alpadesa
  
Flash news:   Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Incidente lungo l’Ofantina, auto sbanda e si ribalta Scuola a rischio, nota del sindaco e del delegato ai lavori pubblici: «La doverosa iniziativa della Procura non ci sorprende né ci preoccupa ma stimolo sull’impegno intrapreso» Scuole a rischio, avvisi di garanzia a sindaco e tecnici comunali Vincenzo Aquino chiama le Misericordie irpine ad una svolta storica Atripalda Volley, domani presentazione ufficiale nella Sala Consiliare di Atripalda “Ripianti-Amo”, cinque nuovi alberelli in Piazzetta degli Artisti al posto di quello rubato. Foto Oggi pomeriggio la presentazione di mister Eziolino Capuano Le parole di coach De Gennaro alla vigilia della gara con la Virtus Arechi Salerno

Lotta all’evasione tributaria, il Comune accelera e cerca società esterna per il servizio di accertamento e riscossione

Pubblicato in data: 16/1/2014 alle ore:23:50 • Categoria: ComuneStampa Articolo

comune-transennato1Lotta all’evasione tributaria, il Comune accelera ed apre la caccia ai morosi totali e parziali nella cittadina del Sabato. La giunta Spagnuolo ha infatti deciso di procedere all’affidamento, previa pubblica gara, ad una società esterna del servizio di accertamento dell’evasione sui tributi locali, di riscossione coattiva delle entrate tributarie e patrimoniali e di individuazione dell’evasione erariale.
Una task-force che avrà il compito di effettuare controlli alla ricerca di quelli che sfuggono in parte o totalmente all’imposizione fiscale locale. Ai raggi X ci saranno le imposte su Imu, Tarsu, Tosap ed altri tributi comunali in genere.
Una verifica che sarà ad ampio raggio su tutto il territorio comunale. Un complesso progetto approvato dall’esecutivo comunale che si pone quindi l’obiettivo di evitare che vi siano contribuenti atripaldesi che sfuggono in parte o totalmente all’imposizione fiscale.
La politica di questa Amministrazione è orientata al perseguimento dell’equità fiscale e ad una giusta e corretta distribuzione del carico fiscale tra i cittadini– afferma il delegato al Bilancio, Domenico Landi -. Per il perseguimento di tali obiettivi occorre una capillare attività di ricerca dell’evasione per il cui espletamento necessitano risorse, sia umane che tecniche, di cui, ad oggi, l’Amministrazione non dispone in misura sufficiente e pertanto abbiamo deciso di avvalerci di strutture esterne specializzate“.
Finora per la riscossione coattiva delle proprie entrate il Comune di Atripalda si era avvalso di Equitalia, la quale, in base alla normativa, non è più abilitata a riscuotere coattivamente le entrate degli enti locali, e che comunque, come recita la delibera di giunta: ” a prescindere da questo impedimento normativo, i risultati raggiunti con la gestione di Equitalia non sono stati assolutamente soddisfacenti, pertanto si reputa necessario organizzarsi in proprio per la riscossione coattiva delle entrate tributarie e patrimoniali“.
Da qui la necessità di incrementare la lotta all’evasione fiscale a beneficio sia di una più equa distribuzione delle imposte, che delle finanze comunali attraverso una procedura di gara aperta col criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Il periodo di affidamento sarà triennale, rinnovabile per due anni e alla nuova società sarà richiesta la costante presenza di personale qualificato sul territorio comunale, previa apertura di un apposito sportello al cittadino contribuente.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

5 risposte a “Lotta all’evasione tributaria, il Comune accelera e cerca società esterna per il servizio di accertamento e riscossione”

  1. Francesco ha detto:

    Premesso che chi non paga le tasse è evasore e non moroso. Ci risiamo, la storia si ripete. Ricordo che nel 1997 l’Amministrazione incaricò la Sapignoli ,pare fosse di Bologna, di scovare gli evasori. Ebbene, la Sapignoli non fece altro che incaricare alcuni tecnici di Atripalda di effettuare le misurazioni di tutti gli stabili di Atripalda, cosa che avvenne. Sembra che l’Amministrazione non incamerò granchè, invece la Sapignoli incassò un bel gruzzoletto.
    Adesso questa Amministrazione vuol fare la stessa cosa. Ma allora gli errori del passato non insegnano niente? Gli evasori, almeno quelli grossi, li conoscono anche i bambini e fino adesso non si è mosso un dito. Per tutti gli altri basta dare un piccolo incentivo al personale del settore, che ben sanno le cose, e i risultati verranno. L’importante è stabilire un programma di interventi e soprattutto i tempi.

  2. Atripaldese ha detto:

    Sono d’accordo con Francesco. Purtroppo il personale comunale e’ al minimo. Occorre pensare qualche altra strategia con spese minime.

  3. Capitone ha detto:

    Se prendiamo fabbricato per fabbricato si controllano i residenti stabili, quelli che non risultano potrebbero essere evasori. Ci vuole poca intelligenza per ottenere un buon risultato, facendo lavorare i dipendenti che secondo il sindaco non fanno il proprio lavoro.

  4. Lupone ha detto:

    Anzichè incaricare gli investigatori per scovare gli evasori ad atripalda, ci sono metodi molto più semplici per scovarli, senza spendere soldi come quelli spesi con la sapignoli. Siete capaci di farlo………….”.

  5. Olga ha detto:

    Un paese bello come atripalda ridotto in macerie da quest amministratori che sanno comprare solo roba vecchia come il palazzo Caracciolo che con i primi temporali sarà raso al suolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *