alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, i positivi in Campania salgono a 3.442 Coronavirus, sono 21 i casi positivi di oggi in provincia. Sale a 394 il numero di contagiati Coronavirus, i medici del Moscati in videoconferenza con un ospedale di Wuhan per confronto sui protocolli di cura Coronavirus, negozi e supermercati chiusi a Pasqua e Pasquetta in Campania Coronavirus, i morti salgano a oltre 18mila in Italia dall’inizio della pandemia: oggi altri 610 deceduti Coronavirus, Carabinieri donano uova pasquali ai bambini ricoverati al Moscati Coronavirus, Poste Italiane e l’Arma dei Carabinieri insieme per consegnare la pensione agli anziani a domicilio Coronavirus, i positivi in Campania sono 3.344 Fipav, conclusa l’attività sportiva per la stagione 2019-2020: nessun scudetto né promozioni e retrocessioni Coronavirus, trend costante in discesa in Irpinia: 1 solo caso oggi, a Teora. I contagiati sono 374

Eugenio Bennato torna a settembre in città per la Festa di San Sabino

Pubblicato in data: 28/7/2013 alle ore:11:42 • Categoria: CulturaStampa Articolo

eugenio-bennatoSarà il concerto di Eugenio Bennato a chiudere i festeggiamenti settembrini in onore del santo patrono, San Sabino Vescovo.
E’ quanto deciso dal Comitato festa nei giorni scorsi.
Il noto cantautore partenopeo sarà di scena in Piazza Umberto. Bennato torna così in città dopo il concerto del 2004 pronto ad infiammare nuovamente la platea atripaldese con la sua musica di canti e ballate popolari. Da “Taranta Power” a “Che il mediterraneo sia”, a “Sponda sud” e alle numerose tarantelle da lui riproposte in chiavi diverse.
Eugenio Bennato è uno dei fondatori della Nuova Compagnia di Canto Popolare (1969) e di Musicanova (1976) insieme a Carlo D’Angiò. È autore di diverse colonne sonore tra cui quella dello sceneggiato televisivo L’eredità della priora (1980), tratto dall’omonimo romanzo di Carlo Alianello, e La stanza dello scirocco, per la quale vinse nel 1999 il Nastro d’Argento per la miglior colonna sonora.
Ottiene due successi commerciali nel 1986 con il brano Sole sole (presente anche nella colonna sonora del film Rimini Rimini) e, soprattutto, nel 1989 con Le città di mare, cantata in coppia con il fratello Edoardo.
Nel 1990 partecipa al Festival di Sanremo assieme a Tony Esposito con Novecento aufwiedersehen. Successivamente torna alla sperimentazione e la ricerca nel campo della musica popolare del sud abbandonando per qualche anno le ribalte nazionalpopolari.
Nel 1998 fonda il movimento Taranta Power con l’intento di promuovere la Taranta attraverso musica, cinema e teatro. Nel 1999 esce l’album omonimo: Taranta power. Compie una tournée internazionale lo stesso anno (chiamata Taranta Power) nell’est Europa: Belgrado, Sarajevo, Ragusa (Croazia), Tallinn, Varsavia, Praga, Pristina, Skopje.
Tra il 2000 e il 2001 pubblica: Lezioni di tarantella e Tarantella del Gargano, raccolte di tarantella meridionale. Nello stesso periodo inizia la tournée italiana Lezioni di tarantella. Anche in questi anni effettua una tournée all’estero: Marocco, Tunisia, Canada, Australia, Argentina, U.S.A., Spagna, Francia e Algeria. In quell’anno fonda a Bologna la “Scuola di Tarantella e danze popolari del Mediterraneo”, prima scuola in Italia con lo scopo di recuperare, studiare e divulgare i balli popolari del sud d’Italia.
Bennato in concerto a Cascina Monluè a Milano nel 2007
Nel giugno 2002 esce l’album Che il mediterraneo sia. Parte così per una tournée internazionale nell’estate 2002 conclusasi in Egitto nel 2004 al Festival del Cinema egiziano all’Opera del Cairo.
Partecipando anche al Festival de Brugges in Belgio, al Festival di Norimberga in Germania, al Festival di Salamanca e Villanova in Spagna, il B.B.C. Chappel Union in Gran Bretagna, Festival du vent in Corsica e al Roman Forum di Shangai in Cina.
Eugenio Bennato e suo fratello Edoardo hanno realizzato la colonna sonora del cartone animato “Totò Sapore e la magica storia della pizza” uscito nel Natale del 2003. Questo diede luce al musical Pizza story con una tournée italiana nell’estate 2004.
Eugenio ha partecipato alla creazione delle musiche de Il padre delle spose, film andato in onda su Rai 1 il 20 novembre 2006.
Eugenio ha insegnato nel 2006 al Laboratorio di Etnomusicologia presso l’Università degli studi Suor Orsola Benincasa di Napoli.
Il 20 aprile 2007 è uscito l’album dal titolo Sponda sud, interamente composto da brani inediti. Ha collaborato, inoltre, al disco Evoluzione dei Demonilla.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

25 risposte a “Eugenio Bennato torna a settembre in città per la Festa di San Sabino”

  1. Mist ha detto:

    una buona scelta e di certo non costosa bravi

  2. Nappo Carmela ha detto:

    Non sono d’accordo che il comitato di San Sabino chiama di nuovo Eugenio Bennato per suonare di nuovo. E’ stato gia chiamato una volta, adesso lo chiamano di nuovo quando mi chiedono i soldi il comitato io non li darò mai! Per me dovevano chiamare un altro cantante che non hanno chiamato già ciao

  3. aldo ha detto:

    vanno riesumando le persone questo comitato.

  4. vittorio ha detto:

    Quella mancava a S. Sabino, una bella tarantella e un panino con salsiccia.

  5. Vincenzo ha detto:

    Che vergogna sempre peggio ….non ci sono parole paesini di 4 abitanti fanno feste migliori e noi……manco un euro vi do

  6. alive ha detto:

    OTTIMA SCELTA, VIVA EUGENIO, VIVA LA TARANTA, VIVA IL SUD……

  7. Umberto ha detto:

    è forse l’ottava volta che viene ad atripalda.

    non potevate con i soldi che spendete per il concerto caro don enzo sistemare la facciata della chiesa che sta cadendo a pezzi?… è proprio necessario un concertino??? …

  8. nati' ha detto:

    anche se quel giorno non ci sarò…complimenti per la scelta.ma ti lamenti ma che ti lamenti piglia lu bastone e tira fuori li denti.grande Bennato

  9. Atripaldese ha detto:

    Salve a tutti, io penso che non bisogna scoraggiare queste persone che si prodigano per la festa Patronale,noi siamo solo buoni a criticare ma non sappiamo che dietro c’è un lavoro che nessuno si immagina. Atripalda come altri paesi si fa ancora la questua per le case, altri paesi hanno i contributi della regione, quindi quando le cose non si sanno bisogna stare in silenzio, oppure partecipare a far parte del comitato e aiutarlo.
    Vedete Avellino per il 15 agosto non viene nessuno, almeno ad Atripalda si faranno 3 giorni di festa naturalmente nelle possibilità della cittadina, quindi io dico grazie al Comitato

  10. ariosto ha detto:

    Hai ragione e condivido con te atripaldese ll tuo pensiero. Però a quanto hai voluto precisare va aggiunto che il comitato organizzatore è il responsabile di ogni evento organizzativo . Quindi , perchè chi critica non si fa avanti e propone sue idee ??????????? Poi ricordati bene, caro atripaldese che noi “Atripaldesi ” siamo nati per criticare ecco perchè Atripalda è diventato un paese dormitorio . Ma maggiormente, aggiungo quello che mi fa rabbia è che, chi critica è il primo portoghese che si gode lo spettacolo in prima fila alla faccia degli………………………..

  11. Micciariello ha detto:

    Atripalda sta diventando il paese dei fessi. Da secoli, nella festa di San Sabino hanno sempre chiamato cantanti di terz’ordine, magari passati per San Remo e basta. Per la prima volta hanno chiamato un artista, un musicista, con una band di alto livello e qualcuno ha pure il coraggio di scrivere critiche.

  12. Nappo Carmela ha detto:

    non sono d’accordo con Atripaldese si fa una critica per scrivere quello che si pensa ciao

  13. veleno ha detto:

    PER Umberto ( commento n° 7 )
    Caro Umberto, stiamo in mano a questa banda di pellegrini che non vedono oltre il proprio naso. Se non ci sono soldi perché la gente non ne ha, fate una buona festa religiosa che già basta. Date qualche soldo a persone bisognose che ad Atripalda ve ne sono tante e non a Eugenio Bennato, che con quattro tarantelle, arrecetta tutto e se ne va. State accorti a quando bussate le porte della gente di Atripalda, che avrete sicuramente qualche sorpresa.

  14. gola lunga ha detto:

    Per Micciariello:
    si vede che tu di cantanti non ne capisci proprio.

  15. amilcare ha detto:

    Per Atripaldese ( commento n° 9 )
    Caro atripaldese, se ad Avellino non hanno fatto niente, hanno capito che la gente ha problemi per mangiare ogni giorno, e non fare sempre feste e festini. Oramai bisogna capire lo stato di indigenza che versa tutta l’Italia e sicuramente anche parte degli atripaldesi che stentano a tirare avanti. Che il comitato festa, andasse al Comune, all’ufficio addetto, vedere chi veramente soffre e alleviare la loro sofferenza portandogli aiuto presso le loro abitazioni.

  16. carusiello ha detto:

    Carmè non scrivere solo commenti, fai una cosa vai da Don Enzo e scriviti nel comitato . CIAO…………..CIAO………….CARME’

  17. Atripaldese ha detto:

    Per Nappo Carmela…..ma tu per la festa quanto dai??non criticare…..

  18. Micciariello ha detto:

    Per gola lunga:
    È vero io “non capisco di cantanti”, ma conosco la musica, l’arte, la storia.
    Certamente, differenziandomi da te e dalla massa, conosco Eugenio Bennato. Posso dirti,pertanto, che il suo spettacolo sarà bellissimo, pieno di virtuosismi, di messaggi e di identità. Quello che ci manca è proprio questo: analisi, ricerca, radicamento e qualità. ma se a Napoli ci sono i neomelodici, ad Atripalda ci sono i fessi. Non ci possiamo fare niente, bisogna accettare e sperare in un futuro migliore.

  19. nessuno mette mani alla tasca ha detto:

    Certo che qualsiasi cosa si faccia ecco che subito escono fuori i falsi moralisti
    se si fa la festa… e perchè si è fatta?
    se non si fa…. e perchè non si è fatta?
    Non aspettiamo una festa Patronale per poter aiutare gli atripaldesi in difficoltà perchè loro non hanno bisogno di aiuto solo a settembre ma tutto L’anno. Andate voi al comune a chiedere come potete aiutare queste persone in difficoltà, andate a fare voi la spesa di tasca vostra e portatela a chi secondo voi ne ha bisogno non aspettate la festa patronale per ricordare che Atripalda ha bisogno di Aiuto.
    quando il comitato busserà alle vostre porte dategli ciò che secondo voi sia giusto, ma vi ricordo che anche se si decide di fare solo la festa religiosa nessuno regala niente quindi la “Questua” comunque verrebbe fatta…

  20. Nappo Carmela ha detto:

    Ciao Atripaldese ho come ti chiami tu io non do mai i soldi a nessun comitato perche’ ultimamente sono delusa che fanno cantare sempre lo stesso cantante. critico e scrivo quello che penso io mi firmo tu ti nascondi dietro un nome inventato. E poi voglio dire a carussiello che io faro’ sempre commenti alla luce del sole, non mi nascondo dietro a qualche nome di fantasia ciao

  21. nati' ha detto:

    per tutti quelli che hanno buoni propositi… mettete mano alla tasca e fatela questa beneficenza senza obbligare a chi la festa patronale piace.non puntate sempre il dito e agite…state sempre a criticare

  22. limoncello ha detto:

    Brava Nappo Carmela per il commento n* 20.

  23. carmine ha detto:

    atripaldesi sempre agguerriti,e’ molto positivo .
    ma bisogna essere uniti fare gioco di squadra.

  24. Nappo Carmela ha detto:

    prego limoncello ciao

  25. Ciro ha detto:

    Il Bennato sbagliato avete preso,tralaltro,vabbè…meglio di niente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *