alpadesa
  
Flash news:   Istituto Comprensivo di Atripalda di nuovo nella bufera, la componente genitori scrive al Ds per criticare la Dad e all’Amministrazione: «Chiediamo di assumere le posizioni dovute al ripristino degli equilibri» Coronavirus, un caso a San Potito: 4 in Irpinia. I contagiati salgono a 536 Coronavirus, la Regione rinnova l’invito: “No assembramenti, il virus è ancora presente” Coronavirus, 92 le vittime registrate in un giorno e solo 300 nuovi positivi Flash mob dei piccoli imprenditori e Amministrazione in piazza Umberto per rilanciare il commercio ad Atripalda. Il sindaco: “attività di promozione del nostro territorio”. Foto Riparte il “Farmer Market” ad Atripalda: ieri mattina primo appuntamento dopo mesi di stop. L’assessore Musto: “mercatino in sicurezza”. Foto Coronavirus, sono due i contagiati in Irpinia: sono di Ariano. I contagiati salgono a 532 Coronavirus, forte calo delle vittime registrate nelle 24 ore: 50 in tutto Giovani e Movida, l’appello del governatore De Luca: “Bisogna abituarsi all’idea che nulla tornerà come prima” Stamattina torna il “Farmer Market” e nel pomeriggio flash mob di commercianti e amministrazione in piazza Umberto per rilanciare il settore ad Atripalda

Festeggiamenti Sant’Antonio, il professor La Sala risponde al signor Umberto sulla disputa tra “di” o “da” Padova

Pubblicato in data: 17/6/2013 alle ore:19:02 • Categoria: Attualità

festa-santantonio-2013-13Gentile signor Umberto,

La ringrazio degli attestati di … ‘competenza’, e lusingato mi accingo a dirLe la mia, per quanto sia convinto che nella grammatica italiana (come nella vita del resto) nessuno può farsi masto…

La questione che pone, apparentemente semplice nel contenuto e nella soluzione, può essere oggetto di valutazioni non sempre univoche. Vediamo.

Intanto partiamo dalla natura dei complementi da Padova è inequivocabilmente un complemento di origine o provenienza, mentre di Padova è senz’altro un complemento di specificazione (il santo che si venera nella città di Padova, con una esclusiva relazione di origine). Avrebbe ragione Lei, quindi. Sant’Antonio avrebbe potuto dirsi di Padova, se a Padova fosse nato (ma sappiamo che non è così perché nacque a Lisbona) e, pertanto sarebbe più ‘corretto’ dire da Padova, perché da quella Città -nei pressi della quale si spense nel 1231- si irradiò la sua santità. Ma se si volesse sottolineare il luogo principale del culto, anche di Padova… sarebbe corretto.

Detto questo, però… la questione non risulta per niente risolta da esempi analoghi e tra gli altri proprio da quelli da Lei citati. Infatti: s Francesco d’Assisi con l’apostrofo, sarebbe con l’apostrofo sia se fosse di Assisi, sia se fosse da Assisi (e in ogni caso, per san Francesco, origine, provenienza e principale luogo di culto coincidono…); san Nicola, invece, che Lei dice da Bari è comunemente indicato, anche nei testi specialistici, come san Nicola e basta (al più di Bari, ma nel senso che si venera nella città di Bari, perché in quella città non era nato né aveva mai vissuto, ma dal 1087, per una accettata tradizione, a Bari erano state traslate – trafugate probabilmente da Mira di cui era vescovo- le sue reliquie). Cfr. Alban Butler, I Santi secondo il calendario (novembre e dicembre), Milano 2006, vol. XX, pp. 419-424.

Come concludere allora? Intanto con la presa d’atto che molto può -anche sulla grammatica- l’uso: e tuttavia, per quanto sia più corrente la locuzione da Padova, non vedrei, onestamente, nessun motivo per correggere l’estensore del manifesto.

Spero di non averLe lasciato più dubbi di prima e soprattutto di non averLa annoiata. La ringrazio, in ogni caso, della Sua attenzione.

Raffaele La Sala

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
“Luigi Sessa e l’avventura americana”, nota di Lello La Sala

In questi giorni è tornato nella sua città natale Luigi Sessa. Dopo 15 anni si riaffaccia sulle rive del Sabato Read more

“Atripalda, il risanamento farlocco”, nota di Lello La Sala

E così, come era prevedibile e Piazza Grande aveva dimostrato con una accurata analisi degli atti, il bilancio di previsione Read more

“Il martedì degli incendi e il mercoledì delle ceneri…”, nota di Lello La Sala

I social hanno svolto nella giornata di ieri una attività informativa veramente encomiabile e a Lia Gialanella va il merito di essersi Read more

“Piazzetta degli Artisti…oltre la siepe”, nota di Lello La Sala

No, la sedicente necessaria potatura di un siepe (che schermava e faceva da quinta scenica, oltre a definire spazi ed Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a “Festeggiamenti Sant’Antonio, il professor La Sala risponde al signor Umberto sulla disputa tra “di” o “da” Padova”

  1. INDIGNATO ha detto:

    Patetico!! Non c’è altro termine per descrivere questo “articolo” del fantomatico Prof. La Sala….pensa alle cose serie!!

  2. Zaccarelli ha detto:

    Professò sei stato di altissimo livello.
    Serie A

  3. Emilio ha detto:

    Caro Lello sei stato tanto eloquente , non poteva essere diversamente, e credo tutti hanno apprezzato la lezione.
    Perché non usi la stessa chiarezza quando parli di politica?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *