alpadesa
  
Flash news:   Il Ventuno marzo nei versi di Gabriele De Masi L’ex sede Asl di via Tiratore nel mirino dei vandali: tiro al bersaglio contro le finestre del piano terra. FOTO Giovedì ad Avellino la marcia di Libera contro le mafie Lotta alla povertà: cosa cambia. Il Consorzio A5 ne discute con l’Alleanza contro la povertà Lacrime, striscione e applausi per Vittorio Salvati. FOTO Vucinic: “ci attende un calendario fitto di impegni” Il presidente Biancardi ad Atripalda:«Sanità lontana dalla gente. C’è bisogno di confronto e dialogo con tutte le parti sul territorio». FOTO Serie B, non basta il cuore all’Atripalda Volleyball: Ottaviano passa 3 a 1 Seconda vittoria consecutiva per la Sidigas: battuta Reggio Emilia. Foto Oggi il giorno del dolore e dell’addio a Vittorio Salvati

Tomba a Camera di via Tufara, questa sera primo sopralluogo della Soprintendenza chiamata dal Comune

Pubblicato in data: 2/8/2013 alle ore:07:30 • Categoria: CulturaStampa Articolo

via-tufaraSopralluogo questa sera alle ore 21.00 sull’area della Tomba a Camera di via Tufara. Una delegazione della Soprintendenza con la dottoressa Fariello sarà infatti sul posto insieme al delegato alla Cultura Barbarsi per un primo studio della zona volto ad avviare le indagini sull’antica tomba interrata di via Tufara. L’intervento, voluto dall’Amministrazione comunale su delibera di Giunta intersettoriale, vede coinvolti su richiesta dell’ente una ditta esterna di tecnici chiamati ad effettuare più approfondire indagini ricognitive. Inserita, infatti, in bilancio una voce di 2.400€ da destinare alla valorizzazione e al recupero dei reperti archeologici cittadini. Probabilmente già venerdì prossimo seguirà una nuova ispezione per la quale sarà contattata anche la studiosa Antonietta Simonelli che già in passato si occupò dell’antico reperto probabilmente risalente al IV secolo a.C. Le indagini ricognitive hanno lo scopo di stabilire l’esatta collocazione dell’antico sepolcro. La Tomba a Camera fu scoperta, in località Maddalena a circa 5 metri di profondità, il 9 settembre del lontano 1881, nel corso dei lavori di realizzazione della strada di collegamento fra Atripalda e la stazione ferroviaria di Avellino. All’inizio del ‘900 la tomba però venne nuovamente interrata e solo nel 1954 fu riportata alla luce senza però effettuare alcuna opera a tutela della sua integrità e accessibilità.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

4 risposte a “Tomba a Camera di via Tufara, questa sera primo sopralluogo della Soprintendenza chiamata dal Comune”

  1. happy idea ha detto:

    La tomba agli inizi degli anni ’50 era aperta e ben visitabile! fu chiusa ed Interrata perche’ era diventata luogo di ritrovo notturno nonchè cacatoio di ben educati ATRIPALDESI ,in poche parole NO SCHIFO COMPLETO! STA SOTTO A VIA CHE SAGLIE VICINO AI PALAZZI E SFIERRO MI SEMBRA PROPRIETA’ NAZZARO. NATA TOMBA STA’ RINTO A TERRA E LUISELLA FU TROVATA AROPPO O TERRAMOTO ’80 NANZI A VECCHIA CASA CARUTA PO TERRAMOTO! E SI ATI CHIU NANZI TROVATI TANTE FOSSE E CRISTIANI IN POSIZIONE FETALE SENZA MAUSULEI SI VERIERO QUANNO PASSAVO A SUPERSTRADA NEGLI ANNI ’60.

  2. pinosilvestre ha detto:

    et allora est un camposanto dei primi cristiani…..sepolti due volti per incuria e dabbenagine

  3. finucchietto ha detto:

    cari amministratori,
    leggetevi bene il commento di happy idea ( il n° 1 )

  4. gaetano ha detto:

    approfitto per dire che gli scavi situati PIAZZETTA GARIBALDI sono in stato di abbondono, nel senso che la recinsione e’ da sistemare in piu punti perche’ circondata all esterno anche da erbacce e rifiuti, poi costa tanto mettere un cartello che descrive il sito archeologico esistente? mi sembra tutto tranne che un posto da visitare……………..anche la recinsione che perimetra la chiesa sempre nella suddetta piazza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *