alpadesa
  
sabato 05 dicembre 2020
Flash news:   Lavori di disostruzione delle caditoie stradali ad Atripalda contro i continui allagamenti Coronavirus, 5 nuovi contagi ad Atripalda su 55 persone positive in Irpinia Ingiurie e minacce per uno sguardo di troppo lungo via Roma ad Atripalda: assolte due atripaldesi Furto, danneggiamento e spaccio di sostanze stupefacenti: i carabinieri di Atripalda arrestano un 29enne Prove di Natale ad Atripalda al tempo del Covid, i commercianti di via Roma si tassano per le luminarie. Sabato pomeriggio l’Amministrazione accende l’albero in piazza Umberto “Avellino oltre lo sport”, anche quest’anno i disabili irpini fanno sentire la loro voce Un video per riflettere: “Sia sempre 3 dicembre” Coronavirus, mai tanti morti in un solo giorno in Italia: 993 e 23.225 positivi. In Campania 2.295 nuovi contagiati Coronavirus, su 141 nuovi positivi in Irpinia 4 contagi si registrano ad Atripalda Nuova ondata di furti nelle case: cresce la paura tra Atripalda, Cesinali e Aiello del Sabato Coronavirus, l’appello di una mamma al sindaco di Atripalda: «Non riapra le scuole!»

Raccolta porta a porta, il gruppo consiliare del Pdl elogia la città: “atripaldesi cittadini virtuosi e civili. La percentuale di rifiuti indifferenziati è crollata: si passa da 80 tonnellate a 19 tonnellate -76.25%”

Pubblicato in data: 24/5/2013 alle ore:16:41 • Categoria: Pdl, Politica

gruppo-consiliare-pdlA pochi giorni dall’avvio del nuovo servizio di raccolta differenziata possiamo constatare con immenso piacere che i risultati raggiunti sono di tutto rispetto. Contrariamente a quanto pronosticato i cittadini hanno immediatamente acquisito conoscenza del nuovo sistema e si stanno impegnando al massimo per rispettare, nel miglior modo possibile, il calendario di raccolta e la corretta sistemazione dei rifiuti. A conferma di tutto cio’ il fatto che il servizio di vigilanza attivato ha riscontrato, salvo rare eccezioni, il rispetto delle modalità di conferimento e la corretta selezione dei rifiuti.

La cosa sta avvenendo con non pochi momenti di difficoltà che, tuttavia, sono inevitabili quando si modificano in modo così radicale le abitudini dei cittadini. E’ indubbio che vi sono cose che ancora non funzionano, altre che vanno migliorate ed altre cambiate, ma questo puo’ accadere solo durante una prima fase di rodaggio che durerà qualche mese.

Attività di ristorazione, bar e pasticcerie, ad esempio, non possono conservare i bidoni all’interno degli esercizi, ma è altrettanto vero che non è possibile tenerli in bella vista. Inoltre i nuovi orari per il deposito creano evidentemente problemi in taluni casi ( esempio le persone anziane ) , ma questi sono aspetti che via via possono essere migliorati.

C’è poco da fare la soluzione dei problemi della città puo’ essere trovata solo chiedendo aiuto agli atripaldesi. Ecco perchè ci aspettavamo un comportamento più responsabile da parte del Sindaco e della sua maggioranza. Spagnuolo & CO. invece di sentirsi offesi per la scelte del Prefetto ( che non è il cattivo che loro descrivono ) avrebbero dovuto offrire collaborazione al commissario Dott.ssa Curto ed invece hanno remato contro. Lo hanno fatto nella speranza che tutto naufragasse ed oggi invece sono pronti a prendersi i meriti di un molto probabile successo.

Così non è.

Se Atripalda raggiungerà percentuali di raccolta differenziata in linea con le città più civili sarà per il lavoro svolto dal commissario Curto e la disponibilità degli adetti comunali sostenuti da Irpiniambiente, ma soprattutto grazie al senso civico dei cittadini pronti ad uno sforzo necessario perchè la nostra città torni ad essere ammirata per le cose belle e visitata da chi ha il piacere di venirci per tutto, tranne che per lasciare i suoi rifiuti. Inoltre se le cose dovessero andar bene ci sarebbero vantaggi economici per tutti.

In conclusione invitiamo i cittadini a continuare così e non vanificare quanto fatto finora perchè basta poco per gettare al vento tutti i sacrifici comuni. Lo facciamo da gruppo consiliare responsabile che sceglie di perseguire una linea politica difficile e poco popolare nell’interesse esclusivo di Atripalda non cedendo alla tentazione di cavalcare l’onda del malcontento nè fomentandolo. La demogogia non ci appartiene e sappiamo bene che la nostra città vive un momento difficile sotto tanti aspetti. La bacchetta magica non ce l’ha nessuno, tanto meno chi si lava le mani e si disinteressa. Siamo sicuri che Atripalda supererà questo brutto momento e lo farà grazie al contributo di tutti gli atripaldesi virtuosi e civili.

gruppo consiliare PDL Atripalda

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

8 risposte a “Raccolta porta a porta, il gruppo consiliare del Pdl elogia la città: “atripaldesi cittadini virtuosi e civili. La percentuale di rifiuti indifferenziati è crollata: si passa da 80 tonnellate a 19 tonnellate -76.25%””

  1. sabino di gisi ha detto:

    sono anni che bisognava togliere questi maledetti bidoni dalle strade,la dimostrazione l’abbiamo avuta solo in pochi giorni, figuriamoci in seguito.
    Bastava solo avere un pò di coraggio che è mancato anche alla precedente amministrazione e risparmiavamo un bel pò di soldini evitando così che i nostri vicini comunali venissero a buttare la loro spazzatura ad Atripalda diventando così uno dei paesi con la TARSU più cara dell’Irpinia.

  2. viviano ha detto:

    ma se alla vigilanza e al controllo stanno partecipando anche assessori della maggiorana comunale, cosi come si può evincere da un articolo pubblicato su atripaldanews! Moschella non è quello che ha detto che lo spettacolo dei cassonetti nei portoni era agghiacciante? Ora cambia idea? Vedremo quando arriveranno le salate bollette della tarsu/tares.

  3. Antonio ha detto:

    invece di fare chiacchiere metteci la faccia sul costo della monnezza ! QUANTO SI RISPARMIERA’ DA UN SERVIZIO ABBASTANZA VIRTUOSO ? QUESTO NON LO DICE NESSUNO ? ALLORA SIAMO ALLE SOLITE VONGOLE CONTATE DA GENTE CHE SI BUTTA IN POLITICA X RICICLARSI !MA AL 10O X CENTO E NON COME LA DIFFERENZIATA ATTUALE !

  4. Antonio ha detto:

    REDAZIONE DI ATRIPALDANEWS: ANDATE A VEDERE A QUANTO AMMONTA L’AUMENTO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE IN MERITO ALLA TARES ? NON ASPETTATE CHE LE COSE AVVENGANO PRIMA , FATE INFORMAZIONE SENZA GUARDARE IN FACCIA A NESSUNO ! FATE I GIORNALISTI CON LA G MAIUSCOLA !

  5. Emilio ha detto:

    Per favore smettetela di fare opposizione sterile, così facendo vi ridicolizzate da soli. La differenziata ha avuto successo perchè tutti i cittadini di buona volontà, di qualsiasi colore politico, hanno collaborato con l’amministrazione. I risultati si vedono. I meriti sono di tutti, finitela di polemizzare.

  6. viviano ha detto:

    Bravo Emilio, a questi signori non va giù che cmq sia la differenziata in un modo o nell’altro è partita con questa gestione politica. Gli atripaldesi hanno dimostrato di essere molto più intelligenti ed evoluti di questi tre oppositori di maniera, che prima hanno stroncato il porta a porta e ora esultano per i buoni risultati. Tutti sanno la propaganda negativa che hanno fatto contro questo sistema e ora salgono sul carro del vincitore. In poche parole siete il clichè dei populisti. Bene questa amministrazione che ha avuto il coraggio di mettere al primo posto la risoluzione del problema rifiuti.

  7. Antonio ha detto:

    x 5 e 6 : la differenziata è partita xchè imposta dal prefetto mettendo un commissario ad acta ! se dovete leccare scrivendo fesserie ,sappiatelo almeno fare !non offendete l’intelligenza altrui !sapientoni delle babbezze.

  8. Nappo Carmela ha detto:

    A me fa piacere che c’è la differenziata ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *