alpadesa
  
Flash news:   Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Incidente lungo l’Ofantina, auto sbanda e si ribalta Scuola a rischio, nota del sindaco e del delegato ai lavori pubblici: «La doverosa iniziativa della Procura non ci sorprende né ci preoccupa ma stimolo sull’impegno intrapreso» Scuole a rischio, avvisi di garanzia a sindaco e tecnici comunali Vincenzo Aquino chiama le Misericordie irpine ad una svolta storica Atripalda Volley, domani presentazione ufficiale nella Sala Consiliare di Atripalda “Ripianti-Amo”, cinque nuovi alberelli in Piazzetta degli Artisti al posto di quello rubato. Foto

Crisi superata al Comune, Sel Atripalda lancia appello al Pd: “Abbandoni la Maggioranza nel rispetto dei cittadini che lo hanno votato”

Pubblicato in data: 26/6/2013 alle ore:16:53 • Categoria: Politica, Sinistra Ecologia e LibertàStampa Articolo

logo-selAbbiamo assistito alla messa in scena dell’ennesimo scontro dai toni violenti in un solo anno di vita dell’amministrazione. Lo scontro si è concluso naturalmente senza vincitori né vinti e nessuno, proprio nessuno, si aspettava un esito differente. Tutti hanno infatti ormai capito che i componenti della maggioranza sono costretti a convivere pur volendo fare volentieri a meno l’uno dell’altro, perché la fine del nemico-alleato comporterebbe anche la fine delle proprie ambizioni o del proprio personale disegno di potere! E allora, pur di conseguire i propri disegni che con la buona amministrazione di Atripalda e l’interesse dei cittadini nulla hanno a che vedere, meglio continuare a convivere guardandosi in cagnesco e tirandosi ogni tanto uno sgambetto a scopo intimidatorio. In questo panorama la balla della promessa di maggiore collegialità per chiudere la crisi è anche offensiva per l’intelligenza dei cittadini.
Non possiamo infine, per un fatto di coscienza, che fare l’ennesimo appello al PD (anche se sappiamo che cadrà nel vuoto): abbandoni questa brutta esperienza se vuole dimostrare di avere a cuore la politica pulita e trasparente che esigono i tanti cittadini che ancora lo votano!


SEL di Atripalda

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (7 votes, average: 4,43 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

4 risposte a “Crisi superata al Comune, Sel Atripalda lancia appello al Pd: “Abbandoni la Maggioranza nel rispetto dei cittadini che lo hanno votato””

  1. lello ha detto:

    VOI RISPETTO A QUESTA AMMINISTRAZIONE NON AVETE DIRITTO ALLA PAROLA,SE TENEVATE TUTTE QUESTA BELLE INTENZIONI LE DOVEVATE SOTTOPORRE AL GIUDIZIO DEGLI ELETTORI,E DOVEVATE AVERE IL CORAGGIO DI ESSERE GIUDICATI OGGI E TROPPO TARDI,I VOSTRI APPELLI NON SERVONO A NIENTE DOVETE SOLO STARE ZITTI E VERGOGNARVI PERCHE’ SE LE COSE NON VANNO E ANCHE PER COLPA VOSTRA.

  2. nino ha detto:

    prof.scusami sara sicuramente colpa mia ma no è chè ci ho capito molto.

  3. Manlio ha detto:

    ricordiamo ancora le macchiette che avete fatto quando sostenevate l’ultima giunta Laurenzano. Tacete che fate più bella figura.

  4. leo sayer ha detto:

    ridicoli… quattro siete. e non siete stati in grado neppure di fare una lista. vergognatevi e lasciateli lavorare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *