alpadesa
  
domenica 18 agosto 2019
Flash news:   Tentata estorsione aggravata, i Carabinieri arrestano una 28enne atripaldese Atripalda Volley, ecco altri due tasselli: Roberto e Fabio Luciano vestono biancoverde “Giullarte” torna nella sua collocazione temporale originaria, Gambale: “a giugno una straordinaria edizione per il ventennale” Maria Morgante riconfermata all’Asl Avellino e al Moscati arriva Renato Pizzuti Al via l’ampliamento della strada comunale Atripalda–Sorbo Serpico e altri interventi dal centro alla periferia. FOTO Atripalda Volley, tris di giovani per mister Racaniello: Ammirati, Riccio e De Rosa vestono biancoverde Scandone, il grido d’amore degli Original Fans: “Finché il cuore batte qui si combatte“ Gli amici di via Gramsci si ritrovano a cena dopo tanti anni. Foto Venerdì presentazione di “Variazione Madre” libro di poesie di Federico Preziosi Nozze d’oro Nappa-Santella, auguri

Pallavolo, Matera espugna il PalaDelMauro. Totire costretto a giocare con giovanissimi per l’indisponibilità di tre titolari

Pubblicato in data: 24/11/2013 alle ore:22:00 • Categoria: Sport, Pallavolo Atripalda, PallavoloStampa Articolo

avellino-materaGara in salita per i biancoverdi costretti a rinunciare all’impiego di ben tre titolari, Aprea, Valsecchi ed il libero Cortina che su consiglio del proprio procuratore, si dichiarano indisponibili alla gara vista la situazione venutasi a creare in società con il mancato pagamento degli stipendi. Vanno comunque in panchina, scongiurando così la sconfitta a tavolino ma coach Totire è costretto a giocare con giovanissimi, schierando in campo ben due atripaldesi: il sedicenne Annino Lombardi ed Antonio Guancia.
Avellino lotta nei tre set contro Matera ma nei momenti clou il tasso tecnico degli stranieri e la maggior tensione agonistica favoriscono gli ospiti. I biancoverdi escono comunque dal campo tra gli applausi del pubblico.

1° set
La sesta giornata del campionato di A2 al Paladelmauro, così come nel resto dei palazzetti italiani, si apre con un minuto di raccoglimento in ricordo delle vittime dell’alluvione in Sardegna. Le formazioni, gli ospiti di mister Mastrangelo scendono in campo Luis e Suglia in banda, Pedron e Krolis sulla diagonale palleggio – opposto, Giosa a centro con Luppi, il libero è Casulli. Novità rispetto al solito sei più uno in casa biancoverde, sotto rete: Scappaticcio e Scialò opposto, centrali Diamantini e Fortunato, Paris e Libraro in banda, ed il sedicenne Lombardi come libero al posto di Cortina per la formazione di mister Totire. Avvio esaltante con Lombardi all’esordio e protagonista su più palloni in difesa e copertura. Il set scivola via sui binari dell’equilibrio fino al 18-18, un calo di concentrazione e Matera con Luppi dai nove metri scava il solco decisivo del vantaggio ospite (19-23); Libraro tiene in gioco i suoi, ma i lucani non mollano e dopo due time out chiamati da Totire è Luis a firmare il 22-25 dell’1 a 0.
2° set
È Fortunato il più fresco dei biancoverdi, muri e attacchi del centrale con il gioco smistato da Scappaticcio fanno male alla difesa avversaria: Avellino si porta 9-5. Dentro Marretta per i materani in luogo di Suglia mentre Libraro continua con precisione a mettere a terra palloni. La sfida si fa interessante a centro dove Luppi e Diamantini se le suonano a vicenda, 15-11. Il recupero degli ospiti è lento ma inesorabile, è proprio Marretta a diventare il punto di riferimento in attacco e pareggiare i conti 19-19 prima che Krolis affondi la lama del sorpasso nella ricezione irpina fino al 21-23. Il solito Marretta sigla il 24-21, tentativo di recupero in extremis che va in fumo per Avellino costretta ad arrendersi 23-25.
3° set
Matera è subito avanti al time out tecnico 10-12, Scialò costruisce tra muri e attacchi il sorpasso 15-14 e Paris schiaccia tutto, Matera non cede di una virgola e il parziale prosegue serrato 17-18. Dentro per i biancoverdi Guancia, il sorpasso irpino arriva sul 22-21 dura poco però, Matera con Krolis fa pendere di nuovo l’ago della bilancia per il lucani 22-23. Muro di Luppi e per Matera possibilità di match point, Totire chiama time out, fallo di Casulli in palleggio e set di nuovo in parità. Pedron con un tocco di seconda dà una nuova palla match, Luis stavolta non perdona: 24-26. Finisce 3-0. Tre punti persi per un lento ma inesorabile declino.

Sidigas – Hs Avellino 0
Coserplast Openet Matera   3

Progressione set (22-25/ 23-25/ 24-26)

Avellino: Aprea ne, Fortunato 7, Cortina ne, Scappaticcio , Libraro 9, Paris 10, Lombardi (L – 68%), Diamantini 2, Guancia 11, Scialò 12, Valsecchi ne. All. Totire, 2° all. Racaniello.
Matera: Luppi 8, Casulli(L – 75%), Sette ne, Luis 13, Krolis 18, Pedron 4, Lapacciana ne, Suglia 2, Granito ne, Giosa 5, Marretta 9, Di Pinto. All. Mastrangelo, 2° all. Andriani.

Arbitri Oranelli (Spoleto) e Puletti (Città di Castello). Spettatori: 346.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a “Pallavolo, Matera espugna il PalaDelMauro. Totire costretto a giocare con giovanissimi per l’indisponibilità di tre titolari”

  1. ATRIPALDESE ha detto:

    DOPO LA FARSA DI QUESTA SERA MEGLIO METTERE LA PAROLA FINE…….!!!!!!!!!

  2. Salvatore ha detto:

    Personalmente non ho visto una prestazione imbarazzante, anzi il secondo e terzo set ce li siamo giocati. Ovvio, poi, che abbiamo pagato l’inesperienza dei giovani, che comunque hanno disputato un buon incontro.

  3. ghinoditacco ha detto:

    Aprea, Cortina e Valsecchi. Che eroi. Hanno salvato la Patria, con il loro apporto da veri professionisti!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *