alpadesa
  
domenica 09 agosto 2020
Flash news:   Nuovo caso di Coronavirus ad Atripalda, il sindaco: “la donna straniera sottoposta ad isolamento” Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda: in isolamento persona rientrata dall’estero Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi) “Cinema al Parco”, mercoledì al via la terza edizione estiva a Parco delle Acacie Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Piazza Umberto I, gruppo di bambini aggrediti: 12enne finisce in ospedale Al via la XXVIII edizione del Festival “I Luoghi della Musica”: stasera si parte dal Chiostro di S. Maria della Purità di Atripalda La Misericordia di Atripalda si aggiudica la gestione dell’edificio comunale dell’ex Volto Santo. Il presidente Aquino: “momento di crescita e di svolta per noi” Riparazioni alla centrale idrica di Cassano Irpino: 102 comuni senza acqua da domani

Piccoli comuni, la nota dell’onorevole Valentina Paris (Pd)

Pubblicato in data: 10/7/2013 alle ore:14:00 • Categoria: Partito Democratico, Politica

valentina-paris1“Il nostro Paese è amministrato, per oltre il 54% del suo territorio, da piccoli comuni, realtà sotto i 5.000 abitanti, dove vivono oltre 10 milioni di cittadini, pari al 17,3 % della popolazione stanziata nel territorio italiano. Da Roccaforte del Greco all’Irpinia, dal Nord Italia alle Isole, in un coro unanime si avverte la necessità di una riflessione seria, tesa a rilanciare la crescita dell’Italia. Per pensare a uno sviluppo del nostro Paese occorre puntare sulla difesa e sulla valorizzazione di questi territori che, accanto a debolezze strutturali, presentano evidenti punti di forza nello straordinario patrimonio di beni culturali e ambientali, di tradizioni e saperi che custodiscono”. E’ quanto affermano in una nota congiunta Antonino Castorina (Responsabile nazionale Legalità ed Enti locali Giovani Democratici) e Valentina Paris (deputata irpina del Partito Democratico).

“È quindi conseguenziale che il governo ragioni su misure che possano facilitare e incentivare percorsi di crescita e sviluppo per queste realtà, puntando su un nuovo protagonismo dei territori. La legge di stabilità estesa anche ai piccoli comuni ha nei fatti paralizzato tutta la spesa possibile anche a chi ha un saldo di bilancio in attivo.
A questo – prosegue la nota – si aggiunge il blocco dei residui passivi che non consentirà di pagare le imprese che hanno già svolto un lavoro, così come il blocco del personale impedirà di assumere, laddove vi fossero i fondi per farlo. I piccoli comuni hanno sempre e maggiormente bisogno di sentire lo Stato e la politica al fianco delle loro esigenze.
Ripartire dai territori vuole dire ragionare su innovazione e servizi per rafforzare il ruolo dei piccoli comuni a vantaggio del Paese; vuole dire investire sul paesaggio e sulla cultura che insiste in queste realtà: la cultura porta lavoro, crescita e diventa attrattiva. Significa riconoscere incentivi e sgravi contributivi e fiscali per le realtà commerciali presenti in questi borghi: la chiusura di un bar, di una pizzeria, di una farmacia in un piccolo comune può voler dire la morte del comune stesso. Comporta potenziare l’offerta abitativa evitando l’abbandono e l’isolamento di queste piccole cittadine. Implica pensare ad un piano turistico per le piccole realtà inteso con interventi di recupero e riqualificazione dei centri abitati e dei borghi e realizzare una rete di strutture ricettive per un turismo locale, caratteristico del territorio e di qualità. Ripartire dalle piccole realtà vuole dire anche pensare a premialità per i comuni virtuosi. Tutto ciò nella consapevolezza dell’importanza e del ruolo dei piccoli comuni e dei loro territori nel quadro dell’Unione Europea.
I piccoli comuni sono un elemento imprescindibile nella costruzione europea, perché contribuiscono ad avvicinare l’Europa ai cittadini e a costruire dal basso l’Europa dei popoli.
Rispetto a queste realtà dobbiamo pensare ad un’Europa che non guardi solo ai grandi centri ma anche ai piccoli borghi. L’Unione Europea offre importanti opportunità di finanziamento per gli enti locali, i quali non sempre riescono ad attingervi. Occorre supportare i piccoli comuni con servizi professionali mirati alla predisposizione di progetti europei, all’ottenimento di finanziamenti e alla successiva gestione. Viceversa si registrano dati scoraggianti sulla non spesa dei fondi europei da parte della Calabria, Sicilia e Campania, dove, a un anno dalla chiusura della programmazione, l’80% dei fondi arrivati da Bruxelles non sono stati spesi. Anche nel resto d’Europa il dato di spesa delle risorse europee si attesta sull’80%.
Dunque la proposta è quella di rendere i territori ancora più visibili, solidali e competitivi, valorizzando le identità locali, le culture e le tradizioni. Dietro questa nostra idea di Italia, c’è una scommessa sui nostri talenti, sulle nostre origini e c’è la voglia di mettere la faccia in questa sfida di civiltà”.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
L’onorevole Paris: “Pse sbocco naturale del Partito Democratico in Europa”

"L'adesione del Pd al Pse è lo sbocco naturale di un partito che sceglie di assumere finalmente un ruolo da Read more

Morte Manganelli, l’onorevole Paris: “Irpinia orfana di un uomo dall’alto senso dello Stato”

''La dolorosa e prematura scomparsa del prefetto Antonio Manganelli rappresenta una grave perdita per il corpo della Polizia e per Read more

Gestione Enti sovracomunali, l’onorevole Valentina Paris (Pd): “Servizi, tenere basse le tariffe”

"Mi sembra che tutto quanto finora si sia concentrato più sugli assetti di gestione degli enti sovracomunali che non sui Read more

Valentina Paris interroga in ministro Alfano sul ruolo dei segretari comunali

"I segretari comunali svolgono un ruolo molto importante negli enti locali. La loro figura va modernizzata, non penalizzata" così Valentina Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a “Piccoli comuni, la nota dell’onorevole Valentina Paris (Pd)”

  1. zenga ha detto:

    Signora Paris nei piccoli comuni in passato sono stati buttati soldi e soldi, per opere pubbliche che adesso sono abbandonate e fatiscenti grazie agli amministratori faciloni di questi piccoli comuni

  2. bla bla bla ha detto:

    Consequenziale, metterci la faccia, ripartire. Un lessico limitato e una noia mortale

  3. 'o scuorno ha detto:

    onorevole a 14.000 euro al mese ci dica:
    ma l’isochimica?
    ma i lavoratori FMA?
    ma i lavoratori IRISbus?
    ma il punto lavoro di Atripalda?
    ma la pineta sessa?
    ma……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *