alpadesa
  
Flash news:   Lavori abusivi eseguiti in fondo archeologico di Atripalda, due persone denunciate dai Carabinieri Forestale Atripalda Volley, partenza lanciata: battuta 3 a 1 la Sacs a Napoli Giovedì 31 ottobre IX edizione del Premio giornalistico “Mimmo Castellano” Lesioni e cornicioni a rischio crollo, intervento dei Vigili del Fuoco con Utc e Polizia municipale a Palazzo Piarulli ad Atripalda.FOTO Inchiesta scuole, il sindaco relaziona per quasi un’ora dinanzi al Consiglio di Istituto della “De Amicis-Masi”. La ds Carbone: «Siamo fiduciosi del lavoro svolto dalla Procura e attendiamo gli esiti». FOTO Domani al Parco Avventura percorso di Neuroeducazione ed Educazione Emozionale Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale

Lavoro e precariato, le proposte di legge dell’onorevole Valentina Paris

Pubblicato in data: 2/6/2013 alle ore:08:00 • Categoria: Partito DemocraticoStampa Articolo

pd-paris-a-romaLa deputata irpina del Partito Democratico e membro della Commissione Lavoro, Valentina Paris, ha presentato stamattina presso il circolo Pd di via dei Giubbonari a Roma alcune proposte di legge del progetto “Alta Partecipazione” riguardanti le principali problematiche generazionali rispetto al lavoro precario, agli ammortizzatori sociali e al sistema previdenziale.
All’evento erano presenti anche il prof. Patrizio Di Nicola dell’Università La Sapienza di Roma, che ha mostrato alcuni dati raccolti dall’Osservatorio sul Lavoro Atipico, il presidente della Commissione Lavoro della Camera Cesare Damiano e il Sottosegretario al Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Carlo Dell’Aringa.
“Prima di diventare deputata – ha spiegato Paris – ho vissuto sulla mia pelle il dramma del precariato e una volta giunta in parlamento non potevo non porre la mia attenzione su temi di cui ho avuto, ahimé, conoscenza diretta. A partire dalle riforme del 1995 il concetto di flessibilità si è trasformato in un precariato non solo retributivo, ma esistenziale. Chi di noi auspicava un mondo del lavoro più flessibile, non solo in uscita ma anche in entrata, ha dovuto ricredersi: dopo un ventennio ci troviamo di fronte a un esercito di lavoratori atipici con scarsi mezzi per pianificare un futuro anche a medio termine”.
La deputata atripaldese ha poi snocciolato, punto per punto, alcuni temi dirimenti riguardanti il mondo del lavoro: dal dramma vissuto dagli esodati all’uso distorto dell’apprendistato, dalla riforma dei contratti a termine al lavoro femminile gravemente sottopagato. Tuttavia, “la principale sfida di oggi”, ha evidenziato Paris, “di fronte a una costante carenza di fondi pubblici da cui attingere, è razionalizzare l’utilizzo dei fondi e accogliere alcune delle proposte contenute nel pacchetto normativo di Alta Partecipazione che sono a costo zero”.
In conclusione, la deputata irpina ha ribadito l’opportunità di ribaltare il punto di vista presente oggi nel mondo del lavoro: “Siamo arrivati a un punto di non ritorno. Lo Stato torni a considerare il lavoratore non più come un peso per il datore di lavoro ma come un investimento per il futuro”.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a “Lavoro e precariato, le proposte di legge dell’onorevole Valentina Paris”

  1. Lavorerei volentieri ha detto:

    Brava, è giusto ed aggiungerei anche che ci voglia un maggiore controllo. Perchè (per esperienza personale) anche le grandi aziende irpine, campane e nazionali, pur garantendo un contratto equo ai propri dipendenti, nel mettere in atto ciò che il contratto prevede, non sono così oneste. Basti considerare le migliaia di contratti che prevedono le classiche 40 ore settimanali e le ore effettive di lavoro dei dipendenti (spesso superano le 50), la paga minima, gli straordinari non pagati e le ferie forzate etc etc etc…. in un periodo di crisi e poco lavoro, ne approfittano tutti..

    Se i primi ad abusare e schiavizzare i dipendenti sono coloro a cui tutti ambiscono, se ci si fa raccomandare per diventare SCHIAVI in fabbrica o altre grosse aziende, pensate cosa capita ai lavoratori in nero..
    E’ un circolo vizioso ed una strada lunga e dificile da percorrere. Continuando così scapperemo via tutti!!

  2. uno ha detto:

    In questa società così evoluta bisogna si riesca a risolvere il problema del lavoro, altrimenti siamo punto e a capo con lo sfruttamento dei lavoratori e con l’esercito di riserva dei disoccupati per la perenne dualità lavoro-capitale! Possibile mai che negli anni 2000 ancora non è stato previsto un salario minimo per i senza lavoro? Mentre con la globalizzazione si spostano le fabbriche come delle pedine su una scacchiera, la società va allo sfascio e i veri imprenditori che fanno e lo Stato come protegge i suoi cittadini????????????????????????????????????????????

  3. uno ha detto:

    Siamo in una gomorra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *