alpadesa
  
Flash news:   Festeggiamenti Maria Santissima del Carmelo, il messaggio di Don Ranieri alla Città: “c’è bisogno di rinnovamento di stili di vita, abitudini di vita sociale, religiosa e spirituale” Diciott’anni Gian Marco Del Mauro, auguri L’associazione ACIPeA alla ribalta degli appuntamenti estivi Festeggiamenti Maria Santissima del Carmelo, domani messe in piazza Umberto I ad Atripalda con il vescovo Aiello Lavori a singhiozzo nel fiume Sabato, la protesta dell’ex sindaco Andrea De Vinco: «vanno finiti al più presto perché il corso d’acqua rappresenta l’immagine e la storia della città» Furti ad Atripalda, l’ex consigliere Luigi Caputo (Prc) attacca: “Ladri di biciclette e ladri di futuro. Amministrazione assente, evanescente e impalpabile” Us Avellino, Salvatore di Somma e Piero Braglia alla guida del nuovo progetto tecnico Cadono calcinacci ad Alvanite, le accuse dell’ex assessore Ulderico Pacia: “non è stato fatto nulla per il quartiere, i lavori per la sostituzione e riparazione delle grondaie furono appaltati nel 2017 e mai partiti” Dopo i furti alle auto e alle abitazioni arrivano i ladri delle biciclette ad Atripalda Prevenzione, ricordo e promozione territoriale: al Laceno il “Drive in Rosa 2020“

Crisi superata al Comune, l’Udc fa un passo indietro e rientra in giunta

Pubblicato in data: 20/6/2013 alle ore:16:52 • Categoria: Comune, Politica

sala-giuntaLa crisi a Palazzo di città tra l’Udc ed il sindaco Paolo Spagnuolo è rientrata.
L’Udc nell’interpartitico di ieri sera fa un passo indietro e scongiura la caduta dell’Amministrazione Spagnuolo ritirando le dimissioni prodotte due settimane fa.
Una scelta maturata anche dopo i diversi incontri  con gli alleati del Pd e Fli, dai quali ci si aspettava di trovare un terreno comune d’intesa per tentare di spingere il sindaco ad una maggiore collegialità nelle scelte da compiere.
E così i due assessori e i tre consiglieri Udc (Antonio Iannaccone, Geppino Spagnuolo, Dimitri Musto, Mimmo Landi e Lello Barbarisi) riprendono pieno possesso da ieri sera delle rispettive deleghe.
In cambio hanno ottenuto più collegialità nelle decisioni con riunioni quindicinali tra i partiti che sorreggono la maggioranza.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Il sondaggio/Strappo al Comune, per i lettori di AtripaldaNews ha ragione il sindaco

Strappo sindaco-gruppo Udc, i lettori di AtripaldaNews condividono le scelte operate dal primo cittadino. E' quanto emerge dalle risposte date al sondaggio Read more

Crisi superata al Comune, il capogruppo Udc Landi spiega: “ritrovata collegialità tra le forze politiche”

La crisi a Palazzo di città tra lo scudocrociato ed il sindaco Paolo Spagnuolo è rientrata l'altra sera. Nell'interpartitico di Read more

Strappo Udc al Comune, nota del capogruppo consiliare Raffaele La Sala (Piazza Grande)

Scenari... Se le dimissioni non sono (come si dice) una fiction (insomma una farsa, una zeza, o al più un Read more

Strappo Udc, sulla possibile sfiducia al sindaco il Psi chiarisce

"Per quel che concerne il Psi allo stato attuale non ci sono le condizioni per immaginare un rapporto con il Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

19 risposte a “Crisi superata al Comune, l’Udc fa un passo indietro e rientra in giunta”

  1. diogene ha detto:

    sono solo ridicoli, è la seconda volta che ritirano le dimissioni ,l’udc in questa terra esiste solo per raggiungere obiettivi personali: si dovrebbero vergognare

  2. INDIGNATO ha detto:

    Dopo aver perso le elezioni comunali di Avellino hanno ritirato le dimissioni. Estremamente ridicoli loro ma anche il Sindaco che avrebbe dovuto sbatterli fuori

  3. atripaldese ha detto:

    Ma che peccato ammò fatto, pè ci merità stè tarantelle!!! Il fondo l’abbiamo toccato?? Oppure ci state preparando un’altro pò di “tuossico”??

  4. PIERPAOLA ha detto:

    che tarantelle, ma non vi vergognate minimamente delle barzellette che fate???, pero’ in un modo riesco anche a capirvi avete riflettuto bene e avete pensato se diamo le dimissioni quando faremo piu’ gli amministratori ad atripalda? “mai piu'” perchè nessuno vi votera’ piu’ in consiglio quando darete le prossime dimissioni. SIETE SOLO DEI RICATTATORI E SMANIOSI DI PROTAGONISMO MA IN REALTA’ “SITI POCA COSA”

  5. nati' ha detto:

    i pagliacci sono più seri,mi vergogno di vivere in questo paese fatto di persone incoerenti

  6. sebin ha detto:

    abbiate rispetto per coloro che hanno creduto in voi il coraggio di andare fino in fondo debbo pensare che la poltrona vi fa comodo guardate prima allo specchio evviva demita

  7. sebin ha detto:

    siede ridicoli

  8. canzonette ha detto:

    Nessuna notizia. Lo avevo scritto dieci giorni fa. Il sindaco li tiene per le p…… Un partito all’1.5% non può permettersi di perdere anche quel po’ di visibilità che gli resta. Perciò fate i seri, come quelli del pd, che fanno i loro affari senza agitarsi.

  9. sebin ha detto:

    debbo solo pensare spartizioni di poltrone. vergogna. a capaldo un vero sindaco

  10. Zaccarelli ha detto:

    Li abbiamo votati a furor di popolo, senza intuire l’incapacità ad occuparsi decentemente della città. Adesso è inutile lamentarsi, il bravo cittadino, quello intelligente, prende atto del disastro e non concede più la fiducia a questa gente. Siamo certi di poterlo fare?
    Non credo, del resto è una vita che votiamo incapaci al governo

  11. Osservatore ha detto:

    E’ evidente che l’accordo non si regge sulla promessa di riunioni quindicinali tra i partiti di maggioranza. Dopo la sconfitta alle comunali di Avellino l’UDC e i suo capogregge nuscano ha deciso di pascolare ad Atripalda e allora vi è da chiedersi: quale è l’accordo vero? Lo si vedrà subito con la vicenda (non conclusa) del CdA dei Piani di Zona Sociali, e sul PUC. Quello che viene spontaneo chiedersi è come fa un partito quale è il PD ad accodarsi e accettare queste meschine posizioni spartitorie per poi puntualmente denunciarle nelle campagne elettorali? L’unica spiegazione è di considerare una banda di fessi i propri elettori. Ma come suole dirsi: ó frie sienti addóre. Auguri.

  12. luca ha detto:

    Questi politici di Atripalda, sono tanti pulcinella.

  13. Manlio ha detto:

    IL TERMINE GIUSTO PER DEFINIRE QUELLI DELL’ UDC E’………………..PAGLIACCI……………..SPERO CHE GLI ATRIPALDESI SE NE RICORDINO ALLE PROSSIME ELEZIONI

  14. Un amico ha detto:

    meno male che c’è l’Udc

  15. lino carraro ha detto:

    Speriamo che al prossimo passo indietro, troveranno un burrone.

  16. nati' ha detto:

    se vi è rimasta un pò di dignità,ritiratevi tutti

  17. sebin ha detto:

    e’ stata una tragedia greca ci mancherebbe che questi assessori passassero con il pd. amen e sempre viva de mita

  18. sebin ha detto:

    vi aspettiamo alle prossime votazioni e ribadisco passate con pd vergogna vergogna

  19. alle prossime votazione ha detto:

    speriamo che questa volta il sindacato di atripalda fa una scelta buona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *