alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, ordinanza del sindaco Spagnuolo: “quarantena per chi viene dalle zone focolaio del Nord Italia” Forza Italia, nominato il nuovo commissario provinciale di Avellino: Fulvio Martusciello subentra a Cosimo Sibilia Coronavirus, i Carabinieri denunciano due persone del capoluogo Irpino per false segnalazioni su Facebook e procurato allarme L’irpino Vincenzo Garofalo al suo esordio regala tre punti ai Lupi Brutta sconfitta in casa per la Scandone Avellino contro Geko PSA Sant’Antimo Coronavirus, avviso alla cittadinanza di Atripalda del sindaco Spagnuolo: “Comunicate i vostri spostamenti in questi ultimi 15 giorni da e verso le zone focolaio del virus in Italia e all’estero” Elezione presidente Consiglio d’Istituto Comprensivo “De Amicis-Masi” Atripalda, lettera aperta della componente genitori guidata da Lia Gialanella: “non ci è parsa una buona partenza” Coronavirus: il figlio rientra in Irpinia da Codogno, famiglia in quarantena a Montefusco Ad Atripalda sabato pomeriggio arriva “Carnevale in Piazza” Taglio pioppi in via San Lorenzo, l’intervento della delegata al Verde Pubblico Anna De Venezia: “abbattimento dopo verifica tecnica e di un agronomo”. Foto

Cavaliero regala alla Sidigas la vittoria all’ultimo secondo, Enel Brindisi battuta per 85-83. FOTO

Pubblicato in data: 26/12/2013 alle ore:19:50 • Categoria: Avellino BasketStampa Articolo

avellino-brindisi1Cavaliero con un canestro da due punti all’ultimo secondo, regala alla Sidigas Scandone Avellino la vittoria contro Enel Brindisi per 85-83.
Rimonta degli irpini, costretti sin dai primi minuti di gioco a dover rincorrere i pugliesi sempre avanti sul tabellino fino al quarto quarto.
Partita dai ritmi sostenuti con le due squadre che si sono combattute punto su punto.
Per i biancoverdi Cavaliero, Lakovic e Ivanov i migliori. La squadra di Vitucci riesce così nell’impresa e riacciuffa la partita proprio nel finale con un bel canestro di Cavaliero, nel momento in cui le due squadre stavano a pari punti ad 83.
Soddisfatto a fine gara coach Vitucci: “E’ stata una vittoria importante. Per il tipo di partita che si è delineata per lungo tempo sono ancora più contento. Potevano chiuderla prima loro, potevamo chiuderla noi. E’ stata una partita molto faticosa.Un plauso ai miei giocatori che anche sotto di 15 punti non hanno mai mollato. La reazione, non solo emozionale, di carattere è stata importante. Abbiamo vinto con una giocata finale di Cavaliero ma nell’ultimo quarto siamo stati perfetti. Non dobbiamo esaltarci ma se pensiamo che la vittoria su Brindisi è un punto di partenza allora vuol dire che siamo sulla strada buona. Non commento l’arbitraggio ma tra primo e secondo tempo ci sono stati due metri di giudizi”.
Avellino ora guarda alle Final Eight: “Mancano tre partite dure contro Milano, Montegranaro e Reggio Emilia. E’ un obiettivo possibile e quindi ci proviamo. Per me è più importante trovare un’identità di squadra. E’ meglio consolidare quello che siamo”.
Sulla prestazione di Lakovic infine: “E’ stato bravo perché è stato messo molto sotto pressione. Ancora non sta bene fisicamente. Ha fatto un grandissimo sforzo e sono contento della sua prova”.


Avellino: Thomas 14, Biligha, Lakovic 13, Richardson 5, Ivanov 25, De Vito, Dragovic, Morgillo, Cavaliero 9, Riccio, Hayes, Dean 19. All. Vitucci
Brindisi: Aminu 4, James 4, Todic 7, Bulleri 10, Morciano, Formenti, Dyson 29, Lewis 5, Zerini 2, Snaer 18, Leggio, Campbell 4. All. Bucchi
Arbitri: Sardella, Filippini, Calbucci.
Parziali: 18-22; 42-51 (24-29); 66-72 (24-21); 85-83 (19-11)

avellino-brindisi2avellino-brindisi3

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *