alpadesa
  
Flash news:   Il senatore Ugo Grassi lascia il M5S e passa alla Lega Si rinnova domani l’appuntamento con la tradizione centenaria dei Cicci di Santa Lucia Futuro dell’ex convento di Santa Maria della Purità di Atripalda, parla il sindaco Spagnuolo: «L’iniziativa è a favore dei più bisognosi e si farà utilizzando solo pochi locali. Ringrazio la Fondazione. Come Comune assicureremo attività di controllo e monitoraggio» Giorgia Casaburi e Pasquale Piscitelli vice campioni italiani 2019 di Taekwondo L’associazione di promozione sociale “L’Argine APS” in campo con una raccolta di beni per i detenuti Il futuro dell’ex convento di Santa Maria della Purità ad Atripalda accende il dibattito in città Ventidue furti nelle case dell’hinterland avellinese, misure cautelari per due persone L’ex sindaco di Atripalda Paolo Spagnuolo nominato amministratore unico di ACS Accusa un malore mentre attraversa la strada ad Atripalda: paura ieri in via Gramsci Us Avellino, Filippo Polcino è il nuovo Amministratore Delegato

Allarme abbandono e degrado Parco pubblico San Gregorio, questa mattina raccolta di firme in piazza Umberto

Pubblicato in data: 16/6/2013 alle ore:05:00 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

degrado-parco-pubblico-5Allarme abbandono Parco pubblico di San Gregorio ad Atripalda tra un crescente degrado, raccolta firme questa mattina in piazza Umberto. Una sottoscrizione pubblica che punta a favorire il recupero dell’ex Pineta Sessa sulla quale grava dalla scorso anno un’ordinanza di chiusura a seguito delle abbondanti nevicate di febbraio 2012. La denuncia arriva da un gruppo di giovani che vogliono sensibilizzare le Istituzioni sul grande polmone verde che sovrasta la cittadina del Sabato, oltre 20 ettari di patrimonio boschivo di proprietà comunale. «Sulla situazione di degrado ne abbiamo discusso anche con il Sindaco Spagnuolo e l’assessore Antonio Prezioso – scrivono in una sorta di appello pubblico i giovani Sabino Aquino, Ivano Bonazzi, Antonio Pio de Mattia, Gerardo de Mattia, Andrea Famiglietti ed Emanuele Loffredo -. E’ emerso con chiarezza che l’immobilismo della Provincia ha provocato la situazione attuale in cui versa il Parco, in quanto i solleciti finora effettuati non hanno sortito alcun effetto. Ed è alquanto paradossale che il Comune di Atripalda sia già pronto a procedere con il recupero della struttura ma, mancando il placet della Provincia stessa, sia impossibilitato a dare inizio ad alcuna azione. La situazione rischia però di precipitare con l’avvicinarsi della stagione estiva e delle elevate temperature, in quanto si presenta, oltre ai rischi collegati all’incuria e ai rifiuti lasciati a cielo aperto, un serio rischio incendi. Abbiamo così deciso di procedere ad una raccolta firme per tutta la mattinata. Tale azione è volta a dare maggior forza all’istituzione locale presso la Provincia, affinché possa finalmente uscire dal letargo in cui si ritrova. Inoltre, chi vorrà, potrà lasciare nominativo e recapito per partecipare all’eventuale giornata ecologica che si ha intenzione di organizzare, sempre in accordo con Sindaco e Assessore, per la pulizia dello stesso parco».
In piazza Umberto sarà allestito anche uno stand informativo. Sul degrado del parco interviene anche il consigliere comunale del Pdl Vincenzo Moschella che domani mattina incontrerà il commissario della Provincia, Raffaele Coppola. «Rami e alberi ad alto fusto caduti rendono impraticabile e inaccessibile l’area invasa da rifiuti abbandonati – scrive Moschella -. Ci sono alberi che debbono essere rimossi ma essendoci un vincolo ambientale è stata richiesta formale autorizzazione alla Provincia che a tutt’oggi ancora non ha fornito il via libera. Una situazione incresciosa che si trascina da luglio dell’anno scorso. Perciò domani incontrerò personalmente, presso la Provincia, il commissario prefettizio, professor Raffaele Coppola, per riportare l’attenzione sulla questione che necessita di una soluzione in tempi brevi viste le alte temperature che ci prepariamo ad affrontare e i conseguenti pericoli di incendi». Sulla questione infine interviene anche l’ex sindaco Andrea De Vinco per l’associazione «La verde Collina» che accusa però: «Non si può fare a scaricabarile. Il Comune deve riappropriarsi del parco assumendo le iniziative perché è di proprietà comunale. Come associazione vogliamo fare una battaglia per la sua riapertura ma siamo pronti a denunciare alla Corte dei Conti il comune che non ha effettuato gli interventi di manutenzione per la necessaria fruizione dell’area. Ci sono già delle sentenze di condanna dei comuni».
degrado-parco-pubblico-2

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 risposte a “Allarme abbandono e degrado Parco pubblico San Gregorio, questa mattina raccolta di firme in piazza Umberto”

  1. LUIGI OLIVA ha detto:

    MA PERCHE’ NON LO SI DA IN GESTIONE A GIOVANI DI ATRIPALDA. E’ MOLTO COMPLICATA QUESTA SOLUZIONE.

  2. oreste ha detto:

    caro avv. con la corte dei conti sicuramente non si risolve proprio niente sapendo bene la situazione del comune di Atripalda,invece aiutiamo queste associazione che vogliono fare qualcosa per risolvere il problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *