alpadesa
  
Flash news:   Istituto Comprensivo di Atripalda, fa discutere la circolare della preside Amalia Carbone che vieta i vestiti di Carnevale all’Infanzia. I genitori si dividono sui social “Ci vuole un fiore”, incontro al Convento di San Giovanni Battista domenica su ecologia e benessere “Laganum in Arce” a Manocalzati nel castello di San Barbato Calcio, l’Abellinum vince ancora Ciclismo, l’A.S Civitas-Profumeria Lucia intensifica la preparazione in attesa del debutto Porta i cani nell’ex scuola di Rampa San Pasquale interdetta al pubblico, fermato dai Vigili Ad Atripalda sabato pomeriggio arriva “Carnevale in Piazza” Non bastano i rinforzi, Scandone sconfitta ancora a Corato Pari a reti bianche nel derby con la Cavese. Capuano: «Dovevamo vincerla» Il Consiglio d’Istituto del Comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda elegge presidente Roberto Savarese ribaltando l’esito delle elezioni suppletive. Due genitori allontanati dai Vigili

Bagarre al Comune, i consiglieri dell’Udc rimettono le deleghe e gli assessori hanno rassegnato le dimissioni dalla Giunta: “Venuta meno la fiducia nel sindaco Spagnuolo”

Pubblicato in data: 4/6/2013 alle ore:12:55 • Categoria: Politica, Comune, UdcStampa Articolo

udc-italia-logoIl Gruppo Consiliare dell’UdC di Atripalda ha preso atto che in occasione del rinnovo delle cariche del Consorzio dei servizi sociali ambito A6, il Sindaco Paolo Spagnuolo ha completamente disatteso le intese assunte da tempo in seno alla maggioranza consiliare, che di fatto confermavano un orientamento ormai consolidato da tempo, secondo il quale a rappresentare il Comune negli organi sociali del citato Consorzio fosse il delegato al ramo.
Il Sindaco aveva inoltre assunto un formale impegno in tal senso nei confronti del delegato alle politiche sociali Dimitri Musto, all’epoca anche assessore, allorquando quest’ultimo responsabilmente e con grande disponibilità favoriva la soluzione della questione “quota rosa” in seno alla Giunta Comunale.
Abbiamo, invece, assistito alla rappresentazione del cosiddetto teatrino della politica con protagonista principale il Sindaco Paolo Spagnuolo il quale non ha ritenuto di delegare il consigliere Musto alla odierna assemblea del Consorzio, disattendendo intese ed impegni assunti e senza alcun preliminare confronto all’interno della sua maggioranza (per quanto a noi noto).
E se questo non bastasse ha addirittura assunto la decisione di appoggiare palesemente e di candidarsi nella lista “Sole” di chiara connotazione “PD”, anche in questo caso senza alcun preliminare confronto tra le diverse componenti politiche e consiliari che compongono la maggioranza e lo sostengono.
Alla luce di quanto accaduto è venuto meno, pertanto, il rapporto fiduciario e le condizioni di pari dignità che necessariamente devono legare un sindaco con le forze consiliari della maggioranza; a causa di ciò che i consiglieri dell’Udc hanno deciso di rimettere le deleghe e gli assessori hanno rassegnato le dimissioni dalla Giunta Comunale.
Atripalda, 4 giugno 2013

Il gruppo Consiliare Udc

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

15 risposte a “Bagarre al Comune, i consiglieri dell’Udc rimettono le deleghe e gli assessori hanno rassegnato le dimissioni dalla Giunta: “Venuta meno la fiducia nel sindaco Spagnuolo””

  1. luca ha detto:

    bravi avete fatto bene però ora per il bene del paese non ritiratele,anzi visto che le avete presentate ritiratevi voi.

  2. Manlio ha detto:

    e so doe….

  3. diogene ha detto:

    i democristiani non perdono il vizio di volere solo poltrone, peraltro in perfetta coerenza con il loro capo.
    Vogliono la poltrona per Musto.
    bene il sindaco almeno abbiamo un rappresentante nel consorzio che è utile per Atripalda e non per de mita.

  4. lingua italiana ha detto:

    Documento scritto con i piedi, con sei piedi, SESQUIPEDALE!!!!. No, non ce la possiamo fare …

  5. FRANCO ha detto:

    ASSA FA DIO.

  6. Emilio ha detto:

    Grave perdita! Speriamo che non ci ripensano. Il sindaco ha il sacrosanto diritto di tenerli fuori. Questi sono solo vassalli, chissà se il FEUDATARIO interverrà.

  7. geppetto ha detto:

    è comica questa sequenza di post a favore del Sindaco. Segno che i suoi seguaci hanno fiutato che è necessario costruire un consenso anche nei post sui siti.
    Stanno perdendo di vista i fatti, e non lo dice un democristiano.
    Il fatto principale è volontà del Sindaco ad accaparrarsi qualsiasi spazio di rapprensentanza. I servizi sociali, l’alto calore, le candidature “a dispetto dei santi” sono tutte palesi dimostrazione che al nostro Sindaco interessa solo occupare uno spazio, di qualunque tipo. Di Atripalda e delle infinite problematiche, non se ne frega nemmeno un pò!

  8. FRANCO ha detto:

    ma vi pare questo il modo di amministrare una comunità! la gente vi ha votato per dare delle risposte ai tanti problemi che ci a sono e non a trovare la poltrona di turno dove vi dovete sedere e per sfortuna dobbiamo dire questi o alcuni di questi sono i nuovi e proprio vero che stavamo meglio quando stavamo peggio.

  9. Nappo Carmela ha detto:

    Io dico che i servizi sociale è meglio che se la vede il comune ciao

  10. Lucia ha detto:

    Noi tutti parlavamo male di Laurenzano. Io lo sto già rimpiangendo

  11. malapolitica ha detto:

    tutta colpa del PD(L)….. non c’è nulla da fare………alzo le mani di fronte alla capacità innata dei residui del centro sinistra atripaldese (Prezioso compreso) di scompaginare alleanze e creare difficoltà prima agli alleati e poi agli avversari politici, che in questo caso ovviamente non esistono giacchè c’è una bella accozzaglia nell’Amministrazione Spagnuolo: ex di tutto , da destra, da sinistra, da su, da giù….da Nusco, da Manocalzati, da Montefalcione……CHE BANDA!!!!
    trattasi di sgarbo a chi già si era immaginato seduto al suo posto nel consiglio di amministrazione di un ente carrozzone….. penso che ci voglia competenza in certe cose e non credo che il NOMINATO ne avesse a sufficienza per il delicato compito…..
    COMPLIMENTI PER L’ANNO DI NULLA!!!!!

  12. BIAGINO ha detto:

    FUSSE CA FUSSE LA VORTA BONA CHE SE NE VANNO TUTTI A CASA.

  13. bruno carcioffola ha detto:

    peggio di così non si poteva amministrare. Alla prossima, appena chiedete qualche voto vi debbo far correre per tutta la Piazza, per intenderci (quella appezzottata).

  14. lino ha detto:

    lo tenevate il vizio e non ve lo siete tolti.

  15. luca ha detto:

    paolo se ti fanno un’altro piacere come questo di mandano direttamente in parlamento,secondo me ti sei messo d’accordo con loro,non voglio pensare che sono cosi sprovveduti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *