Flash news:   Coronavirus, torna il contagio ad Atripalda: un residente positivo Ripulita la fontana in piazza Umberto e rimesso in funzione l’impianto di irrigazione. Foto Taglio del nastro ieri sera del “Parco Elio Parziale”, il dottor Sabino Aquino: «uno spazio di aggregazione, oasi di divertimento e interazione». L’impegno del vicesindaco Anna Nazzaro:«Auspico entro l’anno di intitolare l’Istituto comprensivo a lui». Foto Il prefetto e la dirigente regionale della Protezione civile premiano i volontari. Spena: «in una comunità bisogna essere coesi e guardare ai più fragili». Foto Dolore e commozione nella chiesa madre di Atripalda ai funerali di Gennaro Marena. Foto Addio a Gennaro Marena, lettera del comitato festa San Sabino: “la città di Atripalda perde un pezzo della sua storia” Sabato i biancoverdi partiranno per il ritiro di Roccaraso «Parco Elio Parziale», stasera l’inaugurazione dell’area a verde dedicata al compianto direttore: sarà aperto alle associazioni. FOTO Coronavirus, il prefetto Spena ad Atripalda per la consegna di civiche benemerenze ai volontari impegnati nella pandemia Istituto Comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda, dal primo settembre la nuova dirigente scolastica è Antonella Ambrosone

Auto contro albero nella notte in contrada Alvanite: giovane tra le lamiere salvato dai Caschi Rossi. Conducente ubriaco aggredisce i carabinieri, denunciato

Pubblicato in data: 20/7/2013 alle ore:11:34 • Categoria: Cronaca

vigili del fuoco alvaniteAuto contro albero questa notte in contrada Alvanite: coinvolti tre giovani, uno trasportato in ospedale dopo intervento dei Caschi Rossi.
I Vigili del Fuoco del Comando di Avellino, alle ore 1.45 di questa notte 20 luglio, sono dovuti intervenire sulla strada che viene da Cesinali e conduce a contrada Alvanite per un incidente stradale che ha visto coinvolta un’autovettura,una Fiat Panda con tre ragazzi a bordo, che ha sbandato ed è uscita fuori strada, terminando la sua corsa contro un albero. La squadra all’arrivo sul posto ha trovato tre dei quattro occupanti già fuori dall’abitacolo mentre il quarto ragazzo che occupava il posto posteriore incastrato tra le lamiere.
I Caschi Rossi hanno così liberato il giovane consegnandolo ai sanitari del 118, fatti intervenire immediatamente, e che ne hanno disposto il ricovero presso l’Ospedale Moscati di Avellino per le cure del caso.
Gli altri tre occupanti non hanno riportato grosse conseguenze. Il conducente dell’auto, un 20enne di Chiusano San Domenico, dopo essersi rifiutato di sottoporsi all’alcoltest, è stato denunciato a piede libero dai Carabinieri per guida in stato di ebbrezza, resistenza, minaccia e violenza a pubblico ufficiale. Il giovane infatti alla vista dei carabinieri è andato in escandescenza, aggredendo verbalmente e fisicamente i due carabinieri intervenuti, scaraventandoli a terra. Anche i due carabinieri aggrediti hanno dovuto far ricorso alle cure mediche dell’Ospedale Moscati di Avellino, riportando ferite guaribili in cinque giorni.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 risposte a “Auto contro albero nella notte in contrada Alvanite: giovane tra le lamiere salvato dai Caschi Rossi. Conducente ubriaco aggredisce i carabinieri, denunciato”

  1. VIA APPIA DUE ha detto:

    Letta cosi la notizia fà effetto si può dire notte da far west, ma analizzando i punti cosi come e la notizia e scritta va evidenziato delle riflessioni, prima di tutte la completezza delle tematiche, l’evoluzione degli ultimi anni e stata radicale il cambiamento e le condizioni organizzative a fatto si che squisitamente le macchine operative : 118 ,vigili del fuoco, vigili urbani , CC, Polizia, lavorino in team in modo positivo valorizzando cosi tutte le risorse disponibili e a garantire l’affidabilità della prestazioni erogate.
    In quest’epoca nella quale la tecnologia e il futuro fanno prefigurare le risorse automatizzate .
    Riportare l’attenzione ai gesti semplici cosi importanti per il cittadino che ha bisogno.
    Per semplificare esistono dei protocolli in Emergenza (in questo caso traumatica ) che vanno attuati in team ( 115-118-113-112-vigili urbani ecc) spetta il compito al 118 ( con medico a bordo e non il giubotto con scritta Medico ) valutare le reali capacità e potenzialità operative dell’utente, utilizzare protocolli DLS accertare l’avvenuto intervento ei risultati ottenuti vanno valutati dai soccorritori (MEDICO 118) che ne verificano lo stato .
    In questo caso Protocollo dispaccio ALS per emergenze traumatiche (obiettivo-motivazione-criteri di attendibilità -materiale necessario).
    Processo chè è quello fondamentale valutare i criteri dinamici: Proiezione del veicolo, incarceramento nel veicolo ecc…. e criteri clinici feriti ecc…e logistici, l’estrazione quindi dal veicolo e la valutazione dei parametri vitali e alterazione di stato spetta al 118 la Priorità e Osspedalizzazione mirata line guide per l’individuazione dei traumi (traumi non sono solo quelli che si vedono sanguinanti e doloranti ma interni con soglia di dolore alta quindi non sentono dolore e in apparenza vigili vedi traumi da cavallo) da inviare al trauma center.
    “””Gli altri tre”””” anche se non sono sanguinanti per prassi devono stare sotto controllo in un centro traumatizzati per almeno 24H già il sintomo di agitazione escandescenza tutti i test che vogliono i CC e quelli di prassi per trauma interno vanno valutati in OOspedale in quanto aumentare l’adrenalina e valori vitali in presenza di traumi interni (rotture varie -emorragie,) si perde del tempo prezioso la “VITA” non torna indietro, per le denunce -punti patente ecc il tempo c’è ora e tutto “””AUTOMATIZZATO””” che in contemporanea si informano tutti gli organi di stato province prefettura ecc……le cosidette Procedure.
    Vanno avvisati i parenti con garbo, che forniscono altre informazioni parlano dei loro figli chi sono cosa fanno eccc,….cosi l ‘ informazione diventa “familiare” come fosse un loro parente in PS.
    Si sa che l’auto per i giovani e un mezzo di vitale importanza se no non se IN.

  2. Nappo Carmela ha detto:

    Spero che tolgono la patente a vita a chi guida e si ubriaca e devono matttere in galera chi usa le mani a vita per me ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *