alpadesa
  
Flash news:   Sbanda con l’auto e abbatte una palma. Foto Ignoffo: «Tre punti fondamentali, ma abbiamo sofferto fino alla fine» L’Avellino corsara con il Picerno: terza vittoria consecutiva Nozze Donnarumma-De Maio, auguri Il Circolo Amatori della Bici finalmente a braccia alzate Incendio a Pianodardine, scattano i divieti. Il sindaco di Atripalda firma l’ordinanza Domani mattina apre il nuovo parcheggio di via Scandone Incendio a Pianodardine, la Prefettura: “Non si evidenziano sforamenti dalle analisi. Cessate le esigenze di limitazioni alla mobilità e chiusura delle scuole” Incendio Pianodardine, la prefettura: “Non si evidenziano sforamenti dalle analisi. Cessate le esigenze di limitazioni alla mobilità e chiusura delle scuole” Incendio a Pianodardine, domani riaprono scuole

Stadio Valleverde offlimits, questa l’ordinanza di chiusura del sindaco Spagnuolo per inottemperanza alle prescrizioni impartite dalla Commissione. Il sindaco: “Nuova convenzione”

Pubblicato in data: 21/10/2013 alle ore:13:10 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

valleverde-ordinanza-di-chiusura-del-sindacoStadio comunale Valleverde offlimits, ecco l’ordinanza di chiusura firmata dal sindaco Paolo Spagnuolo.
La Commissione comunale di vigilanza sui pubblici spettacoli ha infatti deciso di revocare l’autorizzazione a poter giocare a porte chiuse, apponendo i sigilli al “Valleverde”. Alla base della decisione, assunta venerdì scorso, la mancanza dei requisiti di igienicità e sicurezza necessari per ospitare eventi sportivi. Da qui la revoca, per inottemperanza delle prescrizioni, dell’autorizzazione rilasciata allo Sporting Atripalda di giocare a porte chiuse.
Caos per le quattro società sportive che utilizzano la struttura: l’AtriCalcio e lo Sporting Atripalda che militano entrambe nel campionato di Promozione, l’Abellinum Calcio ed infine l’ “Usd Matteo Spadafora” che si ritrovano all’improvviso senza neanche una casa dove poter svolgere gli allenamenti.
L’ennesima doccia fredda per lo sport cittadino mentre l’Amministrazione appare decisa a mantenere chiusa la struttura fino a quando non sarà sottoscritta una nuova convenzione. Per il sindaco infatti non è accettabile quella sottoscritta anni fa dal Comune con la società sportiva «Città di Atripalda» alla quale ha affidato la gestione dell’impianto per nove anni pagando anche 6mila euro annui. «Finora il Valleverde è stato sempre gestito come terra di nessuno dove tutte le spese ricadevano sul bilancio comunale. Inoltre c’è una convenzione che questa amministrazione non condivide – spiega il primo cittadino -. Non siamo d’accordo che oltre a concedere l’impianto sportivo dobbiamo pagare anche 6mila euro annui alla società sportiva. Questa è cattiva politica. Una spesa che considero non giustificata che invece dovrebbe essere utilizzata per valorizzare lo stadio ed i beni comunali»

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

5 risposte a “Stadio Valleverde offlimits, questa l’ordinanza di chiusura del sindaco Spagnuolo per inottemperanza alle prescrizioni impartite dalla Commissione. Il sindaco: “Nuova convenzione””

  1. lino ha detto:

    SINDACO NON HAI FATTO ALTRO CHE APPLICARE LA LEGGE.

  2. FRANCO ha detto:

    BRAVO SINDACO. ORA RIPARTIAMO. ERA ORA.

  3. luca ha detto:

    Sindaco trova una giusta soluzione soprattutto nell’interesse dei veri sportivi Atripaldese quelli che fanno sport solo per passione.Vai avanti

  4. Matteo ha detto:

    Questa lettera vergognosa sembra voler trasferire le colpe alle squadre di calcio che si sarebbero impegnate a fare qualcosa che non hanno fatto. Ma lo Sa il sindaco che è proprietario del campo e che tutti i lavori toccano al comune? Le prescrizioni esistono da 2 anni ed il comune aveva l’obbligo di attuarle. Inulite fare letterine, impara a fare l’amministratore assumendoti le responsabilità

  5. alfredo cucciniello ha detto:

    Per motivi di lavoro vivo per diversi giorni lontano da Atripalda; sono stato informato della chiusura del campo telefonicamente da altri dirigenti della società di cui sono Presidente. Su questa vicenda, sono talmente tante le considerazioni che si dovrebbero e potrebbero fare che non basterebbe questo spazio a disposizione. Io mi limito a farne qualcuna dopo aver visto questa lettera inviata alle Società Sporting, Atri Calcio e Città di Atripalda. Non risultano tra le destinatarie né la Scuola Calcio Spadafora né l’Abellinum Calcio 2012. Prima domanda: chi si cela dietro la società Città di Atripalda, che non partecipa a nessun campionato? Visto che le prescrizioni riguardano l’utilizzo del campo per le gare ufficiali, perchè non è possibile utilizzarlo per gli allenamenti? Perchè dobbiamo fare tutto il campionato in trasferta e aggiungere alle spese di campo e trasferte le spese x altre trasferte non previste (gare casalinghe e trasferte x gli allenamenti)? E per ora mi fermo qui

    Alfredo Cucciniello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *