alpadesa
  
Flash news:   Us Avellino, esonerato mister Ezio Capuano Furti ad Atripalda, lettera aperta al comandante generale dei Carabinieri della Campania: “perché avete deciso di depotenziare la Caserma Eugenio Losco?” “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi Ripartono dopo mesi i lavori di rinaturalizzazione del fiume Sabato. Foto Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Inaugurata ad Atripalda la sede dell’Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia Rubano nella notte le gomme e lasciano due auto sui mattoni in piazza Cassese: i residenti chiedono la videosorveglianza. Foto Irpiniambiente, riparato il guasto allo Stir: da stasera riprende la raccolta dell’indifferenziato Regionali Campania, presentati i candidati di Europa Verde: per l’Irpinia c’è l’ex vicesindaco Luigi Tuccia Cadono calcinacci ad Alvanite, i giovani del quartiere si recano in Comune dal sindaco: “giornata molto intensa e costruttiva ma siamo stanchi di 40 anni di chiacchiere”

Cfs, bilancio positivo per la work experience dei 3 studenti di Valencia: pronti a replicare l’esperienza in futuro

Pubblicato in data: 19/6/2013 alle ore:08:48 • Categoria: Attualità

scuola-edile-cfsSi conclude positivamente la work experience internazionale vissuta in Irpinia da Marin Veselinov Marinov, Mario Agustìn Estrella Rodrìguez e Giorgio Stefano Cuccolini. I tre studenti spagnoli ospitati, dal Centro per la Formazione e la Sicurezza in Edilizia della provincia di Avellino, in un percorso di studio-lavoro sul tema energetico. La D’Agostino Angelo Antonio di Montefalcione e l’AV Project di Manocalzati: le due aziende che hanno accolto, per oltre due mesi, gli allievi valenciani, impegnati sul campo del risparmio energetico dei fabbricati (fronte che ha interessato due discenti) e delle energie alternative per il terzo studente. Oggi (martedì 18 giugno), nella sede dell’Ente paritetico, l’incontro sull’Erasmus appena concluso. “Siamo venuti in Irpinia – affermano gli studenti – con il desiderio di apprendere quanto più possibile. Ed abbiamo imparato moltissimo sul fronte lavorativo e formativo. Senza dubbio è stata un’esperienza unica ed esaltante”.  “I ragazzi – racconta Paola Di Natale presente alla cerimonia, insieme a Tiziana Ruta, in rappresentanza dell’AV Project – erano preparatissimi dal punto di vista strutturale. Hanno mostrato una voglia di conoscenza davvero meritoria, ricevendo il plauso del nostro staff tecnico. Per la valenza di questa iniziativa, siamo aperti a ripetere esperienze formative simili”. Possibilità che non esclude nemmeno Michele Di Giacomo, presidente del Cfs. “E’ stato un confronto internazionale- dice – davvero significativo anche sul fronte culturale e linguistico. In ottica professionale, abbiamo preferito declinare l’attività più sul campo lavorativo che su quello didattico. Così da dar loro un contributo esperienziale maggiormente pratico. Ed il risultato è stato soddisfacente. Questo ci motiva a pensare nel replicare in futuro interventi del genere”.  “Auguro ai ragazzi – aggiunge Carmine Piemonte, vicepresidente dell’Ente paritetico irpino – che, al rientro in Spagna, possano mettere quanto prima in pratica le competenze apprese per un virtuoso ingresso nel mercato del lavoro”. “In questa provincia vessata dalla crisi – evidenzia Antonio Famiglietti, segretario Cgil e componente del Cda del Cfs in qualità di membro della Fillea-Cgil – ragionare di queste esperienze è estremamente rilevante perché dà l’idea di un settore, quello edile, che pensa oltre al momento di difficoltà”.

“L’Erasmus appena concluso – termina Mennato Magnolia, segretario provinciale della Filca Cisl – qualifica sempre più l’operato e le azioni dell’Ente bilaterale irpino impegnato sul territorio, da oltre trenta anni, nella formazione professionale in edilizia e sul fronte della sicurezza sui luoghi di lavoro. Auguro anch’io ai tre allievi un buon futuro lavorativo”.
Il progetto di respiro internazionale nasce dal Formedil (Ente nazionale per la formazione e l’addestramento professionale nell’edilizia) contattato, per l’attivazione della collaborazione, dall’omologa Istituzione spagnola. E si sviluppa secondo gli obiettivi di Reforme: l’organizzazione che riunisce i principali enti bilaterali di formazione in edilizia dei nove Paesi europei attualmente aderenti (Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Germania, Belgio, Finlandia, Svezia e Svizzera).

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Cfs, formazione e sicurezza per azzerare le morti bianche: da Atripalda al via il progetto Fise

Sicurezza sui luoghi di lavoro attraverso un piano formativo volto ad azzerare le morti bianche. Per la seconda volta il Read more

Cfs, terminato l’Erasmus per gli studenti di Valencia. Di Giacomo: “Migliorato lo skill professionale dei ragazzi, presto esperienze simili”

Si conclude l'Erasmus internazionale per migliorare la specializzazione professionale dei lavoratori edili. Domani (martedì 18 giugno) alle ore 12.30, al Read more

Cfs, la Cisl IrpiniaSannio presenta questa mattina il dossier occupazione

Questa mattina alle ore 11.30 presso la sede del CFS di Avellino, in Via San Lorenzo, n° 1 - 83042 Read more

Cfs, sempre più Pmi irpine investono in prevenzione: 113 corsi, 1500 lavoratori formati, 600 imprese coinvolte

La sicurezza sul lavoro e la formazione professionale non vanno ‘in ferie' quando c'è crisi. In una fase di recessione Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Cfs, bilancio positivo per la work experience dei 3 studenti di Valencia: pronti a replicare l’esperienza in futuro”

  1. Lucia ha detto:

    Questa cosa ci fa aumentare il rammarico per non avere l’università ad avellino. Quante opportunità abbiamo perso per averla fatta a Benevento e non da noi? Quanti soldi? Quante esperienze? Quanti giovani?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *