alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, in Irpinia secondo giorno consecutivo a contagio zero. I tamponi effettuati sono stati 298 Us Avellino, completato il passaggio delle quote Coronavirus, risalgono i contagi (+584) e le vittime (+117) in un giorno “Rossi-Doria, il riformatore che amava l’Irpinia”, il ricordo di Luigi Caputo del grande meridionalista Ciclismo, l’A.S.Civitas presenta il veterano Michele Venezia Lavori alla Biblioteca comunale e contrada Fellitto, si ampliano i cantieri ad Atripalda. Foto Coronavirus, nessun caso in Irpinia su 299 tamponi effettuati Coronavirus, quasi raddoppiati i guariti e le vittime in un giorno sono solo 78 Così non va – una fioriera cementata e vuota al posto di un paletto dissuasore in via Appia. Foto Istituto Comprensivo di Atripalda di nuovo nella bufera, la componente genitori scrive al Ds per criticare la Dad e all’Amministrazione: «Chiediamo di assumere le posizioni dovute al ripristino degli equilibri»

Fiano di Avellino, la vendemmia nei versi di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 26/9/2013 alle ore:19:27 • Categoria: Cultura

fiano-di-avellinoFiano

Coda di volpe, sciascinoso, sangiovese,
aglianico, piedirosso, fragolino,
sanginella, aleatico, greco solforoso…
Si trancia , fine mese porta sorprese a filari
nobili di pigne,fende l’aria in bassa schiera
i tralci d’autunno, sgravidano peso di pancia,
abbonda la terra con messe d’acini colti
in secchi colmi di vendemmia.
Valle del Sabato,fiume del Terminio,
dolci gobbe di castagni, noci,noccioli,
e tanti chicchi biondi, serrati stretti,
per caso d’amore con danza a corolla
d’api indaffarate che ne danno il nome
antico Apianum, Fiano d’Abellinum,
bacche per morsi di bocche, succo
a labbra di fanciulle con collane
di perle a nocèlla,sarnese, cambotica,
mortarella, valle tagliata sotto Serra
e lì scompare a Benevento
e non nasce più tra gole d’antiche
battaglie caudine quando, a crescenza
di luna settembrina, è in cantina
a farsi pigiare, sprizza oro, borbotta
mosto, farfalla da bruco, gialla, radiosa,
posata dai tini in alti calici,
in trasparenza per umiltà d’evento.
Batte le ali. S’eleva tra bagliori:
incanto, profumi, sapori …
E’ il Fiano, d’Avellino. Il vino.

Gabriele De Masi

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
“Non abbiate paura”, nei versi di Gabriele De Masi

Questa poesia ha chiuso lo spettacolo-recital di poesie "Est a Mediterraneo" portato in scena da Michele Placido, su testi recuperati Read more

Auguri di Natale ai lettori di Atripaldanews nei versi di Gabriele De Masi

Per Natale Scrivo un augurio, non trovo parole, eppur ci provo, cerco note dell‘animo, che mi invitino a sperare, andare, Read more

Cittadinanza ad Enzo Angiuoni, il ricordo della giovinezza nei versi di Gabriele De Masi

Domani mattina il Consiglio comunale di Atripalda conferirà la cittadinanza onoraria all'imprenditore tessile di origini atripaldesi ma trapiantato da anni Read more

“In Irpinia”, l’autunno nei versi di Gabriele De Masi

In Irpinia Incido pancia di castagna, è ferita al guscio, s’apre ancor più al calor di fiamma, prorompe soda polpa Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Fiano di Avellino, la vendemmia nei versi di Gabriele De Masi”

  1. crestone ha detto:

    Vertigine della lista… Uberto Eco ne andrebbe fiero !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *