alpadesa
  
Flash news:   Uccise la moglie con arnese da falegname, si impicca in cella a Torino 64enne originario di Atripalda Trova uno smartphone e chiede 30 euro per la restituzione: denunciato per tentata estorsione 60enne di Atripalda Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Laurea in Tecniche di Radiologia Medica: auguri alla dottoressa Angela Penza Natale 2019, Amministrazione in campo per le luminarie in centro città Via Melfi ad Atripalda chiude al traffico per un mese a causa di lavori urgenti sulle facciate laterali di Palazzo Del Gaudio Al via la vendita dei biglietti per Avellino-Potenza Domani 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino Si è sciolto il Direttivo della Curva Sud Avellino Il gruppo consiliare “Noi Atripalda” incalza il sindaco sul Distretto Asl di Atripalda a rischio smobilitazione

Sversava illegalmente acque reflue nel Sabato, i Carabinieri di Atripalda sequestrano opificio sulla Variante per violazioni di normative ambientali ed in materia edilizia

Pubblicato in data: 9/11/2013 alle ore:15:31 • Categoria: CronacaStampa Articolo

fiume-sabatoNella mattinata odierna i Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo, emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari di Avellino, dell’area aziendale di un’impresa operante nel settore della produzione di prodotti ortofrutticoli surgelati ubicata nei pressi del casello autostradale di Avellino Est. L’attività di indagine, condotta dai militari della Stazione di Atripalda e coordinata dalla Procura della Repubblica di Avellino, era stata avviata nel mese di marzo 2013 a seguito di numerose segnalazioni circa l’emissione di un denso fumo maleodorante che rendeva irrespirabile l’aria. L’intervento dei Carabinieri, supportati dai militari del Nucleo Operativo Ecologico di Salerno, consentiva di accertare alcune iniziali irregolarità nello stoccaggio e nello smaltimento, a mezzo di una caldaia a biomasse, degli scarti derivanti dalla lavorazione dei prodotti. In quella sede i Carabinieri individuavano, altresì, uno sversamento illecito di acque reflue industriali direttamente nel vicino fiume Sabato senza il preventivo transito attraverso il depuratore.

Approfondendo gli accertamenti investigativi la P.G. operante, acquisendo ed analizzando documentazioni tecniche e planimetrie, accertava che una gran parte degli ampliamenti che avevano interessato l’opificio nell’ultimo periodo, per il sostegno dei quali era prevista l’erogazione di finanziamenti pubblici, risultavano realizzati in quasi totale difformità dalle norme vigenti, ovvero in assenza dei prescritti titoli autorizzativi; in particolare, oltre alla realizzazione di opere edilizie difformi da quelle autorizzate, i Carabinieri accertavano la sussistenza della specifica circostanza aggravante rappresentata dall’aver agito, senza autorizzazione, in zona sismica, nonché sottoposta a vincolo paesaggistico in quanto rientrante nella cosiddetta fascia di rispetto del citato fiume Sabato.
Il provvedimento oggetto dell’odierna esecuzione, pur concedendo il Giudice la facoltà d’uso dell’opificio al fine di salvaguardare il livello occupazionale, fissa un punto fermo dal quale l’impresa dovrà necessariamente trarre le mosse per riallineare l’unità produttiva all’interno di quella via maestra tracciata dalle normative poste a tutela dell’ambiente e del paesaggio.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *