alpadesa
  
Flash news:   Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Incidente lungo l’Ofantina, auto sbanda e si ribalta Scuola a rischio, nota del sindaco e del delegato ai lavori pubblici: «La doverosa iniziativa della Procura non ci sorprende né ci preoccupa ma stimolo sull’impegno intrapreso» Scuole a rischio, avvisi di garanzia a sindaco e tecnici comunali Vincenzo Aquino chiama le Misericordie irpine ad una svolta storica Atripalda Volley, domani presentazione ufficiale nella Sala Consiliare di Atripalda “Ripianti-Amo”, cinque nuovi alberelli in Piazzetta degli Artisti al posto di quello rubato. Foto

Teatro Gesualdo, al via la campagna abbonamenti: da domani le prelazioni e una sorpresa

Pubblicato in data: 17/6/2013 alle ore:09:46 • Categoria: CulturaStampa Articolo

teatro-gesualdoDue rassegne di grande qualità. 13 imperdibili spettacoli. Lo stesso prezzo della passata stagione. E ancora, riduzioni per le tante associazioni che operano sul territorio, per i giovani Under 30 e gli Over 65. Ecco la formula scelta dal Teatro “Carlo Gesualdo” per il suo affezionato pubblico.

Parte la campagna abbonamenti per la nuova stagione del Teatro “Carlo Gesualdo” di Avellino. Da martedì 18 giugno e fino a sabato 6 luglio i vecchi abbonati potranno far valere il loro diritto di prelazione e confermare la propria poltrona con l’abbonamento per la stagione 2013-2014.

La dodicesima stagione teatrale del “Carlo Gesualdo”, presieduta dal Maestro Carmine Santaniello coadiuvato da Salvatore Gebbia, componente del consiglio di amministrazione e da Dario Bavaro direttore del Teatro comunale irpino, organizzata grazie alla collaborazione del Teatro Pubblico Campano diretto da Alfredo Balsamo, verrà inaugurata, sabato 2 e domenica 3 novembre 2013, dalla Messa da Requiem di Giuseppe Verdi eseguita dall’Orchestra e dal Coro del Teatro di San Carlo di Napoli. Appuntamento che sancisce il matrimonio tra il grane teatro napoletano e il “Gesualdo” di Avellino.

La rassegna di “Grande Teatro”, intanto, si arricchisce di un nuovo tassello. Entra in cartellone, infatti, l’attesissimo Cinecittà, lo spettacolo teatrale di Christian De Sica per la regia di Giampiero Scolari che si presenterà ad Avellino venerdì 7 febbraio con la prima di tre serate dedicate al meraviglioso mondo della celluloide.

I prezzi dei singoli biglietti per assistere ai 10 spettacoli della rassegna di “Grande Teatro” saranno di 35 euro per la Platea e di 28 per la Galleria, con eccezione dell’evento inaugurale della Messa da Requiem di Giuseppe Verdi, targata Teatro di San Carlo di Napoli e Cinecittà di Christian De Sica. Per questi due spettacoli la Platea costerà 40 euro, mentre la Galleria 30 euro.

Grande convenienza, invece, per chi sottoscriverà l’abbonamento per l’intera Stagione di “Grande Teatro”. I prezzi degli abbonamenti, infatti, sono rimasti invariati rispetto alla passata stagione e il risparmio rispetto al costo dei singoli biglietti è di ben 90 euro. Anche quest’anno per assistere comodamente dalla poltrona di Platea all’intera rassegna di “Grande Teatro” basteranno 270 euro. Inalterato anche il costo dell’abbonamento in Galleria che rimarrà ancorato a 210 euro.

Anche quest’anno il Teatro “Carlo Gesualdo” di Avellino ha previsto sconti e promozioni per il suo variegato pubblico. Le associazioni operanti sul territorio avellinese, gli over 65 e i Cral potranno abbonarsi all’intera stagione 2013-2014 di “Grande Teatro” con 250 euro per la Platea e 190 euro per la Galleria.

Un ulteriore occhio di riguardo per i giovani della provincia di Avellino. Il Teatro “Gesualdo”, infatti, anche quest’anno ha previsto delle riduzioni per i ragazzi che non hanno ancora compiuto 30 anni. Per loro, abbonarsi alla rassegna “Grande Teatro” costerà in Platea 190 euro e in Galleria 150 euro.

Per chi, invece, volesse sottoscrivere un nuovo abbonamento, la campagna per i nuovi tesserati al “Gesualdo” incomincerà mercoledì 10 luglio e terminerà domenica 3 novembre in occasione della replica della Messa da Requiem di Giuseppe Verdi.

La biglietteria di piazza Castello rimarrà aperta dal martedì al sabato dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20. La domenica, invece, dalle 16 alle 18.30.
Per maggiori informazioni, telefonare al numero 0825.771620

IL TEATRO CIVILE

Anche quest’anno Il Teatro “Carlo Gesualdo” di Avellino propone al suo pubblico tre appuntamenti con il teatro impegnato. Partirà a gennaio la Quinta stagione di “Teatro Civile”, rassegna organizzata in collaborazione con il Teatro Pubblico Campano.

Si parte mercoledì 22 gennaio con “Il Nipote di Rameau”, il capolavoro satirico di Denis Diderot, riadattato, diretto e interpretato da Silvio Orlando con Amerigo Fontani e Maria Laura Rondanini. Uno spettacolo teatrale di grande successo che regalerà al pubblico del “Gesualdo” motivi di aspro divertimento.

Martedì 18 febbraio, invece, Avellino accoglierà a braccia aperte Sergio Rubini che racconterà la storia e la poesia di Matteo Salvatore. Accompagnato dalle musiche del cantastorie pugliese, eseguite dal vivo sul palcoscenico del “Carlo Gesualdo” di Avellino, Rubini accompagnerà in un viaggio intenso il pubblico alla scoperta delle parole di Salvatore, poeta degli “ultimi” nel suo “Di fame, di denaro, di passioni”.

La quinta edizione di “Teatro Civile” si chiuderà ricordando con un doveroso e toccante omaggio al giudice Paolo Borsellino, ucciso dalla Mafia quasi 22 anni fa. Ruggero Cappuccio porterà sul palco del “Gesualdo” il suo “Paolo Borsellino, essendo stato”, opera teatrale scritta e diretta dal drammaturgo campano che ricorderà il magistrato palermitano attraverso le parole pronunciate da lui stesso e mai ascoltate dagli italini.

«Arrivare al quinto anno di Teatro Civile è motivo di vanto per tutti noi – spiega il presidente Carmine Santaniello – La rassegna di teatro civile del “Gesualdo” anche quest’anno porterà ad Avellino spettacoli di qualità e personaggi di grande livello, come è oramai da tradizione. Adesso ci auspichiamo soltanto che l’entusiasmo e l’affetto del pubblico siano il valore aggiunto a questo cartellone anche per quest’anno e che ci permettano di vincere questa nuova sfida culturale per la città».

«Confermiamo il nostro percorso di crescita e miglioriamo ulteriormente le proposte artistiche, proponendo anche quest’anno una rassegna di Teatro Civile di grande qualità, intensità ed attualità che va a completare l’offerta culturale del Teatro “Gesualdo” con il meglio delle produzioni artistiche presenti nel panorama teatrale italiano – sottolinea il consigliere del teatro Gesualdo Salvatore Gebbia – Segno tangibile della volontà da parte nostra di affermare sempre più il “Gesualdo” ai vertici della cultura provinciale e regionale».

Anche per la rassegna di “Teatro Civile” il diritto di prelazione per i vecchi abbonati scatterà martedì 18 giugno e terminerà sabato 6 luglio. In questo periodi chi vorrà confermare il proprio abbonamento al “Teatro Civile” potrà farlo con 45 euro per un posto unico a tutti e tre gli spettacoli. Chi, invece, acquisterà contestualmente all’abbonamento di “Grande Teatro” potrà assicurarsi un posto per il “Teatro Civile” a soli 35 euro. Il costo, invece, dei singoli biglietti a posto unico sarà di 22 euro.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *