alpadesa
  
Flash news:   Ventidue furti nelle case dell’hinterland avellinese, misure cautelari per due persone L’ex sindaco di Atripalda Paolo Spagnuolo nominato amministratore unico di ACS Accusa un malore mentre attraversa la strada ad Atripalda: paura ieri in via Gramsci Us Avellino, Filippo Polcino è il nuovo Amministratore Delegato Buona affluenza per la prima Notte Bianca atripaldese in via Gramsci. FOTO Us Avellino, Aniello Martone è il nuovo Direttore Generale Us Avellino, trovato l’accordo: presidente Luigi Izzo e Nicola Circelli vice Le studentesse atripaldesi Silvia Minichini e Chiara Pierno premiate all’Università di Salerno Muore a 36 anni, addio ad Angelo De Angelis: Original Fans e Scandone in lutto Bisceglie espugna il Paladelmauro

Abellinum, il Tar di Salerno accoglie il ricorso della società “Gica Srl” e boccia il vincolo di inedificabilità assoluta apposto dalla Soprintendenza

Pubblicato in data: 8/6/2013 alle ore:23:30 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

abellinum-1

Il Tar di Salerno accoglie il ricorso della società “Gica Srl” e boccia il vincolo di inedificabilità assoluta apposto dalla Soprintendenza ai Beni e Attività Culturali della Campania su una fascia protetta intorno al parco dell’Antica Abellinum di Atripalda. Con sentenza N. 01228/2013 il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania, Sezione Seconda, si è pronunciato giorni fa sul ricorso proposto dalla società «G.I.Ga. Srl.», rappresentata e difesa dall’avvocato Lorenzo Lentini, contro la Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Province di Avellino, Benevento e Salerno, rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato.
La decisione è stata assunta nella Camera di consiglio del giorno 16 maggio 2013 con l’intervento dei magistrati: Luigi Antonio Esposito (presidente) Francesco Gaudieri (Consigliere) ed infine Nicola Durante (Consigliere Estensore).
Tutto parte dal decreto 27 giugno 2003 n.162, con il quale il Soprintendente regionale per i beni e le attività culturali della Campania ha imposto una fascia di rispetto attorno alla mura dell’antica Abellinum, con divieto di nuove opere all’interno del perimetro interessato ed obbligo di previa approvazione delle innovazioni sui fabbricati esistenti, da parte della Soprintendenza. Vincolo impugnato dalla società ricorrente, proprietaria di alcune aree edificate ed edificatorie all’interno della detta fascia riportate nel catasto del comune di Atripalda, censurandone il difetto d’istruttoria con la motivazione che i fondi non confinavano, né orograficamente e né visivamente, con le antiche mura, e questo anche rimuovendosi l’intera vegetazione esistente.
Da qui la decisione del Tribunale Amministrativo Regionale della Campania che ha accolto il ricorso e per effetto, ha annullato il decreto del Soprintendente regionale per i beni e le attività culturali della Campania, limitatamente alle particelle per le quali era stato presentato ricorso.
Intanto sul futuro dell’Antica Abellinum domani mattina dovrebbe essere eseguito il decreto di esproprio alla famiglia Dello Iacono dell’area di oltre 20mila mq per la quale è previsto anche un nuovo indennizzo da 75mila euro. Un decreto di esproprio per pubblica utilità che dovrebbe riconsegnare alla città l’area archeologica. Con tale Decreto Ministeriale, datato 10 aprile 2013, l’ente di piazza Municipio si prepara infatti a ritornare in possesso dell’area archeologica posta sotto sequestro preventivo dalla Procura della Repubblica e in custodia giudiziaria cautelare alla Soprintendenza dei Beni Archeologici di Avellino con la dottoressa Maria Fariello che ha più volte evidenziato come l’antica domus romana, esposta alle intemperie, stesse andando in malora.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Abellinum, il Tar di Salerno accoglie il ricorso della società “Gica Srl” e boccia il vincolo di inedificabilità assoluta apposto dalla Soprintendenza”

  1. malapolitica ha detto:

    ahè n’ata zuppa in arrivo…..ma stavolta è più scandalosa del solito perchè trattasi di scavi archeologici……voglio vedere come si comporterà il sindaco di fronte a questo scandalo……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *