alpadesa
  
Flash news:   I Socialisti di Atripalda all’attacco dell’Amministrazione Spagnuolo, l’ex assessore Pacia:«Non c’è la svolta promessa, non raggiunge la sufficienza» Il Distretto Asl di Atripalda a rischio smobilitazione, l’appello del dottor Raffaele Piscopo ai primi cittadini e al sindaco Spagnuolo Atripalda Volley, la regia nelle mani di Ciro D’Alessandro: “Mi rimetto in gioco in un progetto tecnico interessante” Percosse e lesioni con bastone di legno e fornetto a microonde tra un uomo e una donna, al via il Processo Striscioni, fumogeni, applausi e cori per l’ultimo abbraccio a Flavio Puleo. FOTO “Action Day”, Carabinieri e Forestali sequestrano al mercato di Atripalda 300 kg di pesce senza tracciabilità e 28 bottiglie di alcol con sigilli contraffatti. FOTO Atripalda Volley, Ambrosone veste biancoverde : “Campionato equilibrato. Puntiamo a giocarcela con tutti” Risse serali in piazza Umberto, i Carabinieri chiudono il bar Blitz al mercato del giovedì con sequestro di prodotti ittici e sanzioni ai commercianti Una delegazione atripaldese al raduno mondiale Scout negli Usa

Fiano di Avellino, la vendemmia nei versi di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 26/9/2013 alle ore:19:27 • Categoria: CulturaStampa Articolo

fiano-di-avellinoFiano

Coda di volpe, sciascinoso, sangiovese,
aglianico, piedirosso, fragolino,
sanginella, aleatico, greco solforoso…
Si trancia , fine mese porta sorprese a filari
nobili di pigne,fende l’aria in bassa schiera
i tralci d’autunno, sgravidano peso di pancia,
abbonda la terra con messe d’acini colti
in secchi colmi di vendemmia.
Valle del Sabato,fiume del Terminio,
dolci gobbe di castagni, noci,noccioli,
e tanti chicchi biondi, serrati stretti,
per caso d’amore con danza a corolla
d’api indaffarate che ne danno il nome
antico Apianum, Fiano d’Abellinum,
bacche per morsi di bocche, succo
a labbra di fanciulle con collane
di perle a nocèlla,sarnese, cambotica,
mortarella, valle tagliata sotto Serra
e lì scompare a Benevento
e non nasce più tra gole d’antiche
battaglie caudine quando, a crescenza
di luna settembrina, è in cantina
a farsi pigiare, sprizza oro, borbotta
mosto, farfalla da bruco, gialla, radiosa,
posata dai tini in alti calici,
in trasparenza per umiltà d’evento.
Batte le ali. S’eleva tra bagliori:
incanto, profumi, sapori …
E’ il Fiano, d’Avellino. Il vino.

Gabriele De Masi

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (15 votes, average: 4,73 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Fiano di Avellino, la vendemmia nei versi di Gabriele De Masi”

  1. crestone ha detto:

    Vertigine della lista… Uberto Eco ne andrebbe fiero !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *