma usare i bidoni differenziati e posssibilmente lontano dai portoni, no?!!!! e poi una cosa, ma vi rendete conto degli orari improponibili? Chi si alza alle sei di mattina oppure perchè dobbiamo tenerci la mondizia in casa fino alle dieci di sera prima di poterla gettare. Ora con il caldo vedrete che puzza che ci sarà!

  9. luciano ha detto:

    bravissimo Antonio.
    Quella dei cassonetti con scheda era la soluzione OK. Ma purtroppo, da questi amministratori e da questi dipendenti cosa ci potevamo aspettare?????????

  10. virgilio ha detto:

    ma i vigili i controlli quando di fanno??

  11. marco ha detto:

    ma che controllo fanno i vigili se sotto il naso hanno la spazzatura????

  12. aldo ha detto:

    Vedo che all’ unanimita’ viene bocciato l’operato del comune, devo spezzare una lancia pero’ a favore, e devo dire che fermo restante le difficolta’ la cosa deve essere migliorativa per noi cittadini tutti almeno le persone civili che ci vivono,ma premesso questo , credo che i cassonetti o carrellati vanno fuori dai portoni sicuramente se no’ il medico sanitario del paese ne rispondera’ in prima persona a seguito di denunce che saranno a lui indirizzate, che i carrellati non vanno dotati di lucchetti a meno che le chiavi degli stessi siano in dotazione della ditta Irpiniambiente, perché ritengo superfluo far notare chi apre e chiude i lucchetti la sera e la mattina?? i condomini?? roba da terzo mondo, visto che l’errore e’ stato fatto acquistando questi carrellati non idonei al porta a porta cari signori amministratori e c’e’ da pensare a male, come diceva il compianto Andreotti, poi per quanto concerne lo sversamento dai paesi vicinori, occorre creare un servizio di volontariato tipo guardie ambientali ecologiche in borghese con l’autorizzazione legale a procedere e beccare i soggetti multandoli basta un mese massimo due mesi di multe abbondanti e vedrete che il problema si risolvera’

    vi saluto

  13. libero ha detto:

    ci sono tanti modi di fare la differenziata ma nel nostro paese è stato adottato il peggiore.hanno tolto i bidoni dalle strade per portarli nei portoni.chi si lamenta o chiede spiegazioni a chi ci amministra viene a sapere che la colpa non è lora ma del commissario.i condomini devono tenersi:l’immondizia nei portoni,poi devono portarla fuori dal portone perchè gli addetti ai lavori dicono che non entrano nelle proprietà private,i cassonetti sporchi li devono lavare i condomini,ancora non si capisce quali sono i compiti che spettano agli addetti,porta a porta,ma sapete che significa porta a porta?per il momento mi fermo qui,riservandomi di continuare il mio commento.

  14. marco ha detto:

    Date uno sguardo ai cassonetti che hanno messo sulla Piazza vicino alla pizzeria.

  15. limone ha detto:

    I vigili non sono capaci di far rispettare i divieti, figurati se sono capaci di scovare chi ci porta la spazzatura dai paesi limitrofi. .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *