alpadesa
  
Flash news:   “World Philosofy Day 2019“, gli studenti del liceo “De Caprariis” di Atripalda a confronto con il vescovo Aiello. Foto Davide Rondoni stasera e domani ad Atripalda omaggia Giacomo Leopardi per i 200 anni de “L’Infinito” La Casertana piega l’Avellino: quarta sconfitta in campionato Sesta sconfitta per la Scandone: ko anche a Nardò (73-64) Maltempo, rimosse dai Vigili del Fuoco lamiere pericolanti dal tetto del campanile della chiesa di Santa Maria delle Grazie. Foto Natale 2019, aggiudicata la gara per le luminarie installate dal Comune ma i commercianti restano divisi. L’assessore Musto:«Uno sforzo non da poco per l’Amministrazione» Progetto “risanamento ambientale dei corpi iderici superficiali delle aree interne”, riunione all’Utc per gli interventi a contrada Fellitto e piazza Sparavigna Bando di vendita del Centro Servizi alle Pmi di Atripalda: lunedì la pubblicazione con prezzo a base d’asta di 2.715.000 euro. Gara il 20 dicembre Al via il cronoprogramma per l’accorpamento del mercato settimanale di Atripalda a parco delle Acacie: si assegnano le postazioni Ordigno bellico ritrovato ad Avellino: la bomba verrà fatta brillare in una cava di Atripalda

“In Irpinia”, l’autunno nei versi di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 25/10/2013 alle ore:17:39 • Categoria: CulturaStampa Articolo

castagneIn Irpinia

Incido pancia di castagna,

è ferita al guscio, s’apre

ancor più al calor di fiamma,

prorompe soda polpa dorata

di gonfia caldarrosta, che,

se non segnata, brontola

sulla brace, protesta, scoppia

ed è festa di bimbi al falò

di piccoli legni di fascina

all’improvviso botto, ressa

di mani nel gioco, salta

castagna da palmo a palmo

al vento di bocca che soffia

sul caldo pasto prima

d’essere assaporata, guardo

lontano,s’è vestito d’inverno

il primo tempo d’autunno,

dorme la nocèlla secca nel sacco

all’androne di cantina,

singhiozza il vino, aspettano

le giffoni trasmutarsi in corpo

nuovo, pralina, dolce torrone, bacio

fondente al cioccolato e ancor

nutella bella di sapore, ora

sale dalla valle il compratore,

arranca il camion nei tornanti

sui colli e monti dell’Irpinia,

spiazzo il tempo con curve nuvole

di fumo, respiro ampie boccate,

il noce di fronte è stanco,

schiuma, rilascia da malli acidi

fresche armature di giovani

gherigli, balsamo al fiato nuovo

d’autunno, che nasce e muore

d’improvviso ardore intorno

a una castagna, al vino,

alla nocèlla e al noce.

Gabriele De Masi

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (16 votes, average: 4,94 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 risposte a ““In Irpinia”, l’autunno nei versi di Gabriele De Masi”

  1. Antonello ha detto:

    Non è un segreto che Gabriele De Masi sia un chirurgo delle parole. Poesia deliziosa!

  2. ANGELO ha detto:

    complimenti Grabriele un saluto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *