alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, un nuovo contagiato ad Atripalda Biblioteca comunale ancora chiusa, “Idea Atripalda” incalza l’Amministrazione Spagnuolo Caccia ai contribuenti morosi di Imu, Tari e altre tasse comunali ad Atripalda Manutenzione stradale e parcheggio via Gramsci, sbloccati i fondi dalla Giunta Spagnuolo Arriva la proroga ad Atripalda per la presentazione della domanda per l’accesso ai voucher alimentari Sorveglianza rafforzata: il prefetto Spena blinda Atripalda e Solofra dopo gli attentati intimidatori con le bombe carta Coronavirus, da lunedì 18 gennaio in presenza anche la terza classe della Primaria Attentato intimidatorio, pressing sul sindaco delle opposizioni. Landi: ”il tavolo in Prefettura doveva chiederlo lui” Bomba carta in città, Idea Atripalda: “cultura e comunicazione come antidoto alle violenze” Molestie al prete di Atripalda: condannati gli autori

Nuova forte scossa di terremoto in Campania, magnitudo 4.2. Lezioni sospese alla Masi

Pubblicato in data: 20/1/2014 alle ore:10:00 • Categoria: Cronaca

terremoto-sismografoDopo quella registrata lo scorso 29 dicembre con magnitudo 4.7, una nuova forte scossa di 4.2 e con 11.1 km di profondità, è stata rilevata in Campania alle ore 8.13 di stamane, nel distretto sismico Monti del Matese. L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha rilevato anche una seconda scossa, alle ore 8.22, ma di minore intensità (2.6). Il sisma ha interessato la zona tra le province di Caserta, Benevento, Isernia e Campobasso. La scossa è stata avvertita anche in città. Non si registrano danni a persone o cose. Lezioni sospese alla scuola media Masi di via Pianodardine dove è stata avvertito il sisma. Negli altri plessi cittadini l’attività scolastica si sta svolgendo in modo regolare.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *