domenica 16 giugno 2019
Flash news:   Abellinum Pride, marcia arcobaleno di festa e denuncia: sfilano in duemila. Il sindaco di Atripalda: «un passo in avanti per abbattere i muri della solitudine e dell’indifferenza». FOTOSERVIZIO Abellinum Pride, le madrine Eva Grimaldi e Imma Battaglia: «ci vuole coraggio in provincia, siamo qui per far progredire il nostro Paese dove manca una legge contro l’omofobia». FOTO Atripalda Volleyball, a lavoro per programmare la prossima stagione di serie B Scontro in Consiglio sul Rendiconto 2018 in rosso, sindaco nel mirino dell’opposizione. Mazzariello: “rimetta la delega sul Bilancio” e Landi: “ennessima diffida prefettizia che danneggia l’immagine dell’Ente mentre primo cittadino e assessore Urciuoli nei comuni di dipendenza lavorano per non prenderne”. FOTO Cambio di denominazione societaria: da Calcio Avellino SSD a.r.l a Unione Sportiva Avellino 1912 s.r.l. Alla festa di Sant’Antonio appare un topo in piazza Umberto. FOTO Tanti fedeli ieri alla processione di Sant’Antonio dopo l’omelia del parroco “barricadero” Don Fabio. Stasera sul palco bottari e il comico Giuffrida. FOTO Chiudono negozi per la crisi e protestano i residenti, piazza Cassese a rischio desertificazione Consegnate le onorificenze al Merito della Repubblica, anche Atripalda premiata Così non va – Buche, dislivelli e asfalto colabrodo in via Scandone, via Di Ruggiero e via Capozzi. FOTO

Dramma a contrada Alvanite, domani mattina il funerale della piccola Morena. Don Enzo:”Siamo vicini e mi stringo alla famiglia”. Il pediatra Caggiano:”morte imprevista”

Pubblicato in data: 13/2/2014 alle ore:22:30 • Categoria: CronacaStampa Articolo

alvaniteDramma a contrada Alvanite si svolgeranno domani mattina i funerali della piccola Morena Romano deceduta l’altra notte a causa di un rigurgito che l’ha soffocata nel sonno.
Il piccolo angelo di due mesi volato in Paradiso, era in culla e sarebbe stata la mamma ad accorgersi che la piccola stava male. La bambina è deceduta nel sonno nonostante i tentativi di rianimarla da parte dei genitori e dei medici del 118 allertati subito.
I funerali si svolgeranno domani mattina alle ore 10 con partenza delle esequie da via Madre Teresa di Calcutta, n.35, per proseguire fino alla chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire dove sarà celebrata la messa.
La bambina, figlia di una giovane coppia, avrebbe accusato un disturbo – dovuto a quanto sembra da un rigurgito – mentre si trovava in culla. Inutili sono stati i disperati tentativi di soccorrerla da parte dei genitori, il papà Gianluca e la mamma Giocobba Jessica Mercadante.
Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della stazione di Atripalda. I militari hanno avviato i primi accertamenti del caso raccogliendo le testimonianze dei presenti al momento del dramma. Accertata la morte naturale il magistrato di turno non ha ritenuto di dover aprire un’inchiesta da parte della Procura. Nessun esame autoptico perciò è stato eseguito sul corpicino della bambina.
Sconcerto e dolore non appena si è diffusa la notizia nella cittadina del Sabato. Una comunità sotto choc.
Siamo vicini e mi stringo alla famiglia, esprimendo la mia solidarietà e vicinanza – commenta con tristezza il parroco della chiesa madre Don Enzo De Stefano, che oggi officerà la messa -. Affido al Signore questo angioletto volato al Cielo, inconsapevole ancora della sua presenza a questo mondo. Ma certamente dall’alto dei cieli questa bimba, Morena, continuerà a stare nel cuore dei genitori“.
Don Enzo, appena informato della tragedia, si è recato a contrada Alvanite per abbracciare la giovane coppia distrutta dal dolore. A far visita alla famiglia in mattinata anche il sindaco Paolo Spagnuolo che ha voluto portare il cordoglio dell’intera città.
Una comunità sconvolta per quanto accaduto. Inutile il tentativo della giovane coppia di rianimare la piccola. Per Morena non c’era più niente da fare. I genitori nel dolore si sono aggrappati all’amore per le altre due figlie di cinque e tre anni, Annamaria Stella e Giada. Proprio poche ore prima della tragedia la mamma aveva postato sul proprio profilo di Facebook una foto che ritrae le tre bambine, con il piccolo angelo.
E su Facebook non sono mancati messaggi di cordoglio. Una tragedia che oscura i giorni di attesa della processione in onore del Santo Patrono San Sabino Vescovo, prevista per domenica alle ore 12 dopo il rinvio a causa del maltempo. “La perdita di una bambina piccolissima – prosegue don Enzo – è qualcosa di difficile da poter accettare da due genitori abbastanza giovani. Ma dico che bisogna rimettersi nelle mani del Signore e dire sia fatta la sua volontà. Una volontà che si capirà solo con il tempo. Ma bisogna avere fiducia e speranza. Già domani (oggi ndr) con i funerali affideremo Morena al Signore ma la ricorderemo anche domenica, in occasione della processione di San Sabino, con la comunità di Atripalda che si stringerà intorno alla famiglia in questo momento difficile“.
Un rigurgito fatale alla causa del decesso come spiega il pediatra avellinese Elio Caggiano, presidente dell’Associazione Pediatrica Irpina: “E’ una morte improvvisa per la quale non c’è nessun tipo di prevenzione se non quella da avere accortezze, facendo dormire il bambino in culla in posizione corretta, ben disteso e senza cuscino – afferma il medico -. A meno che il lattante non sia affetto da infezioni respiratorie ricorrenti oppure da qualche malformazione. Non si deve creare allarmismo ma le neo mamme devono essere informate dai propri pediatri con nozioni di primo soccorso, in modo da poter praticare qualche da eseguire che possano essere efficacia in attesa dell’intervento sanitario“.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *