alpadesa
  
Flash news:   Secondo contagio ad Atripalda, il sindaco: “invito l’intera comunità ad osservare le misure per la prevenzione e il contrasto al covid-19” Coronavirus, contagiato ad Atripalda anche un parente della signora romena Nuovo caso di Coronavirus ad Atripalda, il sindaco: “la donna straniera sottoposta ad isolamento” Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda: in isolamento persona rientrata dall’estero Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi) “Cinema al Parco”, mercoledì al via la terza edizione estiva a Parco delle Acacie Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Piazza Umberto I, gruppo di bambini aggrediti: 12enne finisce in ospedale Al via la XXVIII edizione del Festival “I Luoghi della Musica”: stasera si parte dal Chiostro di S. Maria della Purità di Atripalda

“In Irpinia”, l’autunno nei versi di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 25/10/2013 alle ore:17:39 • Categoria: Cultura

castagneIn Irpinia

Incido pancia di castagna,

è ferita al guscio, s’apre

ancor più al calor di fiamma,

prorompe soda polpa dorata

di gonfia caldarrosta, che,

se non segnata, brontola

sulla brace, protesta, scoppia

ed è festa di bimbi al falò

di piccoli legni di fascina

all’improvviso botto, ressa

di mani nel gioco, salta

castagna da palmo a palmo

al vento di bocca che soffia

sul caldo pasto prima

d’essere assaporata, guardo

lontano,s’è vestito d’inverno

il primo tempo d’autunno,

dorme la nocèlla secca nel sacco

all’androne di cantina,

singhiozza il vino, aspettano

le giffoni trasmutarsi in corpo

nuovo, pralina, dolce torrone, bacio

fondente al cioccolato e ancor

nutella bella di sapore, ora

sale dalla valle il compratore,

arranca il camion nei tornanti

sui colli e monti dell’Irpinia,

spiazzo il tempo con curve nuvole

di fumo, respiro ampie boccate,

il noce di fronte è stanco,

schiuma, rilascia da malli acidi

fresche armature di giovani

gherigli, balsamo al fiato nuovo

d’autunno, che nasce e muore

d’improvviso ardore intorno

a una castagna, al vino,

alla nocèlla e al noce.

Gabriele De Masi

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
“Non abbiate paura”, nei versi di Gabriele De Masi

Questa poesia ha chiuso lo spettacolo-recital di poesie "Est a Mediterraneo" portato in scena da Michele Placido, su testi recuperati Read more

Auguri di Natale ai lettori di Atripaldanews nei versi di Gabriele De Masi

Per Natale Scrivo un augurio, non trovo parole, eppur ci provo, cerco note dell‘animo, che mi invitino a sperare, andare, Read more

Cittadinanza ad Enzo Angiuoni, il ricordo della giovinezza nei versi di Gabriele De Masi

Domani mattina il Consiglio comunale di Atripalda conferirà la cittadinanza onoraria all'imprenditore tessile di origini atripaldesi ma trapiantato da anni Read more

Fiano di Avellino, la vendemmia nei versi di Gabriele De Masi

Fiano Coda di volpe, sciascinoso, sangiovese, aglianico, piedirosso, fragolino, sanginella, aleatico, greco solforoso... Si trancia , fine mese porta sorprese Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 risposte a ““In Irpinia”, l’autunno nei versi di Gabriele De Masi”

  1. Antonello ha detto:

    Non è un segreto che Gabriele De Masi sia un chirurgo delle parole. Poesia deliziosa!

  2. ANGELO ha detto:

    complimenti Grabriele un saluto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *